Vaticano. Sinodo. Padre Lombardi: lettera riportata dai media non corrisponde a realtà

13

sinodo 3

La lettera di alcuni Padri Sinodali al Papa era riservata e quanto pubblicato da alcune fonti non corrisponde, né nel testo né nelle firme, a quanto consegnato al Pontefice, tanto che almeno quattro cardinali hanno smentito. Così padre Federico Lombardi, durante il briefing quotidiano relativo al Sinodo sulla famiglia. Il direttore della Sala Stampa della Santa Sede ha poi sottolineato che il clima dei lavori in Aula è comunque positivo.

Torna sul caso della lettera di alcuni Padri sinodali al Papa, padre Lombardi, aprendo il briefing quotidiano sul Sinodo dedicato alla famiglia. Ricorda quanto dichiarato dal cardinale Pell, ovvero che la missiva al Pontefice era e doveva rimanere riservata e che quanto pubblicato non corrisponde, né nel testo né nelle firme, a quanto consegnato al Papa. Quattro Padri Sinodali, infatti – i cardinali Scola, Vingt-Trois, Piacenza e Erdö – hanno smentito la loro firma. Dal suo canto, padre Lombardi aggiunge:

“Nella sostanza le difficoltà della lettera erano state evocate lunedì 5 ottobre, la sera, in Aula, come avevo detto, anche se non così ampiamente e dettagliatamente. Avevo parlato di obiezioni e dubbi sulla procedura. Come sappiamo il segretario generale del Sinodo, card. Baldisseri, ed il Papa avevano risposto con chiarezza la mattina seguente, martedì 6 ottobre. Quindi, chi ha dato a distanza di giorni questo testo e questa lista di firme da pubblicare, ha compiuto un atto di disturbo non inteso dai firmatari. Occorre perciò non lasciarsene condizionare”.

“Si possono fare osservazioni sulla metodologia del Sinodo, che è nuova – spiega ancora padre Lombardi – Ciò non stupisce, ma una volta che è stata stabilita, ci si impegna ad attuarla nel migliore dei modi”. Tanto che “vi è una vastissima collaborazione per far progredire bene il cammino del Sinodo”.




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *