Papa Francesco: Messa di canonizzazione, Angelus e l’appello per la pace in Siria

Per Papa Francesco una domenica all’insegna dei nuovi Santi e del drammatico appello contro la guerra in Siria che sta devastando popolazioni ormai allo stremo portando distruzione e sofferenza.

In ordina cronologico, la Messa è  il primo impegno del Pontefice in una tipeida giornata di metà ottobre.

Hanno camminato sulle strade della fede, superando prove ardue, donandosi nella preghiera e nell’assistenza agli ultimi, cercando per tutta la vita la verità che è Gesù. I cinque nuovi Santi, canonizzati oggi da Papa Francesco in Piazza San Pietro, mostrano il volto di una Chiesa capace di vivere nelle periferie esistenziali del mondo, una Chiesa che si fa tale in una casa semplice e una Chiesa santa nel quotidiano. Ogni tratto si sposa così con la storia e la vita del cardinale britannico Henry Newman, della Fondatrice delle Figlie di San Camillo suor Giuseppina Vannini, della Madre indiana Mariam Thresa Chiramel Mankidiyan, della brasiliana suor Dulce Lopes Pontes e della svizzera Margarita Bays.

Come quei lebbrosi, anche noi abbiamo bisogno di guarigione, tutti. Abbiamo bisogno di essere risanati dalla sfiducia in noi stessi, nella vita, nel futuro; da molte paure; dai vizi di cui siamo schiavi; da tante chiusure, dipendenze e attaccamenti: al gioco, ai soldi, alla televisione, al cellulare, al giudizio degli altri. Il Signore libera e guarisce il cuore, se lo invochiamo, se gli diciamo: “Signore, io credo che puoi risanarmi; guariscimi dalle mie chiusure, liberami dal male e dalla paura, Gesù”.

Il Signore premia l’audacia di chi lo chiama per nome, premia chi si rivolge a lui in modo diretto e spontaneo.

Chiamare per nome è segno di confidenza, e al Signore piace. La fede cresce così, con l’invocazione fiduciosa, portando a Gesù quel che siamo, a cuore aperto, senza nascondere le nostre miserie. Invochiamo con fiducia ogni giorno il nome di Gesù: Dio salva. Ripetiamolo: è pregare, dire Gesù è pregare. La preghiera è la porta della fede, la preghiera è la medicina del cuore

Avanzare nella fede con l’amore umile e concreto, con la pazienza quotidiana: è la via, secondo il Papa, per “camminare” insieme e mai da soli. I lebbrosi infatti non sono fermi mentre vengono guariti ma procedono in salita, venendo purificati.

La fede richiede un cammino, un’uscita, fa miracoli se usciamo dalle nostre certezze accomodanti, se lasciamo i nostri porti rassicuranti, i nostri nidi confortevoli. La fede aumenta col dono e cresce col rischio. Sì cresce con il rischio! La fede procede quando andiamo avanti equipaggiati di fiducia in Dio.

E’ questo muoversi insieme che definisce la fede ed è anche l’invito di Francesco ai ministri di Dio perché si prendano cura di chi ha smesso di camminare, di chi ha perso la strada. “Siamo custodi dei fratelli lontani. Siamo intercessori – dice il Papa – per loro, siamo responsabili per loro, chiamati cioè a rispondere di loro, a prenderli a cuore”.

Nello spiegare il passo del Vangelo, il Pontefice ricorda che solo un lebbroso tornò a ringraziare Gesù, una decisione che lo condusse alla salvezza. “La tua fede ti ha salvato”.

La salvezza non è bere un bicchiere d’acqua per stare in forma, è andare alla sorgente, che è Gesù. Solo Lui libera dal male e guarisce il cuore, solo l’incontro con Lui salva, rende la vita piena e bella. Quando s’incontra Gesù nasce spontaneo il “grazie”, perché si scopre la cosa più importante della vita: non ricevere una grazia o risolvere un guaio, ma abbracciare il Signore della vita.

“Il culmine del cammino di fede – soggiunge il Papa – è vivere rendendo grazie” e questo spinge a chiederci se davvero viviamo la vita con un peso sul cuore o rendendo lode, come ribadito anche via Twitter. “Quando ringraziamo – continua -, il Padre si commuove e riversa su di noi lo Spirito Santo”.

Ringraziare non è questione di cortesia, di galateo, è questione di fede. Un cuore che ringrazia rimane giovane. Dire: “Grazie, Signore” al risveglio, durante la giornata, prima di coricarsi è l’antidoto all’invecchiamento del cuoreperché il cuore invecchia e si abitua male. Così anche in famiglia, tra sposi: ricordarsi di dire grazie. Grazie è la parola più semplice e benefica.

Nel ricordare i nuovi Santi, il Papa sottolinea che si tratta di tre suore, espressione della vita religiosa come “un cammino d’amore nelle periferie esistenziali del mondo”; una sarta Margarita Bays che rivela “quant’è potente la preghiera semplice, la sopportazione paziente, la donazione silenziosa: attraverso queste cose il Signore ha fatto rivivere in lei lo splendore della Pasqua”. Infine ricorda il cardinale Newman che parlò della santità del quotidiano, della pace profonda, silenziosa e nascosta del cristiano che non accampa pretese.

Chiediamo di essere così, “luci gentili” tra le oscurità del mondo. Gesù, «resta con noi e noi cominceremo a brillare come Tu brilli, a brillare in modo da essere una luce per gli altri».

All’Angelus, il Papa ha salutato le delegazioni di diversi Paesi, già incontrate prima della Messa nella Cappella della Pietà, in particolare il principe di Galles Carlo d’Inghilterra e il presidente italiano Sergio Mattarella, ricordando che i nuovi santi “hanno favorito la crescita spirituale e sociale nelle rispettive Nazioni”. Un saluto particolare poi lo ha rivolto ai delegati della Comunione Anglicana, esprimendo “viva gratitudine per la loro presenza” alla celebrazione. Infine Francesco ha ringraziato per l’affetto e le preghiere i fedeli polacchi che oggi celebrano “la Giornata del Papa”.

Cari fratelli e sorelle, prima di concludere questa Celebrazione eucaristica, desidero salutare e ringraziare tutti voi.

Ringrazio i fratelli Cardinali e i Vescovi, come pure i sacerdoti, le religiose e i religiosi, provenienti da ogni parte del mondo, specialmente coloro che appartengono alle famiglie spirituali dei nuovi Santi. Saluto tutti i fedeli laici che sono qui convenuti.

Saluto le Delegazioni ufficiali di diversi Paesi, in particolare il Signor Presidente della Repubblica Italiana e Sua Altezza il Principe di Galles. In effetti, con la loro testimonianza evangelica, questi Santi hanno favorito la crescita spirituale e sociale nelle rispettive Nazioni.

Un pensiero speciale rivolgo ai delegati della Comunione Anglicana, con viva gratitudine per la loro presenza e anche, do il benvenuto a te, caro fratello, nuovo Vescovo qui a Roma.

Saluto tutti voi, cari pellegrini, come pure quanti hanno seguito questa Messa mediante la radio e la televisione. Un saluto speciale rivolgo ai fedeli della Polonia, che oggi celebrano la Giornata del Papa: li ringrazio per le loro preghiere e per il loro costante affetto.

E il mio pensiero va ancora una volta al Medio Oriente. In particolare, all’amata e martoriata Siria da dove giungono nuovamente notizie drammatiche sulla sorte delle popolazioni del nord-est del Paese, costrette ad abbandonare le proprie case a causa delle azioni militari: tra queste popolazioni vi sono anche molte famiglie cristiane. A tutti gli attori coinvolti e anche alla Comunità Internazionale; per favore, rinnovo l’appello ad impegnarsi con sincerità, con onestà e trasparenza sulla strada del dialogo per cercare soluzioni efficaci.

Insieme a tutti i membri del Sinodo dei Vescovi per la Regione Panamazzonica, specialmente a quelli provenienti dall’Ecuador, seguo con preoccupazione quanto sta accadendo nelle ultime settimane in quel Paese. Lo affido alla preghiera comune e all’intercessione dei nuovi Santi, e mi unisco al dolore per i morti, i feriti e i dispersi. Incoraggio a cercare la pace sociale, con particolare attenzione alle popolazioni più vulnerabili, ai poveri e ai diritti umani.

Ed ora ci rivolgiamo alla Vergine Maria, modello di perfezione evangelica, perché ci aiuti a seguire l’esempio dei nuovi Santi.

 

 

 

 

 

 




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *