CALCIO – SERIE A – IL DERBY E’ DELLA LAZIO

57

CALCIO – La Lazio ha sconfitto 1-0 la Roma nel derby della capitale in Serie A, allungando a +5 sui giallorossi nella corsa a un piazzamento nella prossima Champions League. In un clima da battaglia sportiva all’Olimpico, la prima svolta del match è arrivata al 32′ con l’espulsione di Ibanez per somma di ammonizioni. In superiorità numerica la Lazio di Sarri ha accentuato il predominio del possesso palla, provando con pazienza a bucare il muro giallorosso. La giocata vincente è arrivata al 65′ con l’imbucata di Luis Alberto toccata da Felipe Anderson per Zaccagni, glaciale a battere Rui Patricio sul secondo palo.

LA PARTITA

La capitale si è tinta di biancoceleste, in questa stagione come non mai in campionato visto il doppio successo della Lazio di Sarri sulla Roma di Mourinho, squalificato al ritorno. All’Olimpico è stato bissato l’1-0 dell’andata in favore della Lazio e paradossalmente con lo stesso protagonista negativo: Ibanez. Se all’andata un errore del difensore brasiliano spianò la strada per la rete della vittoria, in questo ritorno la sua espulsione al 32′ ha condizionato pesantemente l’andamento della sfida che da quel momento in poi si è giocata completamente nella metà campo giallorossa.

In palio questa volta c’erano anche punti importanti nella affollata corsa a un posto in Champions League e anche per questo motivo la tensione in campo è stata palese fin dal primo minuto. Scaramucce, calcetti e qualche provocazioni di troppo hanno costretto l’arbitro Massa a fischiare molto fin da subito e a farne le spese, nei primi 32 giri d’orologio, è stato Ibanez che ha raccolto due cartellini gialli e la conseguente espulsione. Prima dell’episodio che ha svoltato il match solo una conclusione alta di Wijnaldum dal limite dell’area per la Roma e un’accelerata di Zaccagni con assist a Felipe Anderson per i padroni di casa.

Nella ripresa il copione è stato prevedibile: Lazio in pieno controllo del possesso palla e con un baricentro altissimo; Roma a difesa della propria porta con un 5-3-1 privato di Dybala, lasciato negli spogliatoi all’intervallo e giudicato non idoneo al clima da battaglia in campo. Ne è risultata una lezione di palleggio da parte della formazione di Sarri che solo con Luis Alberto ha spaventato Rui Patricio con due conclusioni dalla distanza e una ribattuta in scivolata di Mancini, prima della giocata giusta. Con una verticalizzazione dello spagnolo sporcata da Felipe Anderson, Zaccagni è scappato via al vertice dell’area di rigore trovando il destro a giro che è valso tre punti e l’ingresso nella storia delle stracittadine a tinte biancocelesti. Il gol, anzi l’autogol di Casale annullato per fuorigioco di Mancini sugli sviluppi dell’azione poco dopo il vantaggio è solo storia, ma di quella che non entra nelle statistiche. Quelle dicono che la Lazio è salita a 52 punti in classifica a +5 sulla Roma.

Nel finale di gara poi la tensione è sfociata in qualche parola e sbracciata di troppo costringendo Massa ad estrarre altri due cartellini rossi: uno a Marusic e l’altro a Cristante.

IL TABELLINO

LAZIO-ROMA 1-0
Lazio (4-3-3)
: Provedel 7; Marusic 6,5, Casale 6, Romagnoli 7,5, Hysaj 6,5; Milinkovic-Savic 6,5, Cataldi 6.5, Luis Alberto 7.5; Pedro 6,5 (43′ st Basic sv), F. Anderson 6,5, Zaccagni 7,5 (36′ st Cancellieri sv). A disp.: Maximiano, Adamonis, Pellegrini, Patric, Antonio, Immobile, Romero, Radu, Lazzari, Gila, Floriani, Magro, Fares. All.: Sarri 7.

Roma (3-4-2-1): Rui Patricio 6,5; Mancini 4,5, Smalling 6.5, Ibanez 4; Zalewski 5, Wijnaldum 6 (21′ st Matic 6), Cristante 6, Spinazzola 5,5; Dybala 5 (1′ st Llorente 6 (33′ st El Shaarawy 6)), Pellegrini 5,5 (38′ st Solbakken sv); Belotti 6 (22′ st Abraham 5,5). A disp.: Svilar, Boer, Celik, Camara, Bove, Volpato, Tahirovic. All. Mourinho (in panchina Foti) 5.
Arbitro: Massa (6)
Marcatori: 20′ st Zaccagni
Ammoniti: Luis Alberto, Romagnoli, Cancellieri (L); Mancini (R)
Espulsi: 32′ Ibanez (R) per somma di ammonizioni; fine partita Cristante (R) e Marusic (L).