Len Champions League – Pro Recco – Dinamo Tbilisi 24-9

Len Champions League – Tutto facile a Novara per la Pro Recco che si sbarazza della Dinamo Tbilisi nell’ultima gara del girone di andata di Champions League: il 24-9 che matura alla Terdoppio vale il momentaneo sorpasso in testa alla classifica in attesa della sfida di sabato tra Osc e Ferencvaros.
Arte e pallanuoto nell’antipasto del match, con Massimo De Crescenzo – fratello di Paolo – ad omaggiare con tre sue opere mister Rudic e Revaz Chomakhidze, ex biancoceleste oggi guida della Dinamo Tbilisi.
In acqua la Pro Recco si diverte e per i georgiani la gara di Novara si trasforma in un incubo: otto minuti, otto gol, con le doppiette di Luongo, Di Fulvio e Filipovic impreziosite dalle singole di Mandic e Figlioli. Bijac, ancora titolare, è spettatore non pagante nell’8-0 che chiude il tempo.
Il portiere croato si supera due volte in avvio di secondo quarto su Magrakvelidze e Baraldi, poi Ivovic e Figlioli portano la Pro Recco in doppia cifra. La prima gioia della Dinamo Tbilisi arriva dopo oltre 12 minuti: il gol di Jelaca è salutato con un boato anche dal pubblico di Novara. Al rigore di Rurua, la squadra di Rudic risponde con altre tre reti, segnate da Filipovic, Di Somma e Mandic, che valgono il 13-2, passivo che Tsrepulia rende un po’meno amaro con il gol del 13-3 che accompagna le squadre al cambio campo.

Cambiano in porta i due mister – entrano Massaro e Shubladze – e il terzo parziale finisce in parità (4-4). Per la Pro Recco segnano Luongo e Ivovic su azione, Di Somma e Filipovic – al suo quarto gol – su rigore.
I biancocelesti non allentano il ritmo negli ultimi otto minuti, Fondelli scrive il suo nome sul tabellino con il gol del 18-7, Figlioli e Ivovic portano il punteggio sul 20-8. La rovesciata di Dobud, a metà tempo, strappa gli applausi convinti del pubblico. Luongo superstar nel finale, con altre due reti (cinque complessive) nel 24-9 che Mandic chiude con un bolide dei suoi.

“Il modo giusto per terminare questa prima fase di stagione – afferma mister Rudic – siamo partiti molto bene, poi abbiamo abbassato l’intensità e subito qualche gol di troppo. Nella fase conclusiva della gara abbiamo ripreso il filo e chiuso la partita nella maniera corretta”.




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *