Montagna: la più alta del pianeta “non” è l’Everest ma il Mauna Kea

704

Montagna – «La cima del Mauna Kea è molto al di sotto dello zenit del suo rivale himalayano, tuttavia è più di un chilometro più alto dell’Everest quando si confrontano i due dalla base al pinnacolo. Ma più della metà di questo vulcano dormiente giace invisibile sott’acqua». «Sono stato ispirato ad accettare questa sfida perché mi ha permesso di combinare due delle passioni più forti della mia vita: l’alpinismo e l’esplorazione oceanica – ha raccontato -. Pensavo fosse giunto il momento per qualcuno di scalare finalmente l’intera estensione di questa imponente montagna e, dato che avevo un sommergibile in grado di arrivare alla base, perché non tentare? Sembra che nessuno salga le montagne ed esplori gli oceani, quindi mi è piaciuta l’idea di combinare i due sforzi».

VICTOR VESCOVO

Victor Vescovo, candidato alla Guinness World Record Hall of Fame, è entrato nel libro dei record quando è diventato la prima persona a visitare le più grandi profondità degli oceani. Ma all’inizio del 2021 ha deciso di puntare più in alto: alla montagna più alta del nostro pianeta, il Mauna Kea appunto. Perchè non l’Everest? Solo perchè lo ha aveva già scalato nel 2012, il che lo ha reso la prima persona a visitare i punti più alti e più bassi della Terra.

In tre giorni, Vescovo ha intrapreso la prima salita completa del Mauna Kea, dal fondale marino alla cima innevata. È stato accompagnato in questo viaggio senza precedenti dallo scienziato Clifford Kapono e tutto è stato documentato per il Guinness World Record.
«Anche se non c’è dubbio che il Mauna Kea sia la montagna più alta al mondo, vale la pena segnalare che la vera “base” e quindi anche l’esatta altezza completa è contestata». Andare da meno 5.000 a più 4.000 in così poco tempo è stato impegnativo, per la mente e per il corpo. Ma la soddisfazione non ha avuto eguali. Il Mauna Kea è un luogo sacro per gli hawaiani: si crede che sia la casa delle divinità Na Akua e si dice che la sua sommità sia il luogo in cui la Madre Terra incontra il Padre del Cielo. E questa spiritualità aleggia ovunque, «e merita molto rispetto».

l nome Mauna Kea deriva da hawaiano e significa montagna bianca. È uno dei vulcani più antichi che compongono quest’isola. È il quarto vulcano più antico e considerato un vulcano sacro dai nativi delle Hawaii. È un vulcano dove puoi trovare una grande biodiversità ed ecosistemi composti da habitat di flora e fauna autoctone, quindi ha una grande importanza culturale e naturale. È considerato un rifugio per un gran numero di specie locali e non è importante solo alle Hawaii, ma in tutto il mondo.

Una delle curiosità per cui spicca il vulcano Mauna Kea è perché ha un’altitudine più alta del Monte Everest. È considerato il vulcano più alto del mondo purché si contenga l’altezza dalla sua base.

VULCANO DORMIENTE

È classificato come un vulcano dormiente. Si trova nella parte centro-settentrionale di un’isola situata nel mezzo dell’Oceano Pacifico. La maggior parte della sua massa è ancora sott’acqua, motivo per cui l’Everest è spesso chiamato il più alto. Dal fondo alla punta del fondale è alto più di 9.000 metri, ma il numero esatto non è chiaro. È stimato che la sua altezza varia tra 9.330 e 9.966 metri, o anche più di 10.000 metri. Secondo lo United States Geological Survey, si trova a 4.205 metri sul livello del mare. Il suo volume è di circa 3.200 chilometri cubi.

È un vulcano a forma di scudo con la cima di una montagna ricoperta di neve. Sì, anche se le Hawaii non sono un luogo legato al freddo, Mauna Kea ha una calotta glaciale e, durante i mesi invernali, registra le nevicate (da cui il nome). Queste caratteristiche la rendono una meta ambita per la pratica di sport come lo sci e lo snowboard. A causa della sua altezza, del paesaggio, dell’aria pulita e della distanza dalle grandi città, sono stati installati telescopi e osservatori.

Si stima che il Mauna Kea abbia circa 1 milione di anni. Essendo un vulcano a scudo, è formato quasi interamente dall’accumulo di più strati di lava molto fluida, che si riversa in tutte le direzioni, formando dolci pendii e ampie forme. Tuttavia, la lava in questo caso è molto viscosa e si forma un ripido pendio. In particolare, si dice che sia stato in uno stato di backup perché è entrato in una fase di cambiamento e la sua attività eruttiva è diminuita più di 400 anni fa. Tuttavia, come ogni vulcano spento, può risvegliarsi in qualsiasi momento.

La sua origine è un hot spot delle Hawaii, un’area ad alta attività vulcanica. La placca del Pacifico scivola oltre questo punto, dove sale il magma di composizione basaltica, distrugge la crosta oceanica e appare sotto forma di lava durante l’eruzione. In questo senso, Mauna Kea iniziò come un vulcano sottomarino, fino a quando successivi strati di lava in eruzione si sovrapposero e gli diedero la forma attuale. La maggior parte della sua struttura è stata costruita nel Pleistocene. Le attività post-scudo iniziarono più di 60,000 anni fa; fino a 300,000 anni, dopo di che iniziò a spargere basalto alcalino.

BIG ISLAND

Mauna Kea è uno dei cinque vulcani caldi che compongono la Big Island delle Hawaii ed è l’isola più grande e più giovane della catena montuosa dell’imperatore hawaiano. Alla sua sommità, il vulcano Mauna Kea non è una caldera visibile, ma una serie di coni costituiti da cenere e pietra pomice. È ipotizzabile che ci sia un cratere vulcanico in cima alla montagna, che è stato coperto dai sedimenti della successiva eruzione vulcanica.

Il vulcano Mauna Kea ha un volume di oltre 3,200 chilometri quadrati e la sua massa è così grande che, insieme al vicino vulcano Mauna Loa, ha creato una depressione nella crosta oceanica profonda 6 chilometri. Il vulcano continua a scivolare e comprimersi sotto di esso ad una velocità inferiore a 0,2 mm all’anno.

Mauna Kea è l’unico vulcano delle Hawaii con una forte glaciazione, inclusa la lingua glaciale e la glaciazione. Possono esistere depositi glaciali simili su Mauna Loa, ma questi depositi sono stati coperti da successive colate laviche. Sebbene le Hawaii siano ai tropici, un calo di 1 grado della temperatura durante varie ere glaciali è sufficiente mantenere la neve sulla cima della montagna per tutta l’estate, formando così una calotta glaciale. Ci sono state tre glaciazioni negli ultimi 180.000 anni, che si chiama Pohakuloa.




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *