Migranti – 570 persone sbarcate a Lampedusa. Paoloni (Sap): «Il personale è carente. Non ce la fa a gestire emergenza

Migranti – In due settimane 570 persone sbarcate a Lampedusa. Paoloni (Sap): «Il personale è carente. Non ce la fa a gestire emergenza».

 «Sbarchi continui. Nelle prime settimane di questo mese, 570 persone sono sbarcate a Lampedusa e il sistema sicurezza è già in titl. Il personale non è sufficiente per gestire la situazione».

A dichiararlo è Stefano Paoloni, Segretario Generale del Sindacato Autonomo di Polizia (Sap).

«Attualmente sull’isola abbiamo 4 squadre da 10 uomini, tra Polizia, Carabinieri e Guardia di Finanza, impiegate in turni in quarta. In realtà, le squadre dovrebbero essere cinque. Spesso – spiega Paoloni – una delle squadre è impiegata per gli accompagnamenti, lasciando inevitabilmente scoperto uno dei quadranti nel turno di 24 ore. Questo costringe le restanti tre squadre ad effettuare doppi turni, talvolta anche in maniera consecutiva, iniziando il turno regolare alle 19.00 per poi giungere, tra viaggio e altro, a casa esausti, alle 21.00 del giorno seguente. È inammissibile lavorare in queste condizioni, con poco personale, due squadre in meno e con turni massacranti. Ne va – conclude Paoloni – della sicurezza e del benessere psicofisico dei colleghi».

Dunque la pressione dei flussi migratori torna molto forte su Lampedusa: 70 dei 224 ospiti del locale hotspot, all’interno di una struttura che al massimo ne può contenere 95, sono stati trasferiti in Sicilia. Ma l’emergenza rimane ed i migranti continuano ad arrivare.

Una situazione che manda su tutte le furie in primis il sindaco di Lampedusa, Totò Martello, il quale in primo luogo critica la decisione del governo di scegliere lo scalo dell’isola come porto per la Ocean Viking: “Accoglienti sì, cretini no”, ha dichiarato sabato scorso il primo cittadino.

ella struttura di prima accoglienza dell’isola si continua a vivere una situazione di costante emergenza dovuta al sovraffollamento di migranti che a cadenza regolare continuano a giungere in Italia a bordo delle navi ong o in maniera autonoma, come potete facilmente comprendere non ci siamo proprio…. non può funzionare così!




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *