Calcio – Uefa Champions League: Il Chelsea ne fa 4 alla Juventus

44

Calcio – A Stamford Bridge finisce 4-0 per il Chelsea: Chalobah, James, Hudson-Odoi e Werner condannano la Juve alla prima e pesantissima sconfitta della stagione in Europa. La squadra di Tuchel aggancia i bianconeri a quota 12 e li sorpassa in vetta al gruppo H, grazie a una miglior differenza reti nello scontro diretto. La classifica finale verrà comunque decisa dall’ultimo match della fase a gironi, con la Juve che affronterà il Malmoe e il Chelsea lo Zenit.

“Abbiamo disputato un buon primo tempo – ha detto l’allenatore della Juve Allegri a Sky Sport -, poi subiti il secondo e terzo gol siamo andati in sfiducia, abbiamo mollato. Dispiace aver preso quattro gol ma l’obiettivo era stato raggiunto, ora pensiamo alla partita di sabato”. L’analisi del match: “Abbiamo fatto un bel primo tempo, nel secondo loro hanno continuato a pressare e noi invece abbiamo mollato. Sappiamo i nostri pregi e difetti, bisogna lavorarci e anche attraverso queste serate si migliora. Loro sono campioni d’Europa, sono forti e sono in un ottimo momento. Abbiamo perso troppi palloni cercando di verticalizzare, concesso troppi calci d’angolo e concesso dei gol in modo leggero”, ha concluso il tecnico.

Il capitano Bonucci non accampa scuse: “Abbiamo cercato di chiudere le loro giocate sugli esterni, ma su due palle buttate dentro siamo stati poco attenti. Una sconfitta pesante ma ora guardiamo avanti, alla partita contro l’Atalanta. Dobbiamo imparare che contro queste squadre così forti e importanti non si può abbassare mai l’attenzione, non dovevamo mollare di un centimetro”: Sulla partita: “Siamo venuti a giocarci la partita, avevamo di fronte una grande squadra. Forse sul primo gol c’era un fallo ma dovevamo fare meglio nel secondo tempo, loro hanno grandi individualità e un gioco offensivo. Ci hanno messo in difficoltà ma ora mettiamo da parte questa partita e guardiamo avanti”, ha concluso.
“Una sconfitta difficile da spiegare – è il commento di Wojciech Szczesny – e non è accettabile, ma dobbiamo andare avanti perché sabato abbiamo un’altra partita difficile contro l’Atalanta. E’ importante avere subito uno scontro diretto, perché arriveranno giustamente molte critiche e bisognerà rispondere in campo. Oggi noi siamo stati sotto il nostro livello e si è vista la differenza, è stata una partita tragica”, ha concluso.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *