Calcio – Serie C – Dopo la sfida di domenica Padova e Vicenza di nuovo contro per la coppa Italia

Padova e Vicenza – In un Menti reso al limite della praticabilità a causa dell’incessante pioggia caduta in questa prima domenica di novembre il Padova batte 1-0 il Vicenza e lo scalza dalla vetta tornando al comando del girone B. Nel primo tempo le due squadre trovano pochi spazi e il gioco risulta piuttosto bloccato: le occasioni più nitide sono di marca biancorossa, al 25′ Pontisso lascia partire un tiro dai venti metri ma la sfera finisce fuori di poco e al 32′ Cappelletti di testa sugli sviluppi di un calcio d’angolo va vicino al gol dell’ex. Il Padova fatica a portarsi nell’area vicentina ma al rientro dagli spogliatoi sono proprio i biancoscudati ad andare vicino al gol con un colpo di testa di Germano ma la palla finisce di poco a lato. I biancorossi attorno al 60′ danno l’impressione di aumentare l’intensità ma al 72′ sugli sviluppi di una punizione Soleri conquista palla in area e beffa Grandi portando in vantaggio i biancoscudati. Di Carlo prova a recuperare il match inserendo forze fresche come Giacomelli, Saraniti e Arma, ma i biancorossi non riescono a rendersi pericolosi e nonostante sei minuti di recupero il risultato non cambia. Il Padova sbanca il Menti e torna in prima posizione.

VICENZA-PADOVA 0-1

Reti: 72′ Soleri

Queste le dichiarazioni rilasciate da Stefano Minelli, premiato in occasione del “Gala del Calcio Triveneto” a Vicenza quale miglior giocatore Biancoscudato della scorsa stagione: “Fa piacere ricevere questo premio anche se avrei preferito salvarmi l’anno scorso! Speriamo di rifarci quest’anno… E dedico il premio a mister Zancopé. La vittoria col Vicenza? Volevamo tornare in vetta e ce l’abbiamo fatta, abbiamo festeggiato con una semplice cena ma il campionato è ancora lungo. E’ stata una partita equilibrata, l’abbiamo spuntata ma il Vicenza ci darà battaglia fino alla fine. La panchina lunga è un vantaggio, basti pensare a Mokulu che ieri quando è entrato ha alzato il baricentro di 10 metri cambiando la partita! Vincere un derby con quella cornice di pubblico e quelle condizioni atmosferiche è bellissimo, è stato tutto perfetto. Ma mercoledì li ritroviamo in Coppa ed è una gara altrettanto importante… Com’è stata la settimana pre-derby? La aspettavamo da inizio stagione. C’è stato un confronto dopo le sconfitte con Ravenna e Triestina, e nelle ultime tre gare si è visto riuscendo a vincere con una squadra come la Sambenedettese che è la squadra che forse mi ha più impressionato! Ci siamo sbloccati mentalmente, ma ora dobbiamo dare ulteriore continuità ai risultati sennò una vittoria come quella di ieri non serve a nulla… Magari nelle ultime partite abbiamo concesso più che a inizio stagione, mentre ieri non abbiamo concesso nulla e il merito è davvero di tutti! Il rinnovo del contratto? So che ne hanno parlato, ma io al pari dei miei compagni vogliamo salire con questa maglia”

Minelli 6.5: Nessuna “paratona”, ma tanta sicurezza.

Pelagatti 7: Fa tanta, tantissima “legna” fermando chiunque passi sulla destra.

Kresic 7: Ci mette la testa sempre e ovunque, liberando l’area appena la sfera vi arriva.

Lovato 7: E se neanche il derby gli fa tremare le gambe allora siamo davvero di fronte a un difensore già completo…

Germano 7: Nella quasi inedita posizione di esterno appare sempre più propositivo col passare dei minuti. E ne giovano tutti…

Mandorlini 7: Dimostra a tutti il significato di “giocare con aggressività”, lottando su qualsiasi pallone graviti nei suoi paraggi.

(Andelkovic 6.5): Aiuta a rendere il muro Biancoscudato ancor più imprenetabile.

Ronaldo 7.5: Appena la palla gonfia la rete esulta come se fosse lui l’autore del gol. Immagine splendida, che rende al meglio l’idea del grande gruppo venutosi a creare. Ed è questo il Ronaldo che vogliamo sempre vedere…

Buglio 7: Forse il meno “in vista” del centrocampo Biancoscudato, ma dà grande sostanza.

(Serena S.V.)

Baraye 7: Corre, corre, fortissimamente corre. Ed è ancor più prezioso del solito a livello difensivo.

Soleri 7.5: Difficile riuscire ad incidere su un campo del genere. Eppure va in battaglia. E ci mette la testa per un gol che verrà ricordato a lungo…

(Bunino S.V.)

Santini 7: Pur concedendo centimetri ai difensori avversari vince molti contrasti aerei. Perché spesso è la voglia a fare la differenza…

(Mokulu 7): Ha alzato la squadra nel migliore dei modi. Un ingresso in campo davvero decisivo…

 

SERIE C GIRONE B, I RISULTATI DELLA TREDICESIMA GIORNATA

Rimini-Vis Pesaro 1-0
Fano-Arzignano 0-2
Gubbio-Modena 1-0
Imolese-SüdTirol 2-2
Vicenza-Padova 0-1
Carpi-Ravenna 4-1
Fermana-Cesena 3-3
Reggiana-Sambenedettese 2-1
Virtus Verona-Piacenza 0-0

SERIE C GIRONE B, LA CLASSIFICA AGGIORNATA

Padova 29
Vicenza 27
Reggiana 26
SüdTirol 26
Carpi 23
Virtus Verona 20
Piacenza 20
Triestina 19
FeralpiSalò 19
Sambenedettese 18
Modena 14
Vis Pesaro 14
Ravenna 14
Cesena 13
Fermana 13
Gubbio 13
Rimini 12
Arzignano 11
Fano 10
Imolese 10

Concluso il capitolo campionato le due compagini oggi si riaffrontano per la Coppa Italia sperando in condizioni meteo migliori.

Queste le dichiarazioni di Mimmo Di Carlo alla vigilia con la partita di Coppa Italia a Padova: ” Domenica era una partita tra due buone squadre che vogliono primeggiare e questa volta è andata bene a loro grazie ad un episodio, ne abbiamo preso atto, analizzato la partita e secondo me abbiamo fatto tutto quello che dovevamo fare, peccato perché anche i ragazzi hanno affermato che si doveva fare di più, soprattutto nel secondo tempo. A livello fisico sono state metabolizzate le fatiche di campionato? Domani sarà un’altra partita, la voglia di vincere c’è sempre e farò giocare chi ha giocato meno perché hanno già dimostrato di aver dato una grande mano quando sono stati chiamati in causa è giusto che giochino 90 minuti, o 120 se ci sono i supplementari. In merito alle dichiarazioni di Sullo sulla partita fatta dai biancorossi? Probabilmente si riferiva alla sua squadra e ai lanci lunghi che è abituato a fare, però ognuno vede la sua: noi abbiamo fatto un buon primo tempo, secondo tempo un po’ meno ma l’atteggiamento è giusto. Che importanza attribuiamo alla partita di domani? È una partita di Coppa e cercherò di cambiare il più possibile giocatori, però a prescindere da chi scenderà in campo la mentalità e voglia di vincere dovranno essere le stesse a quelle del campionato. Comunque la partita di domani mi serve per delle verifiche per la mentalità che una squadra deve avere: può essere che chi giochi domani lo faccia anche a Trieste. Può essere l’ occasione di Zarpellon dal 1′? Assolutamente sì. C’è il rischio di una partita di rugby anche domani? Purtroppo il campo era pesante, nel primo tempo l’arbitro doveva essere più fiscale e ammonire qualche giocatore del Padova perché ha permesso un gioco duro e qualche protesta di troppo, ma per il resto non posso dire nulla sull’arbitraggio, solo che speriamo di averlo noi a Trieste un arbitro così consenziente. In vista della Triestina ha visto la partita con la Feralpi? Sì. Ha fatto un buon primo tempo e ha avuto tre buone occasioni, poi la Feralpi è riuscita a segnare e nel secondo tempo ha portato la partita dove voleva con due giocatori fondamentali come Pesce e Caracciolo. Sul modulo di domani? Potremmo giocare con 3-5-2 o 4-4-2, dipende da chi recupera e chi metto in campo




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *