DON CENTOFANTI: VANGELO DI GIOVEDI 13 GIUGNO E COMMENTO

53

VANGELO – Mt 5,20-26 Giovedì 13 giugno 2024, Sant’Antonio di Padova, presbitero e dottore della Chiesa

In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli:
«Io vi dico: se la vostra giustizia non supererà quella degli scribi e dei farisei, non entrerete nel regno dei cieli.
Avete inteso che fu detto agli antichi: “Non ucciderai”; chi avrà ucciso dovrà essere sottoposto al giudizio. Ma io vi dico: chiunque si adira con il proprio fratello dovrà essere sottoposto al giudizio. Chi poi dice al fratello: “Stupido”, dovrà essere sottoposto al sinedrio; e chi gli dice: “Pazzo”, sarà destinato al fuoco della Geènna.
Se dunque tu presenti la tua offerta all’altare e lì ti ricordi che tuo fratello ha qualche cosa contro di te, lascia lì il tuo dono davanti all’altare, va’ prima a riconciliarti con il tuo fratello e poi torna a offrire il tuo dono.
Mettiti presto d’accordo con il tuo avversario mentre sei in cammino con lui, perché l’avversario non ti consegni al giudice e il giudice alla guardia, e tu venga gettato in prigione. In verità io ti dico: non uscirai di là finché non avrai pagato fino all’ultimo spicciolo!».
***
Talora qualche persona pensa di pregare male perché mentre prega i pensieri volano altrove. Distrarsi davvero vuol dire farlo apposta, per esempio quando Dio chiama a pregare si prega ma anche si vede la partita in televisione. Ma se la distrazione è involontaria non fa nulla l’importante è che il cuore ci provi con sincerità. E la sincerità consiste nel desiderio di accogliere nella propria vita concreta lo Spirito invocato nella preghiera. Talora si può avere la sensazione che la preghiera non serva a nulla. Qualche dono Dio trova sempre il modo di farlo ma certo se non cerchiamo, con semplicità e buonsenso, di ascoltarlo rendiamo più difficile l’efficacia della sua risposta perché i suoi doni può farceli meglio se apriamo il cuore. Col cuore chiuso non andiamo per le strade dove possiamo riceverli, non li riconosciamo, li accogliamo male…



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *