EDITORIA – LA MAGNIFICA PORTA: UN PAESE CHIAMATO AFGHANISTAN

55

LA MAGNIFICA PORTA – “La magnifica porta. Un paese chiamato Afghanistan” è il titolo del nuovo libro di Duilio Giammaria, giornalista e scrittore, celebre per i suoi reportage di guerra dall’Afghanistan, dall’Iraq e dalla Libia. Il volume è edito da Marsilio (304 pagine, 19 euro).
La “porta dell’Asia centrale” non è un paese come un altro, ma un luogo in cui il tempo sembra non passare mai, sospeso in un eterno presente e in uno spazio assoluto, teatro di conflitti millenari.
“Voi avete gli orologi, noi abbiamo il tempo” recita un antico proverbio pashtun, cifra di un passato millenario che in Afghanistan sembra riproporsi sempre uguale, in un eterno presente che nasconde “delizie di invincibile incanto e orrori che lasciano senza fiato”.
In questa terra misteriosa epoche e influenze culturali si sono sovrapposte, fuse e intrecciate, fino ad arrivare all’Afghanistan attuale, dove ogni cosa convive con il suo contrario.
Duilio Giammaria, giornalista di lungo corso, svela i segreti di questa magica e controversa terra d’avventure, che ha esplorato in oltre vent’anni di viaggi. Con il rigore dello studioso scrupoloso e il coraggio appassionato del reporter, esplora deserti sterminati e valli dalla bellezza struggente, raggiunge impervie vette montuose, consulta libri e mappe inebriato dal dolce sentore di cedro emanato dagli scaffali della biblioteca della Delegazione archeologica francese, imbocca strade insidiose a bordo di una jeep in compagnia di mujaheddin tagiki. E in ogni “missione”, tutte le volte che entra in contatto con questo popolo insieme pacifico e feroce, solleva uno degli infiniti strati che rendono tanto complessa questa nazione, andando alla radice della sua ricchezza antropologica.
Dall’imperatore Babur ad Alessandro Magno, dalle orde di Gengis Khan ai caravanserragli lungo la Via della seta, da tessuti e pietre preziose a moschetti decorati e kalashnikov, dai campi coltivati a papavero da oppio ai frutteti di albicocchi e peschi, tutto concorre a spiegare l’essenza di questo paese di guerrieri indomabili. Un percorso affascinante e tortuoso in uno spazio assoluto fatto di persone, politica, religione, usi e costumi locali e di una miriade di conflitti che si trascinano dall’antichità ai giorni nostri, condannando l’Afghanistan a rivivere un dramma senza fine.
Duilio Giammaria, giornalista, documentarista e scrittore, inviato speciale della Rai in Afghanistan, Iraq, Libia e nelle ex repubbliche sovietiche dell’Asia centrale, ha realizzato numerosi reportage e documentari premiati in festival internazionali. Profondo conoscitore dell’Afghanistan, attraverso l’antropologia, l’archeologia e l’avventura ricostruisce la storia, gli eventi, il carattere di un paese da sempre al centro delle vicende del mondo. Ha fondato il settimanale “Petrolio” e diretto la start up Rai Documentari. Ha pubblicato Seta e veleni (2007) e La formula del successo (2016).