Equitazione: al via Cavalli a Roma 2020

Equitazione-A Roma si apre un nuovo capitolo nella storia delle manifestazioni equestri: dal 13 al 16 febbraio ritorna Cavalli a Roma con un’edizione completamente rinnovata e organizzata per la prima volta da Veronafiere. Quattro giornate con un calendario di eventi in grado di riunire tutti i diversi ambiti legati al mondo del cavallo, con iniziative pensate per un pubblico di appassionati, sportivi, allevatori, equituristi e addetti ai lavori. E al primo posto, sempre l’attenzione al benessere animale.

 

L’anima di Fieracavalli lancia nuove aspettative su quella che può diventare la più importante manifestazione equestre dell’Italia centro-sud, per portare il meraviglioso mondo del cavallo alla portata del vasto pubblico della Capitale e del territorio circostante. Un potenziale che non può certo essere trascurato, vista anche la densità di cavalli e pony presenti nel Lazio ed il numero di tesserati Fise che praticano sport Equestri nella regione.

 

La Federazione Italiana Sport Equestri è lieta di patrocinare tale iniziativa, di interagire con l’organizzazione dell’evento e di camminare fianco a fianco con Fieracavalli in questo ideale filo che riunisce il territorio italiano con due eventi di grande portata, dedicati e rivolti ad un folto gruppo di appassionati: Fieracavalli di Verona e Cavalli a Roma.

 

Il mondo degli appassionati del cavallo risponderà con entusiasmo a questa proposta, che sarà soltanto l’inizio di una proficua e importante crescita per tutto il comparto.

 

Queste le iniziative che riguardano le attività sportive sotto l’egida della Fise: per la disciplina del Salto Ostacoli, al padiglione 3 si svolgerà un Concorso Nazionale A6* che ha come particolarità una categoria qualificante per la 6 barriere dell’88° CSIO Roma di Piazza di Siena; le categorie qualificanti per l’evento di Verona 122×122, la spettacolare e divertente categoria Jump&Drive oltre alla categoria a staffetta in maschera. Nel padiglione saranno presenti la zona di intrattenimento con animazione e momenti “social” ed il Salotto Fise, dedicato ad interviste e approfondimenti in diretta streaming, oltre alle dirette di Riders Radio.

 

Nell’ampia area esterna, invece, in programma un concorso di Attacchi, prima tappa del circuito Coppa Italia amatoriale Fise, mentre, a cura del Comitato Fise Lazio non poteva mancare l’iniziativa dedicata ai più piccini, Pony City, che si svolgerà nel padiglione 4.

 

 

Un importante momento dedicato alla cultura equestre sarà quello della firma del protocollo di intesa tra la Fise e la Horse Museum Foundation, che presenteranno progetti per divulgare nelle scuole la conoscenza del cavallo e pony non soltanto in ambito sportivo. La Fondazione lancerà in questa occasione un concorso gemellato e qualificante per HorsEmotion, l’iniziativa che la Fise promuove ormai da molti anni e che celebrerà a Fieracavalli di Verona la premiazione delle migliori opere artistiche dell’edizione 2020 del concorso.

 

Matteo Gelmetti, presidente di Veronafiere Spa: “Cavalli a Roma nasce dalla collaborazione tra Veronafiere e Fiera di Roma con l’obiettivo di creare valore e sostenere un settore che in Italia vale oltre 5 miliardi di euro. Si tratta soltanto dell’inizio di un percorso di partnership che per noi è strategico anche per il radicamento dei nostri brand fieristici nel centro-sud dell’Italia”.

 

Flavio Innocenzi, direttore commerciale di Veronafiere: “Con questa edizione di Cavalli a Roma abbiamo voluto sviluppare un format complementare ma distintivo rispetto a Fieracavalli che possa diventare grazie all’accordo pluriennale con Fiere di Roma un appuntamento di riferimento in Lazio e nelle regioni limitrofe, prima tappa ad inizio anno di un unico percorso che porta all’appuntamento di Verona”.

 

 

Pietro Piccinetti, amministratore delegato di Fiera di Roma: “Oggi è sempre più necessario fare squadra e il sistema fieristico italiano non fa eccezione. Per rilanciare Cavalli a Roma è stato quindi naturale pensare a Veronafiere, vista l’esperienza tecnica e organizzativa che ha con Fieracavalli da oltre cento anni. Si tratta dell’inizio di un percorso di partnership che nel futuro potrebbe allargarsi ad altri ambiti”.

 

Marco Di Paola, presidente della Fise: “Come Federazione siamo molto soddisfatti di questa nuova Cavalli a Roma. Con Fieracavalli abbiamo un positivo rapporto di collaborazione da molti anni su Fieracavalli. Sulla piazza equestre romana siamo convinti che un partner come Veronafiere potrà darci la possibilità di impostare un progetto ampio e di lungo respiro, con un enorme potenziale di crescita”.

 

Alessandro Silvestri, presidente di Fitetrec-Ante: “Il cavallo è cultura e stile di vita green e slow, non soltanto agonismo e spettacolo. Grazie al nuovo protocollo con Veronafiere, inizia un percorso congiunto con eventi sul turismo equestre e sulle discipline western in tutta Italia che partiranno da Roma per arrivare poi a coinvolgere Verona e Fieracavalli”.

 

 

Marco Lepre, presidente dell’Associazione culturale Carnevale Romano: “Grazie a Veronafiere per la fiducia che ci ha dato con questo accordo che vedrà il Carnevale Romano essere protagonista anche a Cavalli a Roma, dopo anni di gemellaggio e scambio culturale con Fieracavalli. Tutta la storia di Roma è legata al mondo del cavallo e in fiera vogliamo proprio raccontare con una serie di eventi questa antica tradizione che va dal medioevo all’unità d’Italia”.

 

 

Le novità principali riguarderanno il format: sempre più trasversale ai diversi ambiti legati al mondo equestre, con iniziative specifiche rivolte al pubblico di appassionati, sportivi, allevatori e operatori. Cambia anche il nome dell’evento che diventerà “Cavalli a Roma by Veronafiere”. “L’unione fa la forza, ne siamo convinti da sempre, e naturalmente questo vale anche tra fiere – afferma Pietro Piccinetti, amministratore unico e direttore generale di Fiere di Roma –. Siamo particolarmente felici di inaugurare la sinergia con Veronafiere per la manifestazione di Cavalli a Roma. Con una importante rappresentanza di razze autoctone e il maggior numero di tesserati Fise in Italia dopo la Lombardia, il Lazio ha un legame forte con il mondo equestre e l’appuntamento dedicato ai cavalli a Fiera Roma ha una tradizione decennale e tutti i numeri giusti per diventare il punto di riferimento per il Centro-Sud del Paese. La collaborazione con Veronafiere e la sua ultra-centenaria esperienza nel settore rende l’obiettivo ancora più vicino e sarà l’inizio di un importante percorso assieme».

 

«Ben venga il gioco di squadra – commenta Giovanni Mantovani, direttore generale di Veronafiere –. Quest’operazione di sistema ha l’obiettivo di sviluppare e far crescere insieme a Fiere di Roma una rassegna che contribuirà a promuovere e valorizzare ulteriormente la filiera equestre anche in quest’area del Paese. Non dimentichiamo infatti che il settore che ruota intorno al mondo del cavallo genera in Italia un indotto di oltre 5 miliardi di euro, con 5mila aziende e allevamenti, 2mila centri ippici e 48mila lavoratori diretti. Come Veronafiere mettiamo a disposizione tutta la nostra esperienza come organizzatori di Fieracavalli, il più importante salone di settore a livello nazionale che nel 2020 taglierà a Verona il traguardo delle 122 edizioni»




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *