Udinese-Juvebtus: prosegue la marcia di Ronaldo e compagni

Udinese Juventus – Alla Dacia Arena, prima di Udinese-Juventus, invasione di campo di un bambino che corre verso Cristiano Ronaldo. Il fuoriclasse portoghese accoglie il piccolo tifoso sorridendo, lo abbraccia e gli concede un autografo.
Tra maglie vendute tra i tifosi bianconeri e curiosità da parte degli avversari di vederlo all’opera, in ogni weekend di campionato i riflettori sono puntati tutti su di lui. E allora può capitare anche che un bambino non resista alla tentazione e scappi nel tentativo di abbracciarlo. È successo a Udine, dove un piccolo tifoso ha dribblato le sicurezza e si è diretto velocemente verso il numero 7 bianconero. Cristiano Ronaldo, che era impegnato nel riscaldamento pre-partita, lo ha accolto con un sorriso e poi lo ha abbracciato, per poi accontentarlo nella richiesta d’autografo. Un bel gesto quello di CR7, che ha regalato un’emozione e un pomeriggio indimenticabile a questo piccolo tifoso.
Ma andiamo alla partita. Chi contava sul gruppo friulano è rimasto deluso: l’Udinese che resiste per poco più di mezz’ora, poi deve arrendersi allo strapotere Juventus. In cinque minuti i campioni d’Italia infilano un uno-due che mette in ginocchio la squadra di Velazquez.
La partita si decide al 33′. Azione partita da una splendida giocata di Dybala che manda a spasso Fofana. L’argentino serve Bentancur che allarga sulla destra per Cancelo, cross del portoghese e perfetto stacco di Bentancur in terzo tempo: primo gol in maglia Juventus in due stagioni. Rotto il ghiaccio, la squadra di Allegri dilaga e prima Scuffet è miracoloso su una conclusione da distanza ravvicinata di Mandzukic, ma nulla può su un violentissimo sinistro a incrociare di Cristiano Ronaldo, su assist del croato.
Matuidi accusa un problema e al ritorno dagli spogliatoi non si presenta: al suo posto Emre Can. Viene poi tolto Dybala: l’argentino, fresco di tripletta in Champions, viene fatto rifiatare. Dall’altra parte Velazquez prova a dare una scossa ai suoi all’intervallo senza cambiare nessuno. Lasagna ha anche una palla gol ma Alex Sandro salva sulla linea. Lo spagnolo inserisce anche Pussetto per Behrami, dimostrando di volersela almeno giocare ma anche la seconda parte di gara è un monologo Juve: solo Scuffet, questa sera eccellente, evita un passivo peggiore.
Per la Juventus prosegue la marcia inarrestabile!




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *