SCHERMA – CAMPIONATI DEL MONDO BUDAPEST2019 TRIS DI BRONZO PER L’ITALIA

SCHERMACAMPIONATI DEL MONDO BUDAPEST2019 TRIS DI BRONZO PER L’ITALIA

TERZO POSTO PER ANDREA SANTARELLI, ELISA DI FRANCISCA E ARIANNA ERRIGO

SCHERMA – BUDAPEST – La quinta giornata di gara ai Campionati del Mondo Budapest2019 vede l’Italia siglare un tris di bronzo. Il medagliere azzurro sale a quota quattro medaglie, grazie ad Andrea Santarelli, Elisa Di Francisca ed Arianna Errigo che sommano le loro medaglie di bronzo a quella conquistata ieri da Luca Curatoli nella sciabola maschile. L’Italia sale sul podio nella spada maschile con Andrea Santarelli, mentre nel fioretto femminile Elisa Di Francisca ed Arianna Errigo si ritrovano insieme sul terzo gradino del podio a dieci anni di distanza dall’edizione iridata di Antalya2009.

Gli applausi di giornata sono per Andrea Santarelli. Lo spadista umbro si ferma solo in semifinale al cospetto del beniamino di gara, l’ungherese Gergely Siklosi con il punteggio di 15-9, al termine di un match dove dopo un iniziale vantaggio, l’azzurro è stato rimontato dal magiaro che ha spalancato dinanzi a sè le porte della finale che lo ha incoronato campione del Mondo e vincitore del trofeo “Edoardo Mangiarotti”.

Ai quarti Andrea Santarelli aveva raccolto gli applausi del pubblico ungherese superando per 15-12 il bicampione del Mondo francese, Yannick Borel mostrando tutto il suo talento sulla scena iridata.

“E’ una medaglia che festeggio – ha spiegato l’azzurro in zona mista – perché ho affrontato questa gara individuale senza patemi e senza ansie. Sono a Budapest più per la gara a squadre e l’abbiamo preparata tantissimo. Questo bronzo vale molto sul piano della consapevolezza del mio valore, ma l’obiettivo è qualificarsi a Tokyo2020 con la squadra. Sono un pò amareggiato – ha continuato Santarelli – per come ho affrontato la semifinale. Sono andato in vantaggio ma poi ho subìto l’avversario ed alcune sue stoccate che mi hanno tolto un pò di sicurezza. Ma è un bronzo che vale tanto!”.

Il vice campone europeo a Dusseldorf2019, dopo aver superato all’esordio di giornata il cileno Pablo Nunez per 15-8, ha sconfitto lo statunitense Adam Rodney col punteggio di 15-10 e, a seguire, ha superato 15-9 il francese Alexandre Bardenet nell’assalto degli ottavi di finale, prima di avere ragione del francese Borel ai quarti di finale.

Stop nel primo assalto di giornata invece per Marco Fichera, Enrico Garozzo e Gabriele Cimini. Il primo è stato superato 15-12 dal numero 1 del tabellone, il francese Yannick Borel, mentre Enrico Garozzo ha subìto il 15-10 dal danese Frederik Von Der Osten. L’esordiente Gabriele Cimini, invece, è stato eliminato dalla stoccata del 15-14 portata a segno dallo svizzero Benjamin Steffen.

Nel fioretto femminile, Elisa Di Francisca ed Arianna Errigo conquistano entrambe la medaglia di bronzo, al termine dei rispettivi match di semifinale, conclusi entrambi col punteggio di 15-13 in favore delle avversarie.

In semifinale, Elisa Di Francisca ha affrontato la russa Inna Deriglazova, poi vincitrice del titolo iridato, in un remake della finale olimpica di Rio2016 e di quella continentale di Dusseldorf lo scorso mese di giugno. L’assalto tra le due campionesse olimpiche ancora in attività è stato caratterizzato da un’alta tensione mentale da parte di entrambe e da una condotta arbitrale che ha innervosito più l’azzurra che l’avversaria. Alla fine a vincere è stata la 29enne russa col punteggio di 15-13.

“Non recrimino sulle decisioni quanto sulla gestione – dice Elisa Di Francisca -. Non è una medaglia da buttar via, ma non posso nascondere l’amarezza per un risultato che poteva essere migliore. Era un Mondiale importante per me e ho lavorato tanto affinché potesse giungere qualcosa in più. Lei (Inna Deriglazova, ndr) è un’avversaria d’altissimo livello e mi fa piacere affrontarla perché fa “scherma”. A Rio vinse lei, a Dusseldorf io ed adesso siamo sul 2-1. Sono pronta per l’ennesima sfida…magari tra un annetto!”.

La jesina, dopo aver vinto per 15-4 l’assalto d’esordio di giornata contro l’ucraina Anna Taranenko ed aver sconfitto 15-6 la cinese Yiting Fu, ha avuto la meglio nell’assalto del tabellone delle 16 contro la giapponese Sera Azuma col punteggio di 15-11. Agli ottavi è poi giunta la vittoria per 15-8 contro la cinese Huo Xingxin.

Medaglia di bronzo anche per Arianna Errigo che non cela l’amarezza per la quarta consecutiva in bacheca dopo quelle conquistate a Mosca2015, Lipsia2017 ed a Wuxi2018. A fermarla in semifinale è stata la francese Pauline Ranvier al termine di un match al cardiopalma. Dopo un equilibrio iniziale, la francese aveva siglato un netto 7-0 portandosi sul 13-7. Da lì è iniziata la rimonta di Arianna Errigo che con un perentorio 6-0 si è riportata in parità, prima delle definitive e fatali stoccate della transalpina che ha concluso con il 15-13.

“Sono arrivata un po’ scarica in semifinale – ha confessato l’azzurra -. Peccato perché ero venuta qui con l’intento di vincere. E’ stato un periodo un po’ intenso perché, tra le altre cose, mi sono anche sposata, ma non recrimino nulla. Adesso pensiamo alla gara a squadre che…vale tutto”.

Arianna Errigo aveva staccato il pass per le semifinali grazie al successo per 15-13 sulla statunitense Lee Kiefer. Nel suo percorso di gara, dopo aver superato all’esordio la slovacca Kitti Bitterova per 15-2, ha avuto la meglio sull’ungherese Kata Kondricz col punteggio di 15-11. Agli ottavi è poi giunto il derby contro Francesca Palumbo, vinto dalla monzese col punteggo di 15-7.

La potentina, che chiude al dodicesimo posto, prima di giungere agli ottavi aveva esordito superando per 15-14 la turca Irem Karamete, per poi avere ragione della colombiana Saskia Loretta Van Erven Garcia col punteggio di 15-4.

Si era fermata invece nel turno delle 32 Alice Volpi. La campionessa iridata in carica, dopo aver vinto per 15-1 il match del primo turno contro la colombiana Juliana Pineda Valencia, è uscita sconfitta per 15-13 dall’assalto contro la sorprendente spagnola Maria Teresa Diaz.


CAMPIONATI DEL MONDO BUDAPEST2019 – SPADA MASCHILE – 16-19 luglio 2019

Finale

Siklosi (Hun) b. Bida (Rus) 15-14

 

Semifinali

Siklosi (Hun) b. Santarelli (ITA) 15-9

Bida (Rus) b. Reizlin (Ukr) 15-10

 

Quarti

Santarelli (ITA) b. Borel (Fra) 15-12

Siklosi (Hun) b. Verwijlen (Ned) 15-8

Reizlin (Ukr) b. Kurbanov (Kaz) 15-12

Bida (Rus) b. Kano (Jpn) 15-12

 

Tabellone dei 16

Santarelli (ITA) b. Bardenet (Fra) 15-9

 

Tabellone dei 32

Santarelli (ITA) b. Rodney (Usa) 15-10

 

Tabellone dei 64

Borel (Fra) b. Fichera (ITA) 15-12

Santarelli (ITA) b. Nunez (Chi) 15-8

Von Der Osten (Den) b. Garozzo (ITA) 15-10

Steffen (Sui) b. Cimini (ITA) 15-14

 

Tabellone dei 64 – qualificazione

Fichera (ITA) b. Fabregat (Esp) 13-12

Garozzo (ITA) b. Zhumabai Uluu (Kgz) 15-12

 

Tabellone dei 128 – qualificazione

Garozzo (ITA) b. Szilagyi (Rou) 15-8

Fichera (ITA) b. Koch (Hun) 15-6

 

Fase a gironi

Marco Fichera: 2 vittorie, 3 sconfitte

Enrico Garozzo: 4 vittorie, 2 sconfitte

 

Classifica (224): 1. Siklosi (Hun), 2. Bida (Rus), 3. Santarelli (ITA), 3. Reizlin (Ukr), 5. Borel (Fra), 6. Kano (Jpn), 7. Verwijlen (Ned); 8. Kurbanov (Kaz).

  1. Cimini (ITA), 49. Garozzo (ITA), 64. Fichera (ITA).

 

CAMPIONATI DEL MONDO BUDAPEST2019 – FIORETTO FEMMINILE – 16-19 luglio 2019

Finale

Deriglazova (Rus) b. Ranvier (Fra) 15-11

 

Semifinali

Ranvier (Fra) b. Errigo (ITA) 15-13

Deriglazova (Rus) b. Di Francisca (ITA) 15-13

 

Quarti

Ranvier (Fra) b. Ueno (Jpn) 15-11

Errigo (ITA) b. Kiefer (Usa) 15-13

Di Francisca (ITA) b. Huo Xingxin (Chn) 15-8

Deriglazova (Rus) b. Zagidullina (Rus) 15-3

 

Tabellone delle 16

Errigo (ITA) b. Palumbo (ITA) 15-7

Di Francisca (ITA) b. Azuma (Jpn) 15-11

 

Tabellone delle 32

Diaz (Esp) b. Volpi (ITA) 15-13

Palumbo (ITA) b. Van Erven Garcia (Col) 15-4

Errigo (ITA) b. Kondricz (Hun) 15-11

Di Francisca (ITA) b. Fu Yiting (Chn) 15-6

 

Tabellone delle 64

Volpi (ITA) b. Pineda Valencia (Col) 15-1

Palumbo (ITA) b. Karamete (Tur) 15-14

Errigo (ITA) b. Bitterova (Svk) 15-2

Di Francisca (ITA) b. Taranenko (Ukr) 15-4

 

Classifica (142): 1. Deriglazova (Rus), 2. Ranvier (Fra), 3. Di Francisca (ITA), 3. Errigo (ITA), 5. Kiefer (Usa); 6. Ueno (Jpn), 7. Zagidullina (Rus), 8. Huo Xingxin (Chn).

  1. Palumbo (ITA), 17. Volpi (ITA).



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *