Scarlett Johansson si è sposata con l’attore Colin Jost

100

L’attrice Scarlett Johansson si è sposata con l’attore Colin Jost. La cerimonia si è svolta in forma privata a Palisades, nello stato di New York, nel pieno rispetto delle norme anti-Covid. Alle nozze erano presenti solo le famiglie e pochi amici stretti.

Per l’attrice premio Oscar si tratta del terzo matrimonio. La 35enne Johansson ha anche una figlia, Rose Dorothy Dauriac, avuta dal matrimonio con il giornalista Romain Dauriac, sposato nel 2014.

Nel 2008, invece, l’attrice newyorchese aveva sposato il collega Ryan Reynolds da cui ha poi divorziato nel 2011.

Per il 38enne Jost, tra gli autori del celebre show tv, Saturday Night Live, è invece il primo matrimonio. La storia d’amore tra i due, ufficializzata nel maggio 2019, è nata proprio negli studi NBC dove si svolge il programma e dove la Johansson è stata ospite. Colin Jost è un comico e uno scrittore – il suo libro “A Very Punchable Face: A Memoir”  è da poco uscito nelle librerie americane

A dare l’annuncio delle nozze della coppia è stata Meals on Wheels America – un’associazione benefica, sostenuta dalla coppia, che offre pasti a persone bisognose- su Instagram

“Siamo entusiasti di annunciare che Scarlett Johansson e Colin Jost si sono sposati lo scorso weekend in una cerimonia intima con i loro parenti e i loro cari, seguendo le indicazioni di sicurezza per il Covid-19”, ha  scritto l’associazione sul suo profilo, a corredo di una foto della Staten Island Ferry, il traghetto che viaggia tra Manhattan e Staten Island, con la scritta “Just Married”, che in omaggio al neo-marito della Johansson è stata cambiata in “Jost Married“.

Quello di affidare l’annuncio di eventi importanti ad un’associazione benefica di cui si è sostenitori è una tendenza molto in voga tra gli attori di Hollywood,

Prima di loro, anche Katy Perry e Orlando Bloom si erano affidati ad un’associazione benefica per annunciare la nascita della loro primogenita. Per la prima volta la foto della manina della neonata Daisy Dove Bloom era infatti apparsa sulla pagina ufficiale dell’UNICEF.




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *