Cinema – La Francia piange l’attore Claude Brasseur

276

Cinema- Claude Brasseur – La Francia piange Claude Brasseur. L’attore francese che in oltre 60 anni di carriera ha recitato in oltre 110 film è scomparso all’età di 84 anni.

“Claude Brasseur è scomparso oggi all’età di 84 anni nella pace e nella serenità, circondato dai suoi cari”, ha annunciato il suo agente all’agenzia France Presse, precisando che l’artista non è rimasto vittima del coronavirus. Sarà seppellito a Parigi, nel rispetto delle norme sanitarie e riposerà al fianco del padre, l’attore Pierre Brasseur, al cimitero Père-Lachaise di Parigi, ha precisato la responsabile dell’agenzia Time Art, Elisabeth Tanner. Nel 1977, tra l’altro, l’attore nato il 15 giugno 1936 a Neuilly-sur-Seine dal padre Pierre e dall’attrice Odette Joyeux venne premiato con il César per il miglior ruolo non protagonista nella commedia ‘Certi piccolissimi peccati’ poi la consacrazione, tre anni dopo, con il César di migliore attore per ‘Guerra tra polizie’. Tra i tantissimi ruoli interpretati dal grande attore francese che oggi la Francia ricorda con cordoglio e commozione anche quello ne’ ‘Il tempo delle mele’, come padre di una giovanissima Sophie Marceau.

Proveniente da una celebre famiglia di attori, figlio di Pierre Brasseur Odette Joyeux, e padre di AlexandreClaude Brasseur cominciò lacarriera come attore comico nei teatri, fino a fondarne uno, il Théâtre des Nouveautés.

Sguardo vivace e inconfondibile sorriso, che lo hanno reso subito simpatico, era un artista popolare e versatile, a suo agio anche in film polizieschi quanto nella commedia. Il suo padrino è il celebre scrittore Ernest Hemingway.

Brasseur debuttò nel 1956: ha lavorato con i grandi registi, è stato diretto da Marcel Carné in Il fantastico Gilbert (1956), da Georges Franju in Occhi senza volto (1960) e da Jean Renoir in Le strane licenze del caporale Dupont (1962). Si fece conoscere al pubblico nel 1971 con la serie televisiva Le nuove avventure di VidocqE’ tra i protagonisti di Bande à part il film del 1964 diretto da Jean-Luc Godard

Nel 1974 Georges Lautner lo sceglie per Esecutore oltre la legge e con Certi piccolissimi peccati di Yves Robert riceve il Premio César per il migliore attore non protagonista nel 1977, vincendone un altro due anni dopo con il film Guerra tra polizie (1979).

Il pubblico francese lo amava e conquistò la grande popolarità interpretando il ruolo del dentista François Berreton, il padre di Sophie Marceau nella celebre serie di film cult Il tempo delle mele (1980) e Il tempo delle mele 2 (1982), che riscossero un enorme successo internazionale. Tra gli ultimi film Un po’ per caso, un po’ per desiderio (2005) e Tutti in piedi (2018).

Ha lavorato spesso in Italia, sempre protagonista di commedie da Gli eroi di Duccio Tessari (1973) ad Aragosta a colazione di Giorgio Capitani (1979) fino a Quando la coppia scoppia, per la regia di Steno (1981). Amava il cinema e le corse automobilistiche, affiancando come co-pilota Jacky Ickx nel Rally Dakar del 1983, vinto dai due su una Mercedes 280 G.




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *