Calcio – Finalissima 2022, Italia-Argentina 0-3

66

Calcio – L’Argentina batte 3-0 l’Italia a Wembley e conquista la Finalissima 2022. I campioni del Sudamerica sbloccano il match al 28′ con una zampata di Lautaro Martinez e trovano il raddoppio poco prima dell’intervallo con un guizzo di Di Maria. Nella ripresa gli Azzurri si innervosiscono parecchio e spariscono dal campo. Donnarumma li tiene a galla con le sue parate, ma in pieno recupero arriva anche il tris siglato da Dybala.

LA PARTITA

Un’Italia spenta e incerottata crolla sotto i colpi di una squadra nettamente più brillante e, soprattutto, capace di esprimere una qualità di gran lunga superiore a quella degli Azzurri. Chiellini e compagni ci provano, almeno in avvio, ma pagano l’enorme gap tecnico, e finiscono storditi dalle giocate dei fuoriclasse avversari. La seconda metà di gara è uno show albiceleste e un festival del nervosismo azzurro. Il risultato finale è lo specchio di una gara davvero a senso unico.

Mancini sceglie il tridente Bernardeschi-Belotti-Raspadori, mentre Scaloni tiene in panchina Dybala e si affida anche lui al 4-3-3, con Messi, Di Maria e Lautaro in avanti. L’Argentina tiene il possesso e giostra bene il pallone grazie alle straordinarie qualità dei suoi interpreti, ma la prima buona chance è per l’Italia, con un destro dal limite di Raspadori ben controllato da Martinez. Gli Azzurri vanno ancora vicini al vantaggio due volte attorno al 20′: prima Romero anticipa Belotti a due passi dalla linea di porta, poi Martinez è attento sul colpo di testa del Gallo. L’Albiceleste sembra faticare a trovare i giusti spazi, ma alla prima vera occasione la sblocca: Bernardeschi perde palla ingenuamente in uscita, Messi supera di forza Di Lorenzo e mette dentro per Lautaro, che da zero metri deve solo appoggiare in rete. I ragazzi di Mancini si spengono, si innervosiscono e poco prima dell’intervallo capitolano: Bonucci, appena ammonito, si fa scappare via Lautaro, il nerazzurro serve Di Maria, che brucia in velocità Chiellini e anticipa con lo scavetto un Donnarumma incerto in uscita.

A inizio ripresa Mancini tiene nello spogliatoio Belotti, Bernardeschi e Chiellini, inserendo Scamacca, Locatelli e Lazzari. Il gioco della Nazionale continua a mancare di strappi e di inventiva, dopo 10′ Bonucci e Donnarumma rischiano anche un clamoroso pasticcio, con il portiere del Psg che salva sulla riga il retropassaggio del bianconero. L’estremo difensore deve poi superarsi due volte su altrettante conclusioni di uno scatenato Di Maria e a successivamente ringrazia Lo Celso per una conclusione sbilenca da ottima posizione. L’Italia è completamente nel pallone, non riesce più a superare la propria metà campo e il match si trasforma in una sorta di tiro al bersaglio verso la porta di Donnarumma, che ingaggia (e vince) un duello col compagno di squadra Messi. All’ultimo minuto, però, il neo entrato Dybala punisce l’ex Milan con un sinistro chirurgico dal limite, che chiude una partita senza storia.

ROBERTO MANCINI

“Nel primo tempo abbiamo fatto due errori e abbiamo preso due gol – ha commentato a caldo Roberto Mancini -. La partita era stata equilibrata, poi abbiamo fatto meglio tenendo il pallone e comandando la gara”. Qualcosa però è andato storto: “Avremmo dovuto segnare per riaprire la sfida, ma nel secondo tempo abbiamo fatto troppo poco”.

Poi ha aggiunto: “Voglio ringraziare i ragazzi dopo questi 4 anni, negli ultimi 2 i ragazzi hanno speso tanto e anch’io sono un po’ stanco ma ho ancora entusiasmo da vendereVolevamo cambiare dopo questa partita e lo faremo. Lasceremo andare qualcuno in vacanza”.

GIORGIO CHIELLINI

“Speravamo di vincere partita e trofeo, sapevamo sarebbe stato difficile ma la sconfitta non cancella ciò che è stato – ha commentato alla Rai dopo la Finalissima persa contro l’Argentina -. Ora mi aspetto un periodo difficile, c’è bisogno che tutti stiano vicini a questo gruppo che deve fare tanto”.




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.