Calcio femminile – Spettacolo tra Brescia e Perugia

28

Calcio femminile – Grazie alle reti di Cristina Merli nel primo tempo e Camilla Ronca nel recupero della
ripresa le biancoblu conquistano tre punti importanti alla prima nel nuovo stadio di Rodengo e con il pubblico presente. Bragantini: «Dedichiamo questa vittoria, oltre che ai nostri tifosi, a tutti i bresciani»

– Alla seconda giornata del campionato di Serie B femminile è arrivata la prima vittoria per il Brescia Calcio Femminile che sul nuovo campo amico del “Comunale” di Rodengo Saiano batte 2-0 il Perugia con un gol per
tempo di Cristina Merli e Camilla Ronca. Alla gara, in seguito all’Ordinanza della Regione
Lombardia emanata ieri pomeriggio, ha potuto assistere anche il pubblico: più di un
centinaio di persone sono accorse allo stadio per incitare le Leonesse.
LA GARA – Mister Simone Bragantini schiera il Brescia con il 3-5-2: in porta c’è Gilardi
all’esordio in Serie B, difesa con Brevi, Locatelli e Galbiati; centrocampo con Viscardi,
Previtali, Barcella, Cristina Merli e Assoni; attacco formato da capitan Brayda e Luana
Merli. Arbitra il signor Di Nosse della sezione di Nocera Inferiore.

Il primo tempo vede un Brescia un po’ contratto sul terreno di gioco, e un Perugia ordinato
che cerca di ripartire in contropiede: la prima occasione del match è per il Brescia al 7′ con
Brayda che ruba palla ad Asta entra in area e incrocia col destro ma il pallone esce di
poco. Al 10′ si fa vedere il Perugia con Massa, una delle migliori delle ospiti: prima prova
da posizione centrale ma il tiro non impensierisce Gilardi; un minuto dopo scarica col
destro un missile che si sta per infilare sotto l’incrocio ma è strepitoso l’intervento della
numero 28 delle Leonesse che devia in corner. Lo spavento mette in moto il Brescia, che
al 17′ passa in vantaggio: è vincente il tap-in di Cristina Merli dopo l’intervento di Bayol sul
tentativo di Luana Merli. Al 26′ risponde il Perugia con uno schema su punizione che porta
al tiro Angori, ma è bravissima Locatelli a contrare la conclusione in scivolata.

Nella ripresa scende in campo un altro Brescia: al 2′ Brayda per Luana Merli che crossa
basso in mezzo per Cristina Merli che da posizione favorevolissima svirgola malamente. Al
3′ Brayda ci prova dalla distanza e Bayol si rifugia in corner. Risponde ancora con Massa il
Perugia al minuto 11 su calcio di punizione dal limite: pallone fuori di poco ma Gilardi era
sulla traiettoria. Al 13′ occasione Brescia: Assoni, una delle più positive, crossa in mezzo,
Brayda non ci arriva e sulla prosecuzione arriva Farina (entrata all’intervallo per Viscardi)
che calcia ma Bayol respinge in corner. Al 23′ Cristina Merli va vicina alla doppietta
personale con un tiro dal limite che esce di pochissimo. Al 30′ discesa di Assoni che
crossa basso in mezzo, Bayol buca l’intervento, sul pallone si avventa Ronca che passa a
Magri che però calcia alto. Al 38′, in una delle sporadiche sortite del Perugia nella metà
campo del Brescia nella ripresa, le ospiti vanno vicinissime al gol con la conclusione dal
lato sinistro dell’area di rigore di Gwiazdowska: il pallone supera Gilardi ma il palo interno
lo respinge. All’ultimo dei sei minuti di recupero il Brescia trova il gol che legittima la
vittoria: imbucata di Previtali per Ronca che a tu per tu con Bayol insacca.
Finisce così, con gli applausi del ritrovato pubblico casalingo delle Leonesse: una vittoria
meritata e che dà fiducia e morale. Ora il campionato si ferma per lasciare spazio alla
Coppa Italia: domenica prossima al “Comunale” di Rodengo Saiano, il Brescia ospiterà la
Lazio nel primo turno del triangolare che vede protagonista anche l’Inter.

LE INTERVISTE – «Siamo state brave nel primo tempo a non lasciare troppo campo al
Perugia che è venuto qui a giocarsi la partita in maniera aperta – il commento a fine gara
di mister Simone Bragantini -. Nel primo tempo abbiamo fatto tanti errori in uscita palla e
di impostazione, e infatti le occasioni più clamorose sono arrivate nella ripresa, dove
abbiamo fatto bene però c’è tanto da migliorare perché non possiamo concedere alcune
ripartenze quando siamo padrone del campo. E poi il secondo gol dovevamo farlo prima
perché le occasioni le abbiamo avute, il risultato è rimasto troppo tempo in bilico e infatti
nel finale il Perugia ha preso un palo». Nel primo tempo si è vista una squadra un po’
contratta, forse anche per l’emozione di ritrovare il proprio pubblico presente sugli spalti:
«Innanzitutto dedichiamo questa vittoria, oltre che ai nostri tifosi che sono accorsi
numerosi con così poco preavviso e che non ci fanno mai mancare il loro sostegno, a tutta
la terra bresciana. Ricordiamoci che siamo usciti da un brutto momento e il calcio ci aiuta
sicuramente a superarlo e a guardare al futuro con un po’ più di serenità. Mi ha fatto
naturalmente piacere sentire il calore e il sostegno dei nostri tifosi con i loro cori, il loro
incitamento che ci spinge tantissimo a dare sempre quel qualcosa in più. Dobbiamo
imparare a non essere così contratte, dobbiamo essere brave ad essere più sciolte fin
dall’inizio». Ora una settimana di lavoro prima di affrontare, ma in Coppa Italia, una delle
favorite per la vittoria del campionato di Serie B, la Lazio: «Sì, ora stacchiamo la spina e
da domattina pensiamo alla Lazio. Affrontiamo questo girone di Coppa in maniera
spensierata, ma con la consapevolezza che vogliamo giocarci le nostre possibilità. Sulla
carta sappiamo che la Lazio ha costruito una squadra per vincere, però io sono sempre
contento di poter giocare queste partite».

All’esordio in Serie B la giovanissima portiere Aurora Gilardi, classe 2004 che nel primo
tempo dopo pochi minuti si è resa protagonista di una parata sensazionale: «Sono
contenta di aver avuto la fiducia del mister per giocare questa partita. E poi la parata fa
parte del gioco». Fa parte del gioco, è vero, però bisogna anche avere le capacità per
farla, e Gilardi in questi ultimi anni è migliorata tantissimo: «Sì è vero in questi tre anni a
Brescia ho fatto grandi progressi, però ho ancora tanto da migliorare». Cosa ha pensato
Gilardi su quel pallone che l’ha scavalcata e ha incocciato il palo? «Eh, ci è andata bene».
La partita vista dalla posizione privilegiata del portiere: «Siamo state brave a trovare il
vantaggio abbastanza subito. e poi a gestire la manovra e la situazione. Direi che il
risultato è giusto».

Tra le migliori in campo Karin Previtali: «E’ stata una partita dai due volti. Nel primo
tempo siamo state troppo dietro al loro gioco, non riuscivamo ad imporci e a non far
correre il pallone come sappiamo, spendendo tante energie. Nella ripresa abbiamo
fraseggiato di più e infatti abbiamo creato più occasioni, peccato non averle concretizzate.
Oggi abbiamo conquistato tre punti importanti che ci consentono di stare lì davanti e
questo ti dà molta fiducia». Su un primo tempo un po’ contratto: «Non riuscivamo a far
girare la palla in modo fluido, forse non ci siamo aiutate abbastanza parlandoci o
facendoci vedere. Poi nella ripresa come ho detto è andata molto meglio. Forse anche la
prima in casa, con il pubblico, un po’ ha influito. L’importante è riprendersi, capire cosa si
può fare meglio e poi proporlo in campo». Sul pubblico presente allo stadio: «Devo dire
che lo zoccolo duro dei nostri tifosi non sono mai mancati, anche con gli impianti chiusi ci
hanno seguite e fatto sentire la loro voce. Però oggi devo dire che entrare in campo dalle
scalette, voltarsi e vedere un po’ di gente sugli spalti è stato emozionante dopo tutto
questo tempo. Bello ritornare ad un po’ di normalità».

BRESCIA – PERUGIA 2-0
Brescia Gilardi, Brevi, Locatelli, Galbiati, Viscardi (1′ st Farina), Barcella (20′ st Magri),
Previtali, Assoni (40′ st Massussi), Merli Cristina (32′ st Ghisi), Merli Luana, Brayda (20′ st
Ronca). (Meleddu, Verzeletti, Capelloni, Pasquali). Allenatore Bragantini
Perugia Bayol, Serluca, Orsi, Piselli, Massa (13′ st Gwiazdowska), Di Fiore, Timo, Asta,
Tola (28′ st Accettoni), Federiconi (20′ st De Monaco), Angori. (Viola, Bortolato, Urso,
Ciferri). Allenatore Mancini
Arbitro Di Nosse di Nocera Inferiore
Reti pt 17′ Merli Cristina; st 51′ Ronca
Note Ammonite Timo, Federiconi

foto del match (Credit Zanardelli/BCF)




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *