PALLANUOTO – LA TELIMAR VINCE SU CAMOGLI 9-8

162

TELIMAR – Vittoria doveva essere e vittoria è stata per il TeLiMar Palermo, che si complica un po’ la vita nella decima giornata di A1 contro la neopromossa Spazio Rari Nantes Camogli. All’Olimpica di viale del Fante finisce 9-8 un match tirato, giocato dal Club dell’Addaura quasi per intero senza un centroboa di ruolo, a causa dell’indisponibilità di Metodiev, ma soprattutto con un calo di concentrazione dovuto in parte anche al dispendio di energie delle ultime tre trasferte. A caricarsi la squadra sulle spalle è Occhione, il più prolifico dei suoi, con sei gol. A sorpresa il primo parziale si chiude con un vantaggio minimo dei liguri, con il TeLiMar che tiene in equilibrio l’incontro nel secondo quarto, per poi nuovamente andare sotto di una rete nel terzo periodo. I padroni di casa, però, non ci stanno e in avvio degli ultimi otto minuti si portano prima sul 7-7 e poi sul doppio vantaggio con il numero dieci palermitano. Putt a pochi secondi non può far altro che aggiornare il risultato, ma i tre punti vanno ai rossoverdeblù, che a quota 19 punti scavalcano in classifica l’Ortigia, bloccata dal Recco. E si preparano, così, alla delicatissima sfida di sabato in casa del Posillipo, oggi vittorioso a Catania.

LA CRONACA
Ci vogliono quasi 3’ per violare le reti e a farlo è Occhione su rigore, a cui risponde subito Boggiano. Il TeLiMar spreca un paio di occasioni. Ne approfittano gli ospiti con Plumpton, ma reagisce Giorgetti con un gran tiro a schizzo su uomo in più per il 2-2. A 43” dalla fine della prima frazione, però, sono i liguri a portarsi in vantaggio con Plumpton.
Determinato Occhione alla prima azione del secondo quarto riporta equilibrio nel match. A sorpresa passa di nuovo in vantaggio il Camogli, ancora con Plumpton, a 1’55 dall’intervallo lungo. È Vitale a trascinare i palermitani, segnando in extra player la rete del 4-4.
Continua a giocare senza centro di ruolo il TeLiMar, che per portarsi in doppio vantaggio si affida due volte al tiro dalla distanza di Occhione. Accorcia Vujosevic con un tap-in in più dopo la traversa di Tabbiani. E poi è sempre l’ex di giornata a servire al centro Skiljic per la nuova parità. Proteste dei padroni di casa per un rigore negato a Hooper. Sfruttano la disattenzione gli uomini di Temellini, che con un alzo e tiro di Vujosevic si portano sul 6-7.
Ci si gioca tutto nell’ultimo quarto. Woodhead sorprende tutti su uomo in più e conquista un importante 7-7 in avvio degli ultimi otto minuti di gioco. Insistono i ragazzi guidati da Gu Baldineti, tra le parate di Jurisic che suona la carica ai suoi. E due volte con Occhione mettono in tasca la vittoria. A 8” ci prova Putt, ma la partita finisce sul 9-8.

«È stata una partita difficile – ammette Davide Occhione – perché il Camogli è venuto qua a giocare a viso aperto. Non avevano nulla da perdere. Noi, invece, avevamo tutto da perdere. Quindi, abbiamo sofferto sino all’ultimo, però l’importante era vincere. È vero, siamo un po’ stanchi, giochiamo ogni due giorni fra Coppa e Campionato, ma stiamo andando bene. Ora dobbiamo subito riprendere fiato e preparare la partita di sabato, che è fondamentale. Sarà un’altra battaglia, perché il Posillipo è un’ottima squadra e giochiamo in casa loro, in un campo veramente ostico». Quanto ai sei gol personali, «ho avuto la possibilità di tirare. Diciamo che mi sono preso – sottolinea l’universale – la responsabilità di tirare ed è andata bene. Un giorno ci sono io, un giorno c’è Hooper, un altro Giorgetti, Giliberti. Insomma, siamo tutti pronti a dare l’anima per questa squadra. Vogliamo vincere. Se un giorno manca un tiratore, c’è un altro. È un gioco di squadra, abbiamo vinto tutti insieme».

Marcello Giliberti, Presidente TeLiMar: «Abbiamo giocato in maniera scadente, guadagnando alla fine la vittoria giocando per qualche minuto in maniera più rabbiosa. Tre punti importantissimi, che ci tengono in alto in classifica, proiettati verso il match di sabato a Napoli contro la nostra diretta concorrente Posillipo per un posto nel girone play off Scudetto. È evidente che la prestazione che dovremo sfoderare contro i campani dovrà essere ben diversa rispetto a quella di oggi, viceversa non avremo scampo. Sono comunque fiducioso, perché nei match tosti i ragazzi riescono sempre a far bene».

Campionato Nazionale di Pallanuoto maschile di Serie A1 – X giornata – TeLiMar vs Spazio Rari Nantes Camogli 9-8
TeLiMar: Jurisic, Marini, Vitale 1, Fabiano, Giorgetti 1, Hooper, Giliberti, Falsone, Lo Cascio, Occhione 6 (1 rig.), Lo Dico, Woodhead 1, Girasole, Nuzzo – Allenatore: Marco Baldineti
RN Camogli: Rossi, Plumpton 3, Gandini, Mangiante, Boggiano 1, Putt 1, Tabbiani, Vujosevic 2, Scardino, Barabino, Skiljic 1, Ruggieri,– Allenatore: Angelo Temellini
Arbitri: Bruno Navarra, di Roma, e Andrea Zedda, di Quartu (CA) – Delegato: Giovanni Lo Dico
Parziali: 2-3; 2-1; 2-3; 3-1 – Superiorità: TeLiMar 2/13 + rig; RN Camogli 2/5
Note: RN Camogli con 12 uomini a referto. Usciti per limite di falli Tabbiani e Plumpton (C) nel IV tempo. Spettatori: cento autorizzati per via degli spalti inagibili