Viaggi e vacanze – Luoghi da scoprire: il Lago di Balaton in Ungheria

Il Lago di Balaton è certamente un luogo tutto da visitare. Un luogo d’incanto dove divertirsi ma anche trascorrere ore all’insegna dello sport, del relax, della natura e della buona compagnia senza dimenticare la possibilità di immergersi nella cultura ungherese.

Lado di acqua dolce, meta di vacanze con spiagge, colline vulcaniche, località di villeggiatura e hotel in grattacieli lungo le sue rive di 197 km.
La costa nord, collinare, è una regione vinicola, con paludi protette e sentieri escursionistici nel Parco nazionale del Balaton-felvidék. La città di Veszprém include un quartiere con un castello circondato da mura e ospita la Cappella Gisella, con affreschi del XIII secolo.
Situato in un parco all’estremità occidentale del lago, il grande Palazzo Festetics di Keszthely, in stile barocco, ospita un museo e una biblioteca con 100.000 volumi.
Su una penisola della riva settentrionale sorge l’abbazia benedettina di Tihany, con pannelli e altari intagliati. Balatonfüred è nota per il porto e la promenade alberata Tagore Sétány. Sulla riva sud si trova Siófok, con numerosi club e una vita notturna animata.
Cosa fare e quali appuntamenti seguire? Eccovi altri dettagliati suggerimenti….
La piccola cittadina di Tihany si trova nella riva settentrionale, nella omonima piccola penisola. Un luogo tranquillo dove apprezzare questa cittadina che vanta numerose tracce medievali. Qui si può trovare l’antica abbazia benedettina fatta costruire dal Re Andrea I nel XI secolo e ricostruita in stile barocco nei secoli successivi
Siófok è la capitale del divertimento del Balaton. Si trova nella riva meridionale. Festival, discoteche, ristoranti, una vera e propria “Rimini” sulle coste del lago. Tanti turisti, ungheresi e stranieri, affollano il lungo mare e il centro pedonalizzato dove potete trovare la torre dell’acquedotto simbolo della città costruita nel 1912 e da dove potete ammirare una vista panoramica unica sul lago.
La città di Keszthely si trova nella parte occidentale ed è considerata la capitale culturale del Balaton. Qui potete passeggiare per le belle vie barocche del centro, visitare numerosi musei ed ammirare l’imponente Palazzo Festetics. Costruito alla fine del Settecento, il palazzo di questa importante famiglia aristocratica ungherese possiede più di 100 stanze ed è circondato da bellissimi giardini.
Dopo una giornata al lago è bello rilassarti organizzando una scampagnata nei magnifici paesaggi naturalistici che nascondono le colline della riva settentrionale. Durante le escursioni ci si può imbattere in queste spettacolari rovine. La fortezza di Szigliget fu costruita dai benedettini nel XIII secolo e controlla il lago dalla cima della collina (242 metri di altezza).
In una vacanza ungherese al Balaton non possono mancare i cibi gastronomici per eccellenza dell’estate ungherese. Ed allora sceglietevi un baracchino sulla riva ed ordinate il vostro lángos(gnocco fritto) e la vostra birra! Questo è il menù tipico dell’agosto sulle rive del lago. In aggiunta per uno stuzzichino potete acquistare una pannocchia di mais bollita e ricoperta di sale!

Dalla metà del XX secolo il Balaton correva il rischio di essere lentamente interrato e perse sempre più il suo equilibrio biologico.

Nell’estate del 1966 vi fu un’invasione di alghe azzurre, causata dall’alto inquinamento anorganico del fiume Zala. Questo fatto diede impulso perché si prendessero provvedimenti e così si iniziò con il recupero biologico del Kis-Balaton. Oggi il Kis-Balaton, il cui specchio d’acqua sorge circa 2 metri sopra quello del Balaton, si estende di nuovo su una lunghezza di 22 km, con una capacità di 28 milioni di metri cubi. Tra l’altro i due laghetti interni (Feneker ed il bacino dell’Hídvéger) sono di nuovo parte del Kis-Balaton, e sono ritornati ad essere un filtro naturale, biologico per l’acqua del Balaton. In programma è l’allargamento della zona protetta per il 2010.

Il territorio, unico in Europa, con la sua aria pura, il gioco di luci del paesaggio è con la sua flora e la sua fauna un elemento ecologico di grande importanza. Nel biotopo ripariale vivono numerose specie protette di pesci, piante, rettili e più di 270 specie di uccelli. Nel 1979 il Kis-Balaton fu accolto nella lista di Ramsau delle “acque d’importanza internazionali”, e dal 1997 è parte del parco nazionale del Balaton (Balaton-Felvidéki Nemzeti Park).




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *