Calcio – Serie C – Il Padova vince ancora ed allunga in vetta a +6

PADOVA – Eed eccoci all’appuntamento con la serie C e specificatamente con il padova Calcio. All’Euganeo è scontro fra Davide e Golia e il risultato finale è diverso dalle favole nelle quali il protagonista più debole ha la meglio sul più forte: il Padova batte infatti 2-0 l’Arzignano e allunga a più sei sulla seconda in classifica. Dopo appena due minuti la squadra di Colombo tenta di sorprendere i biancoscudati con Pattarello che si presenta davanti a Piccioni ma il portiere patavino toglie la sfera all’avversario e salva la porta. La manovra della squadra di Sullo appare però lenta e senza troppo brio e, nonostante le incursione di Baraye sulla sinistra, il risultato si sblocca solamente al 44′ sugli sviluppi di un calcio d’angolo con Kresic che svetta di testa e batte Tosi. Nella ripresa l’Arzignano torna in campo senza timori reverenziali e al 54′ Cais entra in area e viene atterrato da Ronaldo: l’arbitro concede il penalty che Maldonado calcia centrale e Minelli neutralizza. Al 67′ Sullo cerca di dare nuova linfa alla propria squadra inserendo Sylla e Soleri al posto di Bunino e Fazzi. Al 77′ Buglio dai trenta metri lascia partire un missile sul quale Tosi non può nulla e sigla il la rete del raddoppio. Negli ultimi minuti sono i biancoscudati a manovrare l’azione e all’86’ arriva la chance per il terzo gol: Baraye crossa dalla destra e con una deviazione la palla scheggia la traversa, Mandorlini si avventa sulla sfera ma colpisce il palo, ci prova Sylla ma Tosi gli nega la gioia del gol. E’ questa l’ultima occasione per i patavini, e dopo quattro minuti di recupero conquistano la settima vittoria in otto incontri e continuano la propria marcia in testa alla classifica. I tifosi festeggiano, il campionato è lunghissimo ma il Padova c’è!

Anton Kresic al termine di Padova-Arzignano: “Finalmente è entrata questa benedetta palla! Sono contento di aver dato questa grande mano. Gli errori? Abbiamo provato a giocare subito palla a terra, ma loro erano messi bene in campo e ci hanno messo in difficoltà. Il gol? Ho detto a Ronaldo che nelle punizioni precedenti ero sempre da solo sul secondo palo e gli ho chiesto di mettermela morbida, ed è andata bene. La classifica non la guardo, dobbiamo solo pensare a vincere”

PADOVA-ARZIGNANO 2-0

Reti: Kresic (Pd) al 45′ pt, Buglio (Pd) al 32′ st

PADOVA (3-5-2): Minelli; Pelagatti, Kresic, Lovato; Fazzi (dal 27′ st Sylla), Germano (dal 33′ st Mandorlini), Ronaldo, Castiglia (dal 16′ st Buglio), Baraye; Bunino (dal 27′ st Soleri), Santini (dal 16′ st Mokulu). A disposizione: Galli, Andelkovic, Capelli, Cherubin, Daffara, Serena, Piovanello, Pesenti. All. Sullo.

ARZIGNANO (4-3-3): Tosi; Tazza, Bachini, Pasqualoni, Barzaghi; Maldonado (dal 33′ st Hoxha), Perretta (dal 40′ st Russo), Balestrero (dal 14′ st Valagussa); Cais, Piccioni (dal 33′ st Anastasia), Pattarello (dal 14′ Ferrara). A disposizione: Faccioli, Amatori, Lo Porto, Bonalumi, Antoniazzi, Bozzato, Bigolin. All. Colombo.

Arbitro: Adalberto Fiero di Pistoia (Testi-Lencioni)

Ammoniti: Lovato, Perretta, Balestrero, Santini, Ferrara, Fazzi, Ronaldo, Valagussa




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *