Terrorismo: uomini anche dall’Ucraina

21

I terroristi ormai appaiono essere ovunque. Si addestrano in Siria ma partono dai vari continenti compresa l’Europa. E’ di queste ore la polemica che rimbalza di quanto avviene in Ucraina . Fort Rus

Leader dei nazionalisti ucraini conferma: “L’ISIS è un nostro alleato nella lotta contro la Russia”
Dmitry Korchinsky, nazionalista ucraino leader del movimento “Fratellanza”, ha proposto di offrire asilo politico a Kiev ai terroristi dell’ISIS. L’ex capo della UNA-UNSO (il movimento estremista Assemblea Nazionale Ucraina – Autodifesa del Popolo Ucraino) si è lasciato andare ad un delirante proclama sui social network, sottolineando che i servizi di sicurezza ucraini (SBU) devono vedere l’ISIS come “un alleato nella lotta contro la Russia”.
“Al vertice del G20 i leader dei paesi occidentali hanno parlato con il terrorista di Mosca (ndr il modo che il mentecatto Korchinsky ha di definire Vladimir Putin..), come se fosse un essere umano, chiedendogli di bombardare le posizioni dell’ISIS. Ecco, il loro comportamento nei confronti dei terroristi è pragmatico.
I Servizi di sicurezza ucraini devono anche loro essere pragmatici, e quindi, efficaci. Non può essere un nostro compito quello di far arrestare i nemici di Mosca – gli islamisti. Dobbiamo solo chiedere loro di colpire con precisione i terroristi di Mosca nel Caucaso e in Siria.
Purtroppo i servizi di sicurezza a volte arrestano dei reclutatori caucasici che vanno dalla Siria in Moscovia (Russia) per unirsi all’ISIS. Non è un comportamento saggio.
Perché l’Ucraina dovrebbe mettersi a litigare con l’Islam?
La signora Gitlyanskaya, addetta stampa dell’SBU, riferisce periodicamente in merito ai progressi dell’SBU nella lotta contro “l’organizzazione terroristica Al-Nusra”, invece di puntare contro gli agenti di Mosca.
Perché l’Ucraina dovrebbe preoccuparsi della rivoluzione dei poveri nel mondo islamico? Perché dovremmo scegliere un lato della barricata? Al momento, i popoli oppressi dell’ex impero sovietico ed i popoli proletari del Medio Oriente sono i nostri unici alleati vitali nella guerra contro Mosca. Dobbiamo agire secondo i nostri interessi.
Chiunque combatte per la liberazione del suo popolo dal giogo imperialista di Mosca dovrebbe avere il diritto di ricevere asilo politico a Kiev” – ha scritto Korchinskiy.
http://antifashist.com/…/korchinskij-zovet-terroristov-igil…
Le deliranti dichiarazioni fatte dal terrorista Korchinsky hanno un senso secondo la logica degli ultranazionalisti ucraini che hanno combattuto al fianco dei terroristi ceceni contro la Russia durante le guerre cecene. E’ chiaro che simpatizzino per l’ISIS, dove combattono molti dei loro ex fratelli in armi.
Ricordiamo inoltre che Korchinsky ha partecipato attivamente alle violenze sul Maidan, dove guidava gruppi paramilitari che attaccavano le forze dell’ordine. Si è poi unito allo scandaloso battaglione volontario “Shahktersk” (implicato in crimini contro la popolazione civile) durante l’operazione punitiva contro il Donbass. Korchinsky è ricercato in Russia per il suo ruolo nella guerra in Cecenia e per istigazione all’odio.




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *