Padre Massimiliano Kolbe, il Cavaliere dell’Immacolata

Padre Massimiliano Kolbe, il Cavaliere dell’Immacolata

È una delle storie di eroismo cristiano più limpide quella di San Massimiliano Kolbe, il religioso polacco che la Chiesa ricorda alla vigilia della Festa dell’Assunta, giorno in cui nel 1941 fu ucciso nel campo di concentramento di Auschwitz. Paolo VI lo beatificò il 17 ottobre 1971 e il suo connazionale, San Giovanni Paolo II, lo proclamò Santo il 10 ottobre 1982.

“Il Cavaliere dell’Immacolata”. Un uomo dall’animo nobile come il suo non poteva concepire altro titolo per la sua piccola rivista dedicata alla Mamma celeste, che fin da bambino aveva imparato ad amare. Massimiliano Kolbe fu un cavaliere nel senso più alto del termine e fino all’ultimo respiro.

Cavaliere all’avanguardia
Cavaliere nel creare sotto il nome e la protezione dell’Immacolata la sua “Milizia”, in un tempo in cui – era il 1917 – l’Europa era attraversata dagli eserciti della Prima Guerra mondiale. Massimiliano, carattere socievole e ottimista, capisce che per bilanciare la propaganda totalitaristica che nel primo dopoguerra sta sviluppandosi è necessario che l’impegno pastorale dei Francescani, tra i quali è entrato, sia sostenuto, per una maggiore diffusione e presa sulla gente, dall’uso della tecnologia a disposizione, che a quell’epoca voleva dire stampa e radio.

Miliziani di Maria
Massimiliano è intelligente, bravo nello studio ma la tubercolosi che lo mina fin ragazzo gli impedisce di predicare e insegnare. I superiori gli permettono allora di dedicarsi alla sua “Milizia”, che non smette di raccogliere adepti ovunque venga conosciuta e conosciuto e stimato il suo propagatore, dai professori in cattedra agli studenti, da contadini semianalfabeti ai professionisti. Ed è a questo punto che il religioso polacco impianta una stamperia e nel 1921 esce il primo numero del “Cavaliere”.

Dal Giappone all’India
Rapidamente tutto diventa grande. Un altro nobile per titolo, un conte, gli dona un terreno e lui lo utilizza per fondare “Niepokalanow”, la “Città di Maria”, mentre le spartane capanne diventano edifici in muratura e la vecchia macchina stampatrice sin evolve in una moderna tipografia. Padre Kolbe si spinge a radicare i “Cavalieri” della sua Milizia fino in Giappone e in India, ma la malattia lo riporta in Polonia proprio quando l’esercito di Hitler sta per invadere la Polonia. I nazisti fanno terra bruciata della pubblicazione e soprattutto si scagliano contro i francescani che danno accoglienza a 2.500 rifugiati, 1.500 dei quali ebrei. Il 17 febbraio 1941, padre Massimiliano viene arrestato e il 28 maggio per lui si aprono i cancelli di Auschwitz.

Principe tra gli orrori
In quella gabbia degli orrori, il Cavaliere vive la sua ultima e più nobile fase della sua esistenza. Perde nome e abito, diventa un numero, il 16670, subisce violenze e viene assegnato al trasporto dei cadaveri nel crematorio. Ma in un luogo dove l’arte della crudeltà è affinata per abbrutire, la grande dignità di sacerdote e uomo di padre Massimiliano spicca come un diamante. “Kolbe era un principe in mezzo a noi”, racconterà un superstite.

“Solo l’amore crea”
La fine è nota. Trasferito alla fine di luglio al Blocco 14, dove i prigionieri erano addetti alla mietitura nei campi, quando uno di loro riesce a scappare, per rappresaglia in dieci finiscono in un bunker condannati a morire di fame. Uno dei prescelti è un giovane sergente polacco, Francesco Gajowniezek, che scoppia in lacrime e supplica il lagherfurher di risparmiarlo perché ha moglie e figli. A quel punto, padre Kolbe si fa avanti e chiede di scendere nel bunker al posto suo, tra lo stupore dei soldati. Il martirio è lentissimo. Consolati dall’incoraggiamento e dalle preghiere intonate da padre Massimiliano, le voci si affievoliscono e spengono una dopo l’altra. Dopo due settimane in quattro ancora resistono, uno è padre Kolbe. Le SS decidono di toglierli di mezzo con una iniezione di acido fenico. Tendendo il braccio al medico che sta per ucciderlo gli dice: “Lei non ha capito nulla della vita. L’odio non serve a niente. Solo l’amore crea”. Le sue ultime parole sono “Ave Maria”. E’ il 14 agosto 1941. Il corpo del Cavaliere viene cremato il giorno dopo, festa dell’Assunta.




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *