Notizie dal Vaticano e Non Profit

BENESSERE E CONSIGLI UTILI PER LA SALUTE

Alimentazione – Il Convivio Troiani nuovo concept, anzi quattro

Il Convivio si rinnova. Il ristorante dei fratelli Troiani cambia pelle con un concept...

Guardia Costiera -“Sapori d’oriente”: controlli più stringenti sui prodotti ittici di provenienza etnica

Guardia Costiera – La Guardia costiera della Liguria, nei giorni dal 20 al 23 marzo...

Salute e benessere: contro ansia e depressione lunghe passeggiate

Lunghe passeggiate possono migliorare l’umore e ridurre l’ansia. I benefici...

DAT, Chiesa e le verità temute e nascoste dietro la legge varata dal governo PD

DAT – Quel governo che la maggior parte degli italiani non vede l’ora che vada a...

Festival della Scienza di Genova per dare il meglio di noi

Approda al Festival della Scienza di Genova “Diamo il meglio di noi”, la campagna di...

ROMA CRONACA SPETTACOLO

SPORT SOLO CALCIO

Calcio sorteggi: in Europa League Marsiglia-Salisburgo e Arsenal-Atletico Madrid

Dopo la clamorosa eliminazione della Lazio in Europa League, dai sorteggi esce il quadro...

TUTTO LO SPORT

Pallanuoto maschile Serie A1: Lazio-Ortigia emozioni forti al Foro Italico

Lazio – Punto…di partenza. La Lazio Nuoto ottiene un pari contro l’Ortigia...

 

Antonio Possevino e la Transilvania tra censura e autocensura di Otilia Stefania Damian

libro-stefania-copertinaSEccoci ad analizzare un’opera di grande interesse e ad intervistarne in esclusiva la sua autrice.

Il libro Antonio Possevino e la Transilvania tra censura e autocensura, scritto da Otilia Stefania Damian, è dedicato al gesuita italiano Antonio Possevino (1534-1611), un missionario, ma anche un diplomatico importante del suo tempo, che ha viaggiato nello spazio europeo (in Francia, Svezia, nei Paesi Baltici, Polonia, Russia, Transilvania ecc.) con scopi di evangelizzazione, frequentando ambienti politici e religiosi influenti all’epoca.

Antonio Possevino, gesuita (Mantova 1533 o 1534 – Ferrara 1611) fu una importante personalità della Controriforma, di cui fu ardente campione in anni di dure lotte. Anche se i suoi grandi progetti fallirono, la sua azione non andò perduta: diede un forte contributo all’azione antiprotestante in Polonia e in Transilvania e contribuì non poco alla riunione dei Ruteni alla Chiesa cattolica.

Nel 1583 Antonio Possevino era arrivato in Transilvania e aveva deciso di scrivere su proposta dell’ex principe della Transilvania – Stefano Báthory, nel frattempo diventato re di Polonia, una descrizione storico-geografica della regione. Il lavoro, che Possevino voleva pubblicare, si conserva in più manoscritti, studiati con cura dall’autrice. A causa della pressione della censura (e nonostante l’autocensura che il padre gesuita si era imposto) il libro è stato stampato solo nel Novecento. L’autrice si sofferma con attenzione sulle ragioni che hanno bloccato la pubblicazione di un libro molto importante per la storia dei Paesi Rumeni e riporta in discussione la figura di un gesuita eccezionale.

Otilia Stefania Damian si è laureata e specializzata in lingua e letteratura italiana e francese all’Università “Babes-Bolyai” di Cluj-Napoca e all’Università di Würzburg. Tra 2007-2010 è stata allieva del corso di perfezionamento in discipline filologiche e linguistiche moderne alla Scuola Normale Superiore di Pisa. È stata borsista CNR Nato all’Università “La Sapienza” di Roma e borsista “Vasile Pârvan” all’Accademia di Romania in Roma. Nel 2008 ha conseguito il dottorato di ricerca in filologia italiana presso l’Università “Babes-Bolyai” Cluj-Napoca. Si è occupata dei rapporti culturali italo-romeni, di filologia italiana e di letteratura italiana moderna e contemporanea, pubblicando vari articoli in riviste scientifiche rumene e italiane. Dal 2001 è ricercatore presso il Dipartimento di Lingue e Letterature Romanze, Facoltà di Lettere, Università “Babes-Bolyai” Cluj-Napoca.

…leggi l’intervista completa a cura di Raffaele Dicembrino

VOLLEY – JOVANA STEVANOVIĆ LA CAMPIONESSA DAL GRANDE CUORE

jovana-foto-giuseppe-storti-3-735x400
La carriera professionistica di Jovana Stevanović ha avuto inizio nella stagione 2008-09 entrando a far parte dello Ženski Odbojkaški Klub Crvena Zvezda di Belgrado dove ha militato per 5 stagioni. Nella stagione 2013-14 è stata ingaggiata dal Volleyball Casalmaggiore, nella Serie A1 italiana, dove ha vinto lo scudetto al termine della stagione 2014-15 e la Supercoppa italiana 2015; con la nazionale, nel 2015, si è aggiudicata la medaglia di bronzo Giochi europei e al campionato europeo e quella d’argento alla Coppa del Mondo. Attualmente è impegnata con la Pomì Casalmaggiore. Le abbiamo posto alcune domande per cercare di conoscerla meglio ed abbiamo scoperto quanto sia importante per la sua vita e la sua carriera di donna ed atleta. Vive nella gioia delle piccole cose e crede molto nella famiglia alla quale è molto legata.
leggi l’intervista completa a cura di Raffaele Dicembrino