Vaticano – Al sinodo dei giovani sale in cattedra monsignor Robert Bannon

Robert Bannon -In un periodo di fermento nella Chiesa, anche il Sinodo dei giovani viene interessato da fermenti e discussioni. In queste ore il protagonista è stato monsignor Robert Bannon, vescovo ausiliare di Los Angeles. Il prelato ha parlato di apologetica (quella parte della teologia che ha lo scopo di affermare la ragionevolezza e la credibilità della fede). Si può dire che il primo apologista fu Gesù Cristo stesso, il quale diede dei segni che dimostravano la verità della sua missione: come «se non volete credere a me, credete alle mie opere» (Gv 10,38), cioè ai suoi miracoli e alla sua condotta di vita, e anche al modo con cui adempì le profezie — come quella di Isaia, citata come una prova ai discepoli di Giovanni Battista (Mt11,4-5;Lc4,17-21). Questi segni di verità però assumono tutta la loro forza solo per chi ha volontà retta: «Se qualcuno vuol fare la volontà di Dio, egli sarà…» (Gv 7,17).
Ma andiamo a rivisitare le parti più significative della parole di monsignor Robert Bannon.

L’incontro di Gesù con due ex discepoli sulla via di Emmaus fornisce uno splendido modello per il lavoro di accompagnamento della Chiesa attraverso i secoli. Il Signore cammina con i due, anche quando si allontanano da Gerusalemme, vale a dire, spiritualmente parlando, nella direzione sbagliata. Non inizia con una parola di giudizio, ma piuttosto con attenzione e calmo incoraggiamento. Gesù continua ad ascoltare, anche se raccontano, abbastanza accuratamente, tutti gli appuntamenti che hanno a che fare con lui. Ma poi, sapendo che mancheranno il modello interpretativo che darà un senso ai dati, li ha rimproverati (“Sciocchi e tardi di cuore nel credere alla parola dei profeti”), e poi si è esposto (“E cominciando da Mosè e da tutti i profeti spiegò loro in tutte le Scritture ciò che si riferiva a lui”). Li ha ascoltati con amore e parla con forza e chiarezza.
Molteplici indagini e studi negli ultimi 10 anni hanno confermato che i giovani hanno citato ragioni intellettuali quando viene loro chiesto cosa li abbia spinti a lasciare la Chiesa o a perdere fiducia in essa. Tra le principali vi sono le convinzioni secondo le quali la religione è contraria alla scienza o che non può sostenere l’esame razionale, che le sue credenze non sono più di moda, un residuo di un tempo primitivo, che la Bibbia è inaffidabile, che la fede religiosa genera violenza e che Dio sia una minaccia per la libertà umana.
Ho potuto verificare, sulla base di 20 anni di ministero nel campo dell’evangelizzazione online, che queste preoccupazioni sono cruciali ostacoli all’accettazione della fede tra i giovani. Ciò che è assolutamente necessario oggi, come aspetto dell’accompagnamento dei giovani, è un’apologetica e una catechesi rinnovate. Mi rendo conto che in alcuni ambienti della Chiesa il termine apologetica è sospetto, dal momento che sembra indicare qualcosa di razionalistico, aggressivo, condiscendente. Spero sia chiaro che il proselitismo arrogante non ha spazio nel nostro impegno pastorale, ma spero sia altrettanto chiaro che una spiegazione intelligente, rispettosa e culturalmente sensibile della fede (“dare ragione della speranza che è in noi” ) è certamente un desideratum.
C’è un consenso tra i pastori che, almeno in Occidente, abbiamo vissuto una crisi di catechesi negli ultimi 50 anni. Che la fede non è stata efficacemente comunicata è stato verificato dal più recente studio del Pew Research Center in America. Ha indicato che, tra le principali religioni, il cattolicesimo è al penultimo posto nel passaggio delle tradizioni. Perché negli ultimi decenni, nelle nostre scuole secondarie cattoliche, abbiamo letto Shakespeare in letteratura, Omero in latino, Einstein in fisica, ma, troppo spesso, testi superficiali nella religione?
L’esercito dei nostri giovani che affermano che la religione è irrazionale è un frutto amaro di questo fallimento dell’educazione.
Quindi, come sarebbe una nuova apologetica? Primo, deve emergere dalle domande che i giovani spontaneamente fanno. Non sarebbe imposta dall’alto ma piuttosto emergerebbe organicamente dal basso, una risposta al desiderio della mente e del cuore. Qui ci vorrebbe uno spunto dal metodo di San Tommaso d’Aquino. I testi austeri del grande maestro teologico sono emersi dal vivace domanda-e-risposta delle quaestiones disputatae che stavano al centro del processo educativo nell’università medievale.
SamTommaso era profondamente interessato a ciò che i giovani stavano davvero chiedendo. Quindi dovremmo esserlo anche noi.
In secondo luogo, una nuova apologetica dovrebbe guardare in profondità e a lungo nella questione della relazione tra religione e scienza. Per molte persone oggi, scientifico e razionale sono semplicemente termini equivalenti o co-estesi. E quindi, dal momento che la religione non è ovviamente la scienza, deve essere irrazionale. Senza per un momento denigrare le scienze, dobbiamo dimostrare che esistono percorsi non scientifici e tuttavia eminentemente razionali che conducono alla conoscenza del reale. La letteratura, il teatro, la filosofia, le belle arti – tutti cugini stretti della religione – non solo intrattengono e deliziano; portano verità che non sono disponibili in nessun altro modo. Una rinnovata apologetica dovrebbe coltivare questi approcci.
Terzo, la nostra apologetica e catechesi dovrebbe percorrere la via pulchritudinis, come la caratterizzò Papa Francesco nella Evangelii Gaudium. Soprattutto nel nostro contesto culturale postmoderno, iniziare con il vero e il bene – cosa credere e come comportarsi – è spesso controindicato, dal momento che l’ideologia di auto-realizzazione è così saldamente stabilita. Tuttavia, il terzo trascendentale, il bello, spesso dimostra un percorso più accattivante, meno minaccioso. E parte del genio del cattolicesimo è che abbiamo costantemente abbracciato il bello – nel canto, poesia, architettura, pittura, scultura e liturgia. Tutto ciò fornisce una potente matrice per l’evangelizzazione. E come sosteneva Hans Urs von Balthasar, la bellezza più convincente di tutti è quella dei santi. Ho trovato una buona dose di attrazione evangelica nel presentare la vita di questi grandi amici di Dio, un po’ come un allenatore di baseball che attira giovani al gioco mostrando loro quello di alcuni dei loro più grandi praticanti.
Quando Gesù si spiegò ai discepoli sulla via di Emmaus, i loro cuori cominciarono a bruciare dentro di loro. La Chiesa deve camminare con i giovani, ascoltarli con attenzione e amore, e quindi essere intelligentemente pronti a dare ragione per la speranza che è dentro di noi. Questo, credo, incendierà i cuori dei giovani”.
Parole molto significative queste di monsignor Robert Bannon che daranno da riflettere a molti.
In conclusione come non ricordare altre parole di grande rilievo….
«Abbiamo bisogno di una nuova apologetica, adatta alle esigenze di oggi, che consideri che il nostro compito non consiste nel conquistare argomenti, ma anime, nell’impegnarci in una lotta spirituale, non in una disputa ideologica, nel difendere e promuovere il Vangelo, non noi stessi.»
(Papa Giovanni Paolo II, discorso ai vescovi della Conferenza Episcopale delle Antille, 7 maggio 2002)




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *