Pallanuoto serie A1 maschile – A Bogliasco si impone l’Ortigia

PallanuotoE’ una sconfitta che fa male quella rimediata dal Bogliasco Bene contro l’Ortigia che passa alla Vassallo 11-8.
Non basta agli uomini di Magalotti una gara giocata alla pari con la valida formazione siciliana per uscire dalla vasca con almeno un punto che per quanto visto sarebbe stato molto più che meritato.
A gioire, invece, alla fine sono i biancoverdi che spingono i levantini sempre più sull’orlo del baratro.

Nonostante un avvio shock, con l’Ortigia subito avanti di due, i biancazzurri non mollano il colpo e a cavallo della prima sirena riequilibrano l’incontro con le reti ad uomo in più di Ravina e Puccio. Ortigia prova a scappare di nuovo con una doppietta in superiorità di capitan Giacoppo, ma ancora Ravina dimezza lo svantaggio finalizzando una rapida ripartenza di Lanzoni. Prima dell’intervallo lungo gli ospiti pungono ancora con Jelaca e Farmer ma Bogliasco resta in gara con il rigore procurato da Gambacorta e realizzato da Lanzoni.

I giochi sembrano chiudersi subito dopo il cambio vasca quando i siracusani si riportano nuovamente sul più 3 con Lifante. Nel giro di appena 80 secondi però Bogliasco riemerge mettondo l’incontro in equilibrio grazie alla doppietta di Lanzoni e allo squillo di Mario Guidi. La gara si decide probabilmente nell’ultima azione del parziale: i bogliaschini sprecano una buona opportunità per mettere la testa avanti; Ortigia ne approfitta con il solito Lifante, sul ribaltamento di fronte, per siglare l’8-7 a proprio favore.

La sfida resta comunque in bilico per tutta la quarta ripresa con Mario Guidi che risponde al terzo centro di giornata, ancora ad uomo in più, di Giacoppo. La pietra tombale sulla partita la mette Di Luciano a 1’26” dalla sirena, mentre a chiudere definitivamente i conti ci pensa ancora Lifante nell’ultima azione di gioco.
“Quella di oggi era una partita che potevamo tranquillamente vincere e che invece abbiamo finito per perdere – commenta amaro Daniele Magalotti – Sembra lo specchio di tutto l’anno nel quale continuiamo ad alternare cose bellissime ad altre degne dell’acquagol. Come se non bastasse anche i risultati provenienti dalle altre vasche non ci aiutano ma noi fino all’ultimo non molleremo”.

Il tecnico dell’Ortigia Stefano Piccardo: “Una partita durissima, difficilissima. Devo dire che siamo andati molto bene sotto l’aspetto mentale. Abbiamo tenuto, l’abbiamo vinta due volte questa partita. Sul 7-4 ci sono state un paio di decisioni che non ho ancora capito, ma in ogni caso noi abbiamo sbagliato qualcosa, eravamo lunghi e abbiamo preso due gol evitabili. Poi il peggio è arrivato dopo, con le espulsioni di Napolitano e l’uscita di Jelaca e infine, nel quarto tempo, con quelle di Abela e Cassia”.

Un momento complicato che però l’Ortigia è riuscita a superare grazie anche alla bravura dei suoi giocatori più esperti: “Non avevamo più cambi – conclude Piccardo – abbiamo terminato in 7 contati. Ma siamo stati bravi, dopo il momento difficile siamo rientrati subito in partita. Mi son piaciute moltissimo le prestazioni di Giacoppo ed Espanõl, che hanno fatto una grande partita. Questa è una vittoria fondamentale, ora potremo lavorare per giocare al meglio la prossima importantissima sfida con il Posillipo”.

BOGLIASCO BENE-CC ORTIGIA 8-11
BOGLIASCO BENE: Prian, G. Guidi, A. Di Somma, Fracas, Ferrero, Ravina 2, Gambacorta, Monari, Guidaldi, M. Guidi 2, Puccio 1, Lanzoni 3 (1 rig.), Di Donna. All. Magalotti.
CC ORTIGIA: Caruso, Cassia 1, Abela, Jelaca 1, Di Luciano 1, Farmer 1, Giacoppo 3, Espanol Lifante 4, Rotondo, Giribaldi, Susak, Napolitano, Pellegrino. All. Piccardo
ARBITRI: Navarra e Paoletti
NOTE: Parziali 1-2, 3-4, 3-2, 1-3. Spettatori 200 circa. Espulso Napolitano (O) per proteste nel terzo tempo. Usciti per limite di falli Jelaca (O) nel terzo tempo, Abela e Cassia (O) nel quarto tempo. Superiorità numeriche: Bogliasco 4/13 più un rigore, Ortigia 5/15.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *