Calcio – Appuntamento di fine 2020 con la Serie A

50

Calcio. Eccoci all’ultimo appuntamento del 2020 con il campionato di Serie A.  Oggi 22 dicembre alle 18,30 ad aprire la 14° giornata di Serie A nonché ultimo turno del 2020 sarà la partita Crotone-Parma: questa è la prima sfida in assoluto tra le due squadre considerando il massimo campionato, la Serie B e la Coppa Italia. Alle 20,45 primo big match Juventus-Fiorentina: i bianconeri sono la formazione contro cui i viola hanno sia perso più gare che subito più gol nel torneo (rispettivamente 78 k.o e 266 reti incassate), la “Vecchia Signora” invece ha pareggiato 51 scontri diretti in Serie A (con il Milan i pareggi sono 54). Arbitra Federico La Penna, mercoledì 23 dicembre alle 18,30 il Verona ospita l’Inter: i gialloblù non hanno vinto nessuna delle ultime 18 partite contro i nerazzurri nella competizione (quattro pareggi e 14 sconfitte), l’ultimo successo degli scaligeri con la beneamata nel torneo è datato 9 febbraio 1992 (1-0). La squadra di Juric non ha mai infilato una striscia di 19 gare senza trionfi contro una singola avversaria nel massimo torneo.

Alle 20,45 si giocano in contemporanea i rimanenti sette match in programma, il Bologna attende l’Atalanta: i nerazzurri si sono aggiudicati 35 incroci diretti in Serie A (26 pareggi e 37 sconfitte), i bergamaschi hanno vinto più partite nel torneo solo con la Lazio (36 successi). Secondo big match Milan-Lazio: i biancocelesti hanno perso 66 confronti contro i rossoneri in campionato (29 trionfi e 59 pareggi), solo con la Juventus i capitolini hanno perso di più nella competizione (82 match). Dirige Marco Di Bello, allo stadio Diego Armando Maradona si disputa la delicata partita Napoli-Torino: gli azzurri sono imbattuti da dieci partite di Serie A contro i granata, l’ultima vittoria della squadra di Giampaolo è datata primo marzo 2015 (1-0 all’Olimpico di Torino). La Roma ospita il Cagliari: i giallorossi non perdono da 12 scontri diretti in campionato (otto successi e quattro pareggi), l’ultimo trionfo rossoblù risale al primo febbraio 2013 (4-2 in questo stadio). L’allenatore dei sardi Eusebio Di Francesco ritrova i capitolini da avversario dopo averli guidati in panchina dal 12 giugno 2017 al 7 marzo 2019, il Sassuolo fa visita alla Sampdoria: i neroverdi hanno perso solo tre delle 14 sfide di Serie A contro i blucerchiati ottenendo il doppio delle vittorie (sei), cinque pareggi completano il parziale.

Lo Spezia riceve il Genoa: nei sette incontri giocati dalle due squadre tra Coppa Italia e Serie B entrambe le compagini hanno sempre segnato e i rossoblù hanno un bilancio di quattro successi, due pareggi e una sconfitta. Ritorna per la quarta volta in dieci anni sulla panchina del grifone Davide Ballardini che subentra all’esonerato Maran, l’Udinese attende il Benevento: i bianconeri sono imbattuti contro i giallorossi in campionato, il 10 dicembre 2017 infatti in questo stadio la partita è terminata 2-0 mentre il 29 aprile 2018 al Vigorito la gara si è conclusa 3-3. La Serie A tornerà domenica 3 gennaio 2021 con le partite della 15° giornata.

CROTONE-PARMA, martedì ore 18:30

Crotone. Cambio obbligato nella difesa degli ‘squali’ visto che Luca Marrone è stato fermato dal giudice sportivo. In difesa quindi si candida Golemic con Luperto e Magallan. In mediana ci saranno Molina ed Eduardo ai lati di Petriccione mentre la solita coppia Messias-Simy guiderà l’attacco della squadra di Stroppa.

Parma. Scorrendo la lista dei convocati sappiamo già che Pezzella e Scozzarella non saranno del match. In mediana possibile chance dall’inizio per Brugman. Davanti testa a testa tra Inglese e Cornelius con il primo in leggero vantaggio ma c’è sempre la quasi sicurezza della staffetta visto che nessuno dei due ha i 90’ nelle gambe. Nel trio d’attacco mancherà Gervinho che ha problemi muscolari.

JUVENTUS-FIORENTINA, martedì ore 20:45

Juventus. Rispetto alla sfida col Parma in porta Buffon lascerà il posto a Szczesny. Chiesa sarà titolare a sinistra con McKennie sul versante opposto. Dietro torna Cuadrado

Fiorentina. In difesa dovrebbe rientrare Caceres mentre la coppia d’attacco sarà ancora formata da Ribery e Vlahovic. A sinistra posto per Biraghi

VERONA-INTER, mercoledì ore 18:30

Verona. Ridotta da tre a due giornate la squalifica di Barak che però potrà rientrare nella formazione titolare solo per la prima gara del nuovo anno. Juric spera di recuperare qualcuno in attacco: Di Carmine, Favilli e Kalinic occupano ancora l’infermeria e le alternative non sono molte. Ilic e Magnani cercano posto dall’inizio.

Inter. Conte vuole la settima vittoria consecutiva in campionato.  Ad Appiano gruppo compatto tranne Vecino, Sanchez e Pinamontiche si sono allenati a parte. Per l’ultimo appuntamento del 2020 Conte potrebbe confermare quasi tutti quelli visti contro lo Spezia. Qualche piccolo dubbio sulle corsie esterne. La novità invece sarà rappresentata da Arturo Vidal che sarà titolare a centrocampo al posto di Gagliardini.

BOLOGNA-ATALANTA, mercoledì ore 20:45

Bologna. La lunga lista degli indisponibili rossoblù non comprende più Riccardo Orsolini che è tornato ad allenarsi con il resto della squadra. In difesa c’è sempre Medel in pole ma le soluzioni comprendono anche il ritorno da centrale di Tomiyasu con uno tra Denswil e Dijks a sinistra. Possibile invece il ritorno nella formazione di partenza di Schouten

Atalanta. Gasperini potrebbe ruotare qualche altro elemento tra difesa (Palomino?) e corsie esterne. Attenzione però anche alla trequarti perché oltre a Ilicic ci sono anche Malinovskyi e Muriel come possibili novità di formazione. Pessina sicuro del posto con Gomez fuori e in lista trasferimenti.

MILAN-LAZIO, mercoledì ore 20:45

Milan. Kessiè squalificato, Bennacer indisponibile. Il rebus di centrocampo del Milan però si arricchisce con un nuovo capitolo: Tonali, che aveva accusato un problema ed era anche lui a rischio, si è però allenato con la squadra. Si va quindi verso un doppio utilizzo ‘salvando’ il Diavolo da una situazione che si sarebbe fatta altrimenti difficoltosa. Con Krunic quindi ci sarà l’ex Brescia mentre Rebic agirà da punta.

Lazio – Nella sfida di San Siro sarà assente Francesco Acerbi sta infatti recuperando dal problema che lo ha visto saltare le ultime uscite dei suoi. Inzaghi lo lascerà ancora a riposo e lo rivedremo quindi nell’anno nuovo. In difesa quindi spazio ancora a Hoedt e Luiz Felipe. Escalante avrà ancora in mano le chiavi del centrocampo. Davanti favorito Caicedo su Muriqi.

NAPOLI-TORINO, mercoledì ore 20:45

Napoli. Reduce da due sconfitte consecutive, il Napoli alla ricerca dei tre punti contro l’incerotatto Torino. Gattuso ritrova Insigne di rientro dalla squalifica ma perde Lozano a causa di un forte trauma contusivo. Assenza pesante anche in difesa visto che Koulibaly ha avuto un problema al retto femorale sinistro. Spazio alla coppia difensiva Maksimovic-Manolas. In mediana si candidano Demme ed Elmas

Torino. Avvicendamento difensivo per il Toro di Giampaolo. Il tecnico granata ritrova Singo che ha scontato il turno di stop ma dovrà fare a meno dello squalificato Lyanco e si gioca la permanenza sulla panchina del Torino. Chance probabile per Nkoulou al fianco di Bremer. Nel 4-3-2-1 granata c’è la conferma di Gojak in mediana. La novità dovrebbe essere rappresentata da Meitè mentre con Lukic, sulla trequarti, ci sarà Simone Verdi.

ROMA-CAGLIARI, mercoledì ore 20:45

Roma. Uscito per infortunio nella sfida persa contro l’Atalanta, Leonardo Spinazzola ha accusato un problema al flessore ed è fuori dalla disputa. A sinistra Bruno Peres è il  candidato principale a ricoprire quella corsia. In attacco tutti confermati.

Cagliari. Di Francesco potrebbe ritrovare la coppia difensiva formata da Godin e Walukiewicz. Centrocampo e trequarti potrebbero non cambiare rispetto all’ultima uscita anche se c’è da dire che un piccolo ballottaggio c’è ed è quello tra Joao Pedro e Gaston Pereiro. Davanti  Simeone dal primo minuto.

SAMPDORIA-SASSUOLO, mercoledì ore 20:45

Sampdoria. Altra defezione sulla corsia sinistra della squadra di Claudio Ranieri. Esterni bassi di ruolo non ce ne sono visto anche l’infortunio occorso a Ferrari. In quella posizione verrà adattato Thorsby, come successo durante l’ultimo match. Non dovrebbero essere previsti cambi di formazione in mediana mentre in attacco, dopo il gol da subentrato, dovrebbe ritrovare una maglia da titolare Fabio Quagliarella

Sassuolo. Locatelli rientra dalla squalifica e si posizionerà nel suo classico ruolo di mediano davanti alla difesa. A proposito di difesa: De Zerbi potrebbe rilanciare uno tra Peluso e Kyriakopoulos. Haraslin e Boga si giocano una maglia sulla destra mentre in attacco Caputo viaggia verso il rientro dal primo minuto

SPEZIA-GENOA, mercoledì ore 20:45

Spezia. Dopo i vari cambi visti contro l’Inter  lo Spezia dovrebbe tornare all’antico per la delicata sfida contro il Genoa del neo allenatore Ballardini. I liguri si affideranno al trio Gyasi-Nzola-Farias. In difesa torna Chabot. Sulla sinistra ballottaggio Bastoni-Marchizza.

Genoa. L’esonero di Maran è oramai ufficiale. A Pegli si è già visto Davide Ballardini. Il suo Genoa dovrebbe giocare a tre con due esterni pronti a scalare in fase di non possesso. Ghiglione e Criscito sono due inidiziati di titolarità sulle corsie esterne. Dietro ancora ai box Zapata. In attacco rischia Shomurodov anche se nelle ultime uscite non ha sfigurato, anzi

UDINESE-BENEVENTO, mercoledì ore 20:45

Udinese. Dopo il gol del pareggio (da subentrato) contro il Cagliari, Kevin Lasagna si candida per un posto da titolare. Il ballottaggio è con Nestorovski visto che Pussetto non sembra finire nel girone del turnover. In mediana cerca spazio Arslan ma per ora Walace resta il favorito. Ancora fuori gioco Forestieri e Okaka

Benevento. Nei titolari di Inzaghi è pronto al rientro Pasquale Schiattarella che ha scontato il turno di squalifica. Con Insigne e Caprari favoriti sulla trequarti, potrebbe essere Improta a finire in panchina.




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *