SIR SAFETY PERUGIA – VITAL HEYNEN: “UNA GRANDE PROVA DI FORZA DEL GRUPPO”

56

SIR SAFETY PERUGIA – La Sir Safety Conad Perugia batte 3-0 la Consar Ravenna nella settima giornata di andata di Superlega e conquista i tre punti che la mantengono salda in vetta alla classifica. Lo fa al termine di una settimana davvero difficile, con i casi di positività al Covid-19 a minare la serenità dell’ambiente, lo fa gettandosi alle spalle quattro giorni di timori e senza allenamenti, lo fa sopperendo con cuore, carattere ed uno spirito di squadra invidiabile alle defezioni di Ricci e Solè, alla mancanza di un Atanasijevic a referto ma ancora non utilizzabile e al forfait dell’ultimo minuto di Max Colaci.
Chapeau per i ragazzi di coach Heynen che tengono dritta la barra, si compattano ancora di più se possibile, mettono tutte le energie mentali e nervose sul taraflex del PalaBarton ed alla fine si sciolgono in un’esultanza vera insieme al 197 di Pian di Massiano.
Fin qui la parte emotiva della serata. Ma che anche una parte, e che parte, tecnica. Quella di un sestetto che gioca alla grande per due set abbondanti, che attacca con percentuali clamorose (78% addirittura nel primo parziale), che in fase break è un orologio e che sbaglia pochissimo. Il finale di terzo set è invece combattuto ed equilibrato, con Ravenna che non molla spinta da Recine, con Perugia che non molla ugualmente. Ai vantaggi decide un fallo di formazione di Pinali ed è vittoria bianconera.
Oggi il vero Mvp è la squadra, ma il riconoscimento se lo prende un monumentale Leon che ne mette 23 con 2 ace, 3 muri ed il 69% sotto rete. Ma giocano bene tutti davvero, da Russo e Plotnytskyi, da Ter Horst e Travica che in regia non sbaglia una scelta una, da Zimmermann a Sossenheimer e Vernon-Evans che entrano per pochi scampoli a dare il loro prezioso contributo. L’applauso più grande però va a Biglino e Piccinelli, perché sostituire dei compagni all’ultimo momento (all’ultimissimo nel caso del libero classe ’97) e farlo con la loro qualità e la loro prestazione è davvero da standing ovation.

IL MATCH

Con Ricci e Solè out e con Atanasijevic ancora non pronto all’utilizzo, Heynen deve fare a meno all’ultimo minuto anche di Colaci. Formazioni quindi obbligata con Russo e Biglino centrali e Piccinelli libero. Si parte con grande equilibrio spezzato dal contrattacco di Plotnytskyi (5-3). Ace di Russo, poi Plotnytskyi (8-4). Ter Horst si infila nel muro romagnolo, poi è vincente il muro bianconero (12-7). La Consar cerca il rientro, Travica mantiene quattro lunghezze di vantaggio per i suoi (16-12). Magia di Plotnytskyi, poi pipe di Leon (18-12). Due in fila di Recine accorciano (18-14), Plotnytskyi e il muro di Leon ristabiliscono (20-14). Primo tempo in contrattacco di Russo (22-15). Plotnytskyi porta Perugia al set point (24-18). Chiude subito l’ace di Leon (25-18).
Si riparte nel secondo set con il classico punto a punto e con Leon che firma quello che 5-5. Mette anche l’ace l’asso caraibico, poi super colpo di Plotnytskyi (7-5). Perugia prova ad allungare con l’ace di Plotnytskyi (12-8). Russo chiude il primo tempo dopo un lungo scambio (16-11). Recine non ci sta (16-13), Travica rimette a +5 i suoi (18-13). A segno anche Biglino da posto tre (20-14). Ancora Russo, due volte di fila, sempre con il gioco al centro per il set point Perugia (24-16). Pinali trova una bella serie dai nove metri con tre ace consecutivi (24-20). Il quarto esce di poco e propizia il raddoppio bianconero (25-20).
Terzo set con grande equilibrio in avvio (4-4). Ace di Russo, con la fattiva collaborazione del nastro (7-5). Non passa il pallonetto di Pinali (11-8). È sempre Recine a suonare la carica per Ravenna (12-11). Leon tiene l’attacco in questa fase, poi ancora un contrattacco a terra in primo tempo di Biglino (16-13). Out Plotnytskyi, la Consar è ancora a contatto (16-15). Sono sempre Leon da una parte e Recine dall’altra (18-17). Muro di Pinali e parità a quota 20. Russo non sbaglia in primo tempo (21-20). Recine pareggia in pipe (21-21). Ace di Pinali, sorpasso Ravenna (21-22). Plotnytskyi sulle mani del muro avversario (22-22). Il muro di Ter Horst capovolge (23-22). Ancora Ter Horst in contrattacco, match point Perugia (24-22). Pinali molto bene da seconda linea (24-23). Mengozzi allunga il set ai vantaggi (24-24). Biglino chiude il primo tempo (25-24). Il fallo di formazione di Pinali regala la vittoria ai Block Devils (26-24).

I COMMENTI

Thijs Ter Horst (Sir Safety Conad Perugia): “È stata una settimana dura e molto complicata per noi. Penso che abbiamo dimostrato che siamo una squadra vera, anche se ci mancavano alcuni nostri compagni, spingendo tutti insieme dal primo all’ultimo punto”.
Omar Biglino (Sir safety Conad Perugia): “Ho cercato di dare il mio contributo in un momento di difficoltà, sono contento e molto felice perché ho sentito la fiducia dei miei compagni. Abbiamo giocato bene tutti, siamo stati una squadra e ci prendiamo una vittoria importante in un momento certamente difficile”.

All’indomani del successo contro Ravenna, arrivata al termine di una settimana complicatissima in casa bianconera, le parole del tecnico belga: “Ci mancavano quattro giocatori, è una vittoria di grande valore. Sono contento, ma non posso essere felice perché il virus è un qualcosa che è impossibile da controllare”

Al termine della vittoria contro la Consar Ravenna, che consente alla Sir Safety Conad Perugia di rimanere in vetta alla Superelga dopo sette giornate ed arrivata al culmine di una settimana decisamente dura per tutto l’entourage bianconero, queste le parole del tecnico Vital Heynen.
“Avevamo due casi positivi al Covid-19 e un’ora prima della partita, quando è arrivato al palazzetto, Colaci non si sentiva bene. Abbiamo deciso di non correre alcun rischio, non so cosa abbia, ma abbiamo deciso di giocare solo con giocatori al 100% sani. Per cui, considerando anche Atanasijevic, ci mancavano quattro giocatori e credo che la squadra abbiamo nuovamente dato una grande prova di forza. È una vittoria di grande valore, abbiamo giocato per due set molto bene, l’attacco ha funzionato, Biglino ha dimostrato di essere un buon centrale e di poter giocare a questo livello”.
Heynen non nasconde la preoccupazione per la situazione legata al Civid-19.
“Sono contento ma non posso essere felice. Poche volte ho avuto paura nella mia vita, ma adesso ho paura perché il virus è un qualcosa che è impossibile da controllare, arriva e non sai come. Come squadra e come gruppo abbiamo lavorato duro e fatto davvero di tutto per tenerlo lontano, ma è successo lo stesso e questo è chiaramente un problema”.
Difficile al momento pensare al prossimo incontro in programma, la trasferta di sabato prossimo a Milano per l’ottava di andata di Superlega.
“Credo che chiunque in Italia adesso sappia che una scadenza ad una settimana di distanza è un qualcosa di davvero lontano e così è per noi la prossima gara. Per due giorni adesso faremo del lavoro individuale senza contatti tra i giocatori, nel frattempo verificheremo se ci sono altri casi nel gruppo. Se tutto andrà come tutti noi speriamo, mercoledì faremo il primo allenamento tutti insieme”.




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *