Volley – Pallavolo momenti e protagonisti: Cristina Chirichella

Cristina Chirichella è una pallavolista nata a Napoli il 10 febbraio del 1994. Cristina gioca nel ruolo di centrale nella Igor Gorgonzola Novara ed è il capitano della nazionale femminile italiana di pallavolo. È soprannominata La principessa della pallavolo italiana per i suoi modi di fare delicati

Cristina Chirichella è alta 195 cm e pesa 75 Kg. Cristina ha raggiunto ad 11 anni l’altezza attuale e la sua misura di scarpe è il 46.

Cristina ha un tatuaggio sul braccio destro: è il simbolo dell’infinito, dedicato al legame con suo fratello Gaetano. All’interno del disegno, infatti, compaiono le loro iniziali.

Cristina ha iniziato a giocare a pallavolo relativamente tardi. All’età di 12 anni ha esordito nella squadra napoletana dell’Gca, come per quasi tutte le pallavoliste la sua passione per questo sport è nata grazie al cartone animato Mila e Shiro due cuori nella pallavolo.
Nella stagione 2010-11 entra nel prestigioso Club Italia e partecipa al campionato di serie B1 per due anni. Negli stessi anni inizia il suo percorso nelle nazionali giovanili vincendo 2 medaglie ai campionati europei.

L’esordio nella massima serie arriva nella stagione 2012-13, la Chirichella viene ingaggiata dalla Robusport Vollet Pesaro e nella stessa stagione viene convocata nella nazionale maggiore. L’anno dopo passa alla Pallavolo Ornavasso e nella stagione 2015-16 approda all’Igor Gorgonzola Novara dove vince scudetto, Supercoppa e Coppa Italia in due stagioni.
nella nuova stagione l’obiettivo con la Igor sarà triplo: Scudetto, Coppa Italia w Champions Legue …. senza dimenticare la nazionale con la quale ha già conquistato la medaglia d’argento al World Grand Prix 2017.

Cristina Chirichella parla cosi’ della pallavolo: “È ancora un gioco, mi diverto molto con la pallavolo! Probabilmente sennò lo non farei, non ci riuscirei allo stesso modo. Però al tempo stesso so che è parte integrante della mia vita e che è anche un lavoro. La mia altezza? Sin dalle elementari sono sempre stata la più alta, tutti mi guardavano come la vatussa della situazione. All’epoca ne soffrivo, poi crescendo ho capito che è un elemento importante della mia vita e del mio sport e l’ho accettato”.

Che tipo di allenamento ti permette di raggiungere i migliori risultati?
“Credo siano fondamentali i pesi per la prevenzione dei dolori alle articolazioni, visto che saltiamo tantissimo tutti i giorni. Mi trovo bene combinando sala pesa e palestra nella giusta proporzione, mi permette di tenere bene i ritmi. Poi dipende anche dai periodi della stagione: in alcuni si lavora di più, in altri si gioca. C’è il momento in cui è bene scaricare, anche per trovare la concentrazione necessaria per la partita. Gestisco abbastanza bene sia lo stress che la tensione”.




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *