Calcio – Europa Legue: Inter e Roma cercano il passaggio agli ottavi di finale

3

Calcio – Saranno un tedesco e un spagnolo i due arbitri scelti dall’Uefa per dirigere i due match di Inter e Roma, validi per il ritorno dei 16mi di Europa League. Il tedesco Daniel Siebert arbitrerà Inter-Ludogorets, in programma giovedì sera a San Siro, mentre a dirigere Gent-Roma, sempre giovedì alle 18.55, sarà lo spagnolo José Maria Sánchez.

Ecco i  principali dubbi di Fonseca per la sfida di domani al Gent nel ritorno dei sedicesimi di Europa League. ​I principali sono sulla fascia sinistra, dove Kolarov è in vantaggio su Spinazzola, mentre il resto della difesa sarà composto da Santon, Smalling e Mancini (squalificato a Cagliari). A centrocampo toccherà ancora a Veretout e Cristante, in attacco, dietro Dzeko, confermato Mkhitaryan (trequartista) con Perez e probabilmente Kluivert.

l Gent ha perso tutte le ultime 3 gare giocate con la Roma in precedenza, inclusa la sconfitta casalinga più larga di sempre nelle competizioni europee nell’ultima volta in cui hanno ospitato una squadra italiana (1-7 nelle qualificazioni di Europa League 2009-10).

Escluse le qualificazioni, il Gent ha passato il turno solo in 1 delle sue 10 gare europee ad eliminazione diretta quando ha perso la gara andata, con il Losanna nella Coppa Uefa 1991-92.

La Roma è stata eliminata in 2 delle sue ultime 4 gare delle maggiori competizioni europee dopo aver vinto la gara di andata, inclusa l’ultima con il Porto nella Champions League della scorsa stagione.

La Roma può vincere la sua seconda trasferta consecutiva in competizioni europee per la prima volta dal marzo 2008.

Otto delle ultime nove reti della Roma in Europa League sono state realizzate nel primo tempo, con le ultime tre arrivate nei primi 20 minuti.

La comunicazione ufficiale arriva direttamente dal sito internet del club bulgaro: Inter-Ludogorets di giovedì 27 febbraio si giocherà a porte chiuse. Preoccupazione dalla Spagna intanto arriva già per il ritorno di Champions League del prossimo 10 marzo, Valencia-Atalanta. La vicedirettrice di Epidemiologia e Vigilanza della Salute della Generalitat Valenciana esprime perplessità.

I nerazzurri non hanno mai perso contro una formazione bulgara e hanno superato il turno in 17 delle precedenti 18 sfide ad eliminazione diretta tra Champions ed Europa League dopo aver vinto la gara d’andata. L’unica eccezione è stata contro il Villarreal nei quarti di finale di Champions nel 2005/06.

L’Inter è imbattuta contro squadre bulgare in competizioni europee (tre successi e tre pareggi in sei precedenti). Solo contro le avversarie ucraine i nerazzurri hanno giocato più incontri (otto) senza perderne neanche uno.

Il Ludogorets ha perso tutte le ultime tre partite in competizioni europee contro squadre italiane, senza segnare neanche una rete.

L’Inter ha superato il turno in 17 delle precedenti 18 sfide ad eliminazione diretta tra Champions ed Europa League dopo aver vinto la gara d’andata. L’unica eccezione è stata contro il Villarreal nei quarti di finale di Champions nel 2005/06.

Porta inviolata per l’Inter contro il Ludogorets a Razgrad. Solo in due delle precedenti sei doppie sfide ad eliminazione diretta di Europa League i nerazzurri non hanno subito gol in entrambi gli incontri tra andata e ritorno: contro il Cluj nel 2012/13 e contro il Rapid Vienna nel 2018/19.

Il Ludogorets ha vinto solo una delle nove gare ad eliminazione diretta di Europa League (2N, 6P). Successo arrivato proprio nel primo di questi, 1-0 in trasferta contro la Lazio nel 2013/14.

Grazie al gol su rigore al 95° e l’assist per Christian Eriksen nel match d’andata, Lukaku ha preso parte a più reti di ogni altro giocatore dell’Inter in stagione in Europa League (sei: tre centri e tre assist).

 

La chiusura spetta ad una prospettiva che interesserà molti legata al campionato di serie A.

“Vista l’eccezionalità del momento, se si creassero i presupposti di intesa con la Lega Calcio, Sky potrebbe valutare di aprire una “finestra in chiaro” trasmettendo su TV8 (nostro canale gratuito) almeno la partita di domenica sera, Juventus-Inter, per consentire a tutti di vederla”.

Da una riunione di lavoro di Sky filtra – apprende l’Ansa- la disponibilità dell’emittente sull’eventualità di affrontare l’emergenza data dal Coronavirus, e il conseguente dibattito sulle gare a porte chiuse, con una decisione che favorisca gli appassionati. Ad ‘aprire’ all’ipotesi nel meeting al quartier generale di Rogoredo, secondo quanto trapela, è stato Marzio Perrelli, capo di Sky Sport.

In una situazione così unica in cui a tutti i cittadini e a tutte le imprese è richiesto di fare sacrifici, anche Sky sarebbe disponibile a fare il proprio. La nostra funzione di indubbia utilità da sempre ci guida in questa direzione” hanno aggiunto altri dirigenti presenti.




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *