CEV Champions League Volley 2020: l’Imoco soffre con il Vasas Obuda, ma al PalaVerde vince al tie-break

CEV Champions League – Inizia con il piede giusto l’avventura dell’A. Carraro Imoco Conegliano nella CEV Champions League Volley 2020. Nel primo match della fase a gironi, le pantere di Daniele Santarelli, comprese nella Pool D, superano il Vasas Obuda Budapest per 3-2. Una sfida che alla vigilia pareva semplice e invece si rivela piuttosto complicata, con le ungheresi che conquistano il primo parziale e vanno avanti 16-18 nel secondo. La reazione veemente di Egonu e compagne vale il sorpasso 2-1. Perso in volata il quarto set, le gialloblù dominano il tie-break e festeggiano la decima vittoria stagionale.

L’Imoco Volley con la denominazione europea A.Carraro inaugura l’avventura in Cev Champions League stasera al Palaverde con il Vasas Obuda Budapest. Nel primo match internazionale della stagione le Pantere si accorgono subito della differenza tra il campionato e l’Europa, dove le insidie si nascondono nelle pieghe di ogni partita e non ci sono avversari facili.
Comunque pur sofffrendo le gialloblù confermano la loro striscia positiva, che ora è arrivata a 10 vittorie consecutive dall’inizio della stagione, con un’altra buona prestazione (dopo un po’ di spavento all’inizio) di fronte ai suoi tifosi che saranno in massa al Palaverde anche domenica prossima per la sfida di campionato con Scandicci. Intanto il cammino di Champions è partito con un successo per Wolosz e compagne, in attesa delle prossime due trasferte consecutive in Romania con l’Alba Blaj e in Francia con il Nantes.

Dopo gli applausi del pubblico che celebra così la vittoria in Supercoppa di sabato a Milano, le Pantere di coach Santarelli si schierano con un ampio turnover: in campo Gennari al palleggio, Enweonwu opposto, Botezat e Ogbogu al centro, Sorokaite e Geerties schiacciatrici, libero Fersino. Il primo punto è di Terry Enweonwu che fa il suo esordio in Champions con un bel muro, ma il sestetto rivoluzionato non dà gli effetti sperati e sul 6-11 coach Santarelli dopo un time out ci ripensa e getta nella mischia le sue “star”: dentro Wolosz, Egonu e De Kruijf, ma il muro delle ungheresi colpisce ancora (6-12). La reazione però non tarda ad arrivare, Ogbogu mura (10-14), ma il set si dimostra complicato dopo l’ace di Kalicanin per il 10-16. Paola Egonu suona la carica dopo una bella difesa di Fersino che scalda il Palaverde: 13-17 e time out per le ospiti. Sembra che le cose siano sistemate, ma arriva Kjelstrup e con i suoi punti (7 nel primo set e un ace) spinge le ungheresi fino al 14-21. Wolosz e compagne ci provano, arrivano a far tremare Budapest annullando un paio di set point, ma l’errore finale di Sorokaite regala il 21-25 che a sorpresa regala il set alle avversarie, il quarto set perso nella stagione dalle Pantere.

Nel secondo parziale entra anche Kim Hill (del sestetto di inizio gara restano solo Ogbogu e Fersino), ma l’inizio è ancora equilibrato (3-3). Conegliano prova a spingere con il muro di Hill (6-4), ma la squadra di coach Santarelli fatica ad ingranare e le ungheresi pareggiano subito, poi tornano avanti approfittando di un’Imoco fallosa (11-13). Viene in soccorso il braccio armato di Paola Egonu, due aces dell’azzurra e Conegliano torna avanti 14-13. Ma non c’e’ conitnuità e un paio di errori gialloblù, uniti a una prestazione consistente di Kostelanska e compagne, riportano Budapest avanti 15-17. Solo Egonu passa con continuità, è lei a propiziare il pareggio (18-18), poi uno sprazzo di gioco veloce porta Chiaka Ogbogu a segno per il sorpasso (19-18). Time out di coach Gluszak. Una serie di battute velenose di Wolosz e le conclusioni della “solita” Egonu regalano alle Pantere il +3 (22-19) in una gara molto più complicata che nelle previsioni della vigilia. Alla fine con i punti di Ogbogu al centro e di Hill da posto 4 l’A.Carraro Imoco Volley chiude il set 25-20.

Il terzo set come per magia vede le Pantere tornare al loro livello abituale: le difese di Eleonora Fersino, le battute ficcanti di capitan Wolosz e gli attacchi impeccabili di Sorokaite ed Egonu spingono la squadra di casa fino all’8-0. Doppio time out per Budapest, ma l’emorragia continua con il colpo di Ogbogu (9-0). Le gialloblù non si fermano, Sorokaite colpisce, Ogbogu mura, De Kruijf attacca dal centro (12-1). Il parziale è senza storia, Wolosz si diverte in battuta (3 aces, 5 punti nel set!)  e una ritrovata A.Carraro Imoco Conegliano si impone d’autorità senza correre rischi per 25-10 in un parziale dominato fin dai primi scambi. Chiude Indre Sorokaite con le sue battute micidiali.

Il quarto set è più equilibrato all’inizio (4-4), poi si scatena l’arsenale della squadra di Santarelli: altro ace, stavolta di De Kruijf, Wolosz mura e le Pantere riprendono a volare (9-6).  Ora il gioco veloce dell’Imoco è difficile da fermare per le volenterose ungheresi che comunque tengono sulla corda con orgoglio le padrone di casa (14-12). Kostelanska e Kjelstrup tengono incollate le ospiti (17-15), brave a reagire al break gialloblù. Budapest non molla, ace di Gyimes e raggiungono la parità 17-17. Le Pantere replicano con Ogbogu ed Egonu (19-17), ma Budapest è sempre lì e nonostante i muri vincenti di Chiaka Ogbogu si aggancia ancora (20-20) prima dello sprint finale. Si soffre fino alla fine, Hill ed Egonu vanno a segno, ma Budapest risponde sempre (23-23) complice anche un’Imoco non brillantissima. Egonu va out di un soffio ed è set point ungherese (23-24). Dopo il t.o. chiude Dekany (7 punti nel set, come Egonu) e si va al tie break: 23-25.

Il quinto set è ancora combattuto all’inizio, poi le mani fatate di capitan Wolosz (che ha messo a segno la bellezza di 13 punti alla fine, score non da palleggiatore, con 7 muri e 3 aces!) e i colpi di potenza di Paola Egonu (28 punti) scavano il break (7-2). Sarà il break decisivo che piega definitivamente la resistenza di un’ottima Budapest. Chiude Egonu con il colpo del 15-4 dopo una seconda parte di tie break sul velluto.

Domenica sarà ancora Palaverde: per il campionato arriva la Savino del Bene Scandicci dell’ex Samantha Bricio per un match che promette spettacolo, poi martedì si parte di nuovo, destinazione Romania per il match di mercoledì, secondo turno del Girone D, con l’Alba Blaj.

(foto M.Gregolin)

Oggi sarà tempo di esordio per Igor Gorgonzola Novara e Savino Del Bene Scandicci. Le azzurre di Massimo Barbolini, Campionesse d’Europa in carica, attendono le ucraine del Khimik Yuzhny. Per diverse atlete azzurre, la partita con Yuzhny segnerà anche l’esordio assoluto nella Champions League: Rachele Morello, Francesca Napodano, Megan Courtney – ancora infortunata ma sulla via del recupero – e Zuzanna Gorecka faranno infatti la propria prima apparizione nella massima competizione continentale per club. Esordio anche per Iza Mlakar, che con la maglia del Nova Branik ha disputato i turni preliminari, senza mai accedere al tabellone principale. “Sono emozionata e felice – racconta la schiacciatrice polacca Zuzanna Gorecka – e credo che giocare la Champions League sia una delle sfide più belle per un’atleta. Potremo misurarci con le migliori squadre e le migliori atlete d’Europa e questo rappresenterà per ognuna di noi un’ottima occasione di crescita. Veniamo da una sconfitta, quella in Supercoppa, che ci ha lasciato molto amaro in bocca: merito a Conegliano per quanto ha messo in campo, il dispiacere per me e per le mie compagne è sapere di non aver giocato la nostra migliore partita. La sfida con Yuzhny ci darà l’opportunità di dimostrare quello che è il nostro reale livello e valore e ovviamente puntiamo a iniziare con un risultato positivo la Champions League”.

La Savino Del Bene Scandicci affronterà uno degli ostacoli più duri possibili, di nome VakifBank Istanbul. La compagine allenata da Giovanni Guidetti è la squadra più vincente dell’ultimo decennio e anche nella stagione attuale si presenta con un roster attrezzatissimo, con l’ex Isabelle Haak opposta, la Campionessa del Mondo Maja Ognjenovic al palleggio, Milena Rasic al centro e la brasiliana Gabriela in banda. Non è da meno la formazione di Marco Mencarelli, che in estate si è ulteriormente rafforzata prelevando proprio l’opposta delle gialloblù Lonneke Sloetjes: “Questa partita mi suscita tante emozioni. Ho passato anni bellissimi al Vakifbank. Loro sono una squadra fortissima, ma anche noi lo siamo quando giochiamo al top. E domenica nel derby con Firenze l’abbiamo dimostrato”.

LA COPERTURA MEDIATICA
Tutti i match delle italiane della Champions League 2019-20 saranno trasmesse in live streaming su DAZN. Mercoledì doppio appuntamento: alle 16.00 la Savino Del Bene Scandicci sarà opposta al VakifBank di Giovanni Guidetti (telecronaca di Andrea Pratellesi e Alberto Cisolla), mentre alle 20.30 l’esordio delle Campionesse d’Europa in carica della Igor Gorgonzola Novara, in casa contro le ucraine del Khimik Yuzhny: al microfono, Marcello Piazzano e Maurizia Cacciatori. Tutte le altre sfide saranno disponibili su Eurovolley TV.

IL TABELLINO
A. Carraro Imoco CONEGLIANO – Vasas Obuda BUDAPEST 3-2 (21-25, 25-20, 25-10, 23-25, 15-4) – A. Carraro Imoco CONEGLIANO: Sorokaite 6, Geerties 2, Botezat, Ogbogu 17, Enweonwu 1, Gennari 1, Fersino (L), De Kruijf 7, Wolosz 13, Hill 14, Egonu 28. Non entrate: Folie, De Gennaro (L), Sylla. All. Santarelli. Vasas Obuda BUDAPEST: Kjelstrup 14, Kostelanska 16, Dekany 14, Kalicanin 5, Takagui 3, Abdulazimova 5, Juhar (L), Mihaly (L), Torok 1, Gyimes 1, Ambrosio, Villam 1, Bleicher. Non entrate: Hajos. All. Gluszak. ARBITRI: Pashkevich, Jettkandt. NOTE – Durata set: 28′, 27′, 19′, 30′, 13′; Tot: 117′.

CEV CHAMPIONS LEAGUE VOLLEY 2020
IL PROGRAMMA DELLA 1^ GIORNATA
Pool A
Eczacibasi VitrA Istanbul (TUR) – Fenerbahce Opet Istanbul (TUR) 3-2 (25-23, 25-18, 23-25, 22-25, 15-10)
Budowlani Lodz (POL) – LP Salo (FIN)  20/11
Classifica: Eczacibasi Vitra Istanbul 2 (1-0), Fenerbahce Opet Istanbul 1 (0-1), Budowlani Lodz 0 (0-0), LP Salo 0 (0-0).

Pool B
VakifBank Istanbul (TUR) – Savino Del Bene Scandicci  mercoledì 20 novembre, ore 16.00
Lokomotiv Kaliningrad Region (RUS) – Nova KBM Branik Maribor (SLO)  20/11
Classifica: Vakifbank Istanbul 0 (0-0), Savino Del Bene Scandicci 0 (0-0), Lokomotiv Kaliningrad Region 0 (0-0), Nova KBM Branik Maribor 0 (0-0).

Pool C
Igor Gorgonzola Novara – Khimik Yuzhny (UKR)  mercoledì 20 novembre, ore 20.30
LKS Commercecon Lodz (POL) – Allianz MTV Stuttgart (GER) 3-2 (16-25, 25-22, 25-19, 16-25, 15-10)
Classifica: LKS Commercecon Lodz 2 (1-0), Allianz MTV Stuttgart 1 (0-1), Igor Gorgonzola Novara 0 (0-0), Khimik Yuzhny 0 (0-0).

Pool D
A. Carraro Imoco Conegliano – Vasas Obuda Budapest (HUN) 3-2 (21-25, 25-20, 25-10, 23-25, 15-4)
Nantes VB (FRA) – CSM Volei Alba Blaj (ROU) 3-1 (25-19, 20-25, 25-12, 25-16)
Classifica: Nantes VB 3 (1-0), A. Carraro Imoco Conegliano 2 (1-0), Vasas Obuda Budapest 1 (0-1), CSM Volei Alba Blaj 0 (0-1).

Pool E
Dinamo Moscow (RUS) – Uralochka NTMK Ekaterinburg (RUS)  21/11
RC Cannes (FRA) – Maritza Plovdiv (BUL) 3-1 (26-24, 18-25, 25-7, 25-19)
Classifica: RC Cannes 3 (1-0), Dinamo Moscow 0 (0-0), Uralochka NTMK Ekaterinburg 0 (0-0), Maritza Plovdiv 0 (0-1).

DATE
Fase a gironi:
1^ giornata: 19-21/11
2^ giornata: 26-28/11
3^ giornata: 17-19/12
4^ giornata: 21-23/01
5^ giornata: 04-06/02
6^ giornata: 18/02
Quarti di finale: andata 03-05/03, ritorno 10-12/03
Semifinale: andata 24-26/03, ritorno 07-09/04
Finale: 16-17/05

LA FORMULA
Le formazioni partecipanti sono state divise in cinque gironi da 4 squadre. Ogni squadra affronterà le tre avversarie dello stesso girone in gare di andata e ritorno per complessive 6 partite. La prima fase promuoverà le cinque prime classificate e le tre migliori seconde ai quarti di finale. Nella fase a eliminazione diretta (quarti di finale e semifinali), la formula prevede gare di andata e ritorno con eventuale “golden set” per stabilire la qualificazione al turno successivo. A maggio, di nuovo a Berlino, le Superfinals che eleggeranno la squadra campione d’Europa.




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *