Calcio – Russia 2018- Croazia ed Inghilterra in campo per una semifinale storica

Russia 2018 –  Ci siamo: tutto è pronto per il terzultimo capitolo del mondiale di Russia 2018

Dopo l’entusiasmante incontro di ieri sera tra Francia e Belgio, stasera a scendere in campo saranno Inghilterra e Croazia. Gli inglesi sembrano essere in gran forma e vengono da un quarto di finale non troppo impegnativo contro la Svezia, mentre per i croati i problemi sembrano essere maggiori.

Partendo dalle prestazioni degli atleti va ricordato che la compagine croata viene da due partite concluse ai rigori con conseguenze elevato consumo di forse fisiche e psichiche. Ma non è soltanto questo: la partita con i russi ha lasciato strascichi e polemiche che hanno causato turbamenti nello spogliatoio.

Così la Croazia perde un altro pezzo: dopo Kalinic, rispedito a casa prima del match contro l’Argentina per motivi disciplinari (si era rifiutato di entrare in campo negli ultimo minuti della partita), questa volta è stato Ognjen Vukojevic, membro dello staff tecnico del CT Zlatko Dalic, a essere escluso dalla Nazionale.

Nel caso di Kalinic era intervenuta la federazione croata per punire una grave mancanza di rispetto verso il commissario tecnico ed i compagni di squadra, dando una lezione a molti di come sia poù importante l’etica e la disciplina del risultato calcistico questa volta invece siamo innanzi ad una situazione diversa ed altrettanto grave.

Infatti per Vukojevic si è trattato di una sorta di incidente diplomatico per il quale la FIFA lo ha anche multato di 15 mila euro per comportamento antisportivo.

fatti costati i Mondiali a Vukojevic sono avvenuti dopo la vittoria nei quarti di finale contro la Russia: il collaboratore di Dalic, assieme al difensore Domagoj Vida, entrambi con un passato nel club ucraino della Dinamo Kiev, hanno pubblicato un video su Instagram in cui esultavano urlando “Gloria all’Ucraina. Questa vittoria è per la Dinamo e per l’Ucraina”.

Parole che non sono certo piaciute alla Russia, che nel Donbass è da tempo impegnata nel sostenere le Repubbliche Popolari di Doneck e Lugansk resesi indipendenti dall’Ucraina, con cui sono in guerra dal 2014. La diplomazia russa ha così invitato la FIFA a prendere provvedimenti ed è arrivata così la multa e l’ammonizione per Vukojevic, con la Federcalcio croata che a sua volta lo ha “sollevato dalle sue funzioni”, specificando che “non è più un membro della delegazione croata ai Mondiali”.

Più leggera la punizione per  Vida: dalla FIFA è arrivata solo una ammonizione che ha difatto evitato alla Federcalcio croata di dover prendere sanzioni poù drastiche in vista di una semifinale del mondiale. Pertanto, Vida sarà regolarmente in campo stasera.

I biancorossi si preparano già alla sfida contro l’Inghilterra che potrebbe regalare la finalissima, ma non dimenticano il loro Paese, come dimostra il bel gesto dell’attaccante della Juventus, Mario Mandzukic che donerà la somma di 3400 euro cosicché gli abitanti di Slavonski Brod, sua città natale, possano seguire la gara della Nazionale croata su un maxischermo e ci sia da bere (birra) per tutti.

Il centravanti bianconero aveva già sborsato la stessa somma per la gara dei quarti di finale contro la Russia, e ora ripeterà l’iniziativa per l’atteso confronto con i britannici. Non è la prima volta che il giocatore croato si dimostra generoso verso il proprio Paese d’origine: già la scorsa estate Mandzukic aveva destinato una cifra importante ai vigili del fuoco che nei pressi di Spalato avevano combattuto contro i grossi incendi della regione.

Per entrambe le squadre sarà comunque vada un momento storico: la Croazia potrebbe centrare la sua prima finale ai Mondiali, l’Inghilterra potrebbe tornarci a distanza di ben 52 anni.

Questo sarà l’ottavo incontro tra Inghilterra e Croazia, con gli inglesi in vantaggio per

quattro vittorie a due (1N). Sei delle precedenti sette sfide sono state giocate, come la prossima, di mercoledì.

Inghilterra e Croazia si sono sfidate una sola volta in un grande torneo internazionale: nella fase a gironi di Euro 2004, con gli inglesi vittoriosi per 4-2.

Per l’Inghilterra questa è la terza semifinale mondiale della storia: ha vinto per 2-1 contro il Portogallo nel 1966, quando alzò il trofeo, e perso ai rigori contro la Germania Ovest nel 1990.

La Croazia ha mandato in gol otto giocatori diversi in questo Mondiale: soltanto il Belgio ha trovato la rete con più giocatori differenti (nove).

L’Inghilterra non batte due nazionali europee nello stesso Mondiale dal 1982, quando ebbe la meglio su Cecoslovacchia e Francia.

L’Inghilterra ha già eguagliato il suo record di 11 gol segnati in una singola edizione dei Mondiali, stabilito la prima volta nel vittorioso torneo del 1966.

La Croazia ha raggiunto la semifinale del Mondiale per la seconda volta dal 1998, anno del suo esordio nella competizione, più di quanto abbiano fatto Argentina, Inghilterra, Italia, Portogallo e Spagna (una a testa). Le uniche nazionali europee a far meglio dei croati in questo periodo (incluso il 2018) sono state Germania (quattro), Francia (tre) e Olanda (tre).

La Croazia ha passato il turno ai rigori sia agli ottavi, contro la Danimarca, che ai quarti, contro la Russia. L’unica nazionale a vincere due volte alla lotteria dei rigori in una stessa edizione dei Mondiali era stata l’Argentina nel 1990 (contro Jugoslavia e Italia).

L’Inghilterra ha tirato 15 volte nello specchio nelle due prime gare del Mondiale, ma solo sei nelle successive tre. Nella semifinale del 1966 contro il Portogallo effettuò otto conclusioni nello specchio, in quella del 1990 contro la Germania Ovest quattro.

La Croazia ha perso soltanto una delle sei gare nella fase a eliminazione diretta di un Mondiale, la semifinale del 1998 contro la Francia.

Harry Kane ha segnato in tutti i giorni della settimana con la maglia dell’Inghilterra, tranne che di mercoledì. Dovesse andare a bersaglio contro la Croazia, diventerebbe il terzo giocatore ad aver realizzato un gol in ogni giorno della settimana con la nazionale inglese, dopo Wayne Rooney e Frank Lampard.

Mario Mandzukic, che ai quarti di finale contro la Russia ha servito un assist a Kramaric, ha preso parte attiva a quattro reti della Croazia ai Mondiali (tre gol, un assist). Tra i giocatori croati, solo Davor Suker ha fatto meglio di lui (sei).

Otto delle 11 reti dell’Inghilterra in questi Mondiali sono arrivate da palla inattiva. Dal 1966 in avanti, soltanto il Portogallo ha segnato almeno altrettanti gol da calcio piazzato in una singola edizione del Mondiale (otto, proprio nel 1966).

Contro la Russia, la Croazia ha segnato due gol di testa. Dei suoi precedenti 29 realizzati nella storia dei Mondiali, solo uno era arrivato con questo fondamentale.

La FIFA ha designato il turco Cuneyt Cakir come arbitro di Croazia-Inghilterra, seconda semifinale del Mondiale in programma domani sera allo stadio Luzhniki di Mosca. Cakir sarà assistito dai connazionali Bahattin Duran e Tarik Ongun, quarto uomo l’olandese Bjorn Kuipers.

 

Raffaele Dicembrino




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *