F1, GP dell’emilia romagna: Hamilton vince anche ad Imola

199

F1 – Lewis Hamilton ha conquistato il GP dell’Emilia Romagna, 93^ vittoria in carriera. Sul podio anche Bottas e Ricciardo, con la Mercedes che vince il settimo titolo mondiale costruttori consecutivo. Quinto Leclerc, 13° Vettel. A punti anche l’Alfa di Raikkonen e Giovinazzi. Nubi sul futuro di Hamilton ?

Lewis Hamilton sembra correre da solo e non si ferma più!
DomenicaHamilton ha vinto a Imola il Gran Premio dell’Emilia Romagna di Formula 1. Il campione del mondo in carica, su Mercedes, ha preceduto il compagno di squadra Valtteri Bottas. E la Mercedes è campione del mondo Costruttori per la settima volta consecutiva. Terzo posto per la Renault di Daniel Ricciardo che ha preceduto l’Alpha Tauri di Daniil Kvyat. Quinta posizione per la Ferrari di Charles Leclerc, davanti alla Racing Point di Sergio Perez, alle due McLaren di Carlos Sainz e Lando Norris e poi alle due Alfa Romeo Racing guidate da Kimi Raikkonen e Antonio Giovinazzi.
Solo un tredicesimo posto per l’altra Ferrari, guidata da Sebastian Vettel. Portando a casa il settimo trofeo costruttori di seguito, la Mercedes ha battuto il record della Ferrari di Michael Schumacher fermatasi a sei titoli consecutivi. Ha fatto suo il Gran Premio dell’Emilia Romagna con una prova di forza e ora si avvia a conquistare nuovamente il titolo di campione del mondo. Lewis Hamilton l’insaziabile, dopo Mondiale Costruttori consegnato alla Mercedes, potrebbe confermarsi campione già dalla prossima gara in Turchia, quart’ultima gara del calendario 2020. Di seguito tutte le possibilità per un trionfo ormai a un passo.
Hamilton campione in Turchia se: le combinazioni , Vince la gara., 2° con Bottas vincitore ma senza giro veloce., 3° o 4° con Bottas 2°, 5° con Bottas 3°.6° con Bottas 3° ma senza giro veloce. 7° con Bottas 4°. 8° con Bottas 5°. 9° con Bottas 6°. 10° con Bottas 6° ma senza giro veloce. Fuori dai punti e Bottas non meglio di 7° senza giro veloce.
A Bottas, inoltre, non basterebbe arrivare a pari punti con Hamilton, perché il britannico ha ottenuto più vittorie. Praticamente il mondiale è già suo!


Quel che però ha fatto clamore sono le sue parole al termine del Gran Premio: “Personalmente mi sento benissimo, sono molto forte e credo che possa andare avanti ancora per un bel po’ – ha aggiunto il campione del mondo in conferenza stampa dopo il successo in Emilia Romagna -. Mi piacerebbe esserci anche in futuro ma non ci sono garanzie. Aspettiamo e vediamo”. Il tutto inserito in un gioco delle parti che riguarda ovviamente anche l’aspetto economico per arrivare alla nuova intesa. E Lewis, forte delle 72 vittorie dal 2013 e del sesto titolo ormai a un passo, è nella posizione di poter temporeggiare.
L’ultima trasferta “in casa” per la Ferrari è un bicchiere mezzo pieno. Leclerc quinto ma anche Vettel tredicesimo, al di là dei piazzamenti, hanno dimostrato, molto più in gara che in qualifica, che questa Rossa sta crescendo. Anche se per tornare a sognare più in grande questa realtà non è ancora quella giusta.

Charles Leclerc ha chiuso al 5° posto il GP dell’Emilia Romagna. Il monegasco della Ferrari è stato protagonista di una gara in cui ha battagliato nel gruppo alle spalle di Mercedes e Verstappen, arrivando anche a lottare per il podio nei giri finali: “Pit stop anticipato nel primo stint? Non lo so, devo ancora guardare i dati – ha detto Leclerc. Avevo l’impressione di avere ancora la gomma ma abbiamo deciso di fermarci. Ieri eravamo tutti molto vicini, oggi abbiamo gestito bene le gomme. Forse siamo andati un po’ meglio in gara. Sicuramente è stato un weekend positivo, anche se vorremmo essere più in alto. Il primo stint così positivo ci dà fiducia per il futuro”.
Leclerc ha avuto anche la possibilità di lottare per il podio dopo la ripartenza della safety car: “Nel finale avevo gomme fredde, come Ricciardo, ma lui ce l’ha fatta – ha detto il monegasco -. Era difficile, sono abbastanza soddisfatto perché a inizio gara avevo un buon passo con le soft. Da questo punto di vista è andata meglio del Nurburgring. Ho avuto le risposte che cercavo per il futuro. Non siamo stati perfetti, ma lavoriamo per la prossima gara”.


Sebastian Vettel ha chiuso 13° il GP di Imola. Un peccato per il tedesco, che dopo aver fatto un primo stint straordinario, ha pagato a caro prezzo un pit-stop molto lungo (13.1 secondi) che lo ha relegato fuori dalla zona punti.
“Abbiamo cominciato con le medie, era la scelta giusta – ha detto Vettel a Sky Sport -. Abbiamo perso tempo al pist stop ed è stato un peccato. Eravamo fuori dalla zona punti, ho provato a recuperare ma non è andata bene. Non è il risultato che meritavamo. A livello di sensazioni è andata bene, non abbiamo mai avuto grandi problemi sul passo gara ma in qualifica. Serve pazienza per migliorare le qualifiche. Abbiamo mancato il Q3 per due decimi, dobbiamo cercare di progredire sempre per il futuro”.
Scattato dalla pole, il finlandese Bottas ha chiuso al secondo posto il GP di Imola grazie all’incidente di Verstappen che si è fermato al giro 51 (incidente). Valtteri racconta così la sua gara: ”Oggi sono stato sfortunato. Ero partito bene, una delle poche cose andate bene, poi al secondo giro alla curva 7 c’era un detrito e non ho potuto evitarlo, è finito proprio al centro della macchina causando un danno che mi ha reso la gara molto complicata”




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.