Calcio – Episodi da censurare anche in Champions League

17

Calcio – Chiusa la settimana di Champions League con la sconfitta della Juventus anche la Champions League torna alla ribalta della cronaca per fatti incresciosi e da censurare. Proprio nel giorno in cui celebriamo la persona ed il comportamento di Roberto Baggio, ci troviamo costretti a segnalare il pessimo comportamento di Mbappe, autore di tre reti al Barca ma anche di un comportamento ingiustificabile e da sanzionare con decisione.

Kylian Mbappé contro Jordi Alba

Kylian Mbappé è stato protagonista di un bruttissimo battibecco con l’avversario Jordi Alba. Tutto è cominciato quando Mbappé ha spinto Sergiño Dest, che si era scusato per un fallo. Ripreso dalle telecamere Mbappé non ha accettato le scuse e anzi ha attaccato il collega: «Non toccarmi». Nella discussione si è inserito a quel punto Jordi Alba, compagno di squadra di Dest: «Ti ha chiesto scusa, sei un ingrato».
A quel punto la frase shock di Mbappé, in perfetto spagnolo: «En la calle yo te mato (per strada ti uccido, ndr)», ripetuta addirittura due volte.
Un attacco che ha avuto enorme eco sui media spagnoli e che non è sfuggito neanche a Piqué, che in campo ha ripreso il francese: «Ma chi ucciderai? Chi hai intenzione di uccidere». Jordi Alba ha scherzato, mandando una frecciatina probabilmente diretta a Neymar: «Sta imparando, sta imparando il ragazzo».

PIQUE’ e GRIEZMANN

Durante la stessa gara anche un’altra lite, stavolta tra compagni di squadra: Piqué ha ripreso Griezmann in uno dei momenti di maggior pressing del Psg, quando il risultato era ancora di 1-1. Una lite che non è sfuggita ai microfoni a bordocampo, complice anche il silenzio dello stadio vuoto. Il difensore, sul risultato di 1-1, ha perso la pazienza: «Un fottuto, lungo possesso palla! Dannazione, Grizzi. Hai rotto… dai!». Il francese gli risponde: «Vacci piano, Geri, smettila di urlare». Piqué insiste: «Dannazione Grizzi, hai rotto…». Griezmann allora perde le staffe e attacca: «La concha di tua madre». Piqué ribatte: «No, la concha di tua madre… Stiamo soffrendo e siamo così da cinque minuti». Piqué borbotta ancora qualcosa e poi sputa per terra: «Stiamo correndo come dei matti». Griezmann: “E sto correndo anche io”.




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *