Sport ed arte – Kickboxing di tutto di più

61

Kickboxing – La kickboxing è uno sport da combattimento di origine giapponese diffusosi poi negli Stati Uniti e successivamente in tutto il mondo che combina tecniche di calcio tipiche delle arti marziali orientali ai colpi di mano tipici del pugilato.

A seguire, negli anni Settanta, alcuni maestri di arti marziali provarono a sperimentare una nuova formula unendo le tecniche di pugno del pugilato alle tecniche di calcio del karate: nacque così il Karate Full Contact.

Le tecniche

La kickboxing prevede tecniche di pugno e di calcio. Le tecniche di pugno utilizzate nella kickboxing sono le stesse del pugilato occidentale: diretti, ganci, montanti.

  • Diretto: colpo sferrato stendendo completamente il braccio in avanti, a colpire il volto o il busto dell’avversario.
  • Gancio: pugno che parte mantenendo il braccio piegato, ad uncino, ruotando la spalla.
  • Montante: colpo inviato dal basso verso l’alto alla ricerca del mento dell’avversario ma non disdegna di colpire il busto o all’addome.

Esistono diverse tecniche di calcio nella kickboxing:

  • il calcio frontale: sferrato portando la gamba al petto e poi stendendola in avanti, per colpire con l’avampiede, o più raramente, il tallone.
  • Il calcio laterale: simile al calcio frontale ma sferrato da posizione laterale, ruotando la gamba d’appoggio di 90º e andando a colpire con l’altra utilizzando il taglio del piede.
  • Il calcio circolare o rotante: sferrato muovendo la gamba con una traiettoria circolare, colpendo con la tibia o con la monta del piede.
  • Il calcio ad uncino che, come dice la parola stessa uncina l’pavversario ed ha lo scopo di trascinarlo a terra

Le discipline

La kickboxing prevede sei differenti discipline che possono essere disputate sul tatami (in questo caso si parla di contatto leggero) oppure sul ring (contatto pieno).

Il Point Fighthing   prevede che i due atleti si sfidino sul tatami, e consiste in combattimenti “al punto” (cioè ad ogni azione valida il combattimento viene fermato e viene assegnato il punto). Altro elemento in comune con il karate, è l’utilizzo delle cinture (dalla bianca alla nera) che graduano gli atleti in base alla loro esperienza.

Il Light-contact  consiste in un combattimento continuato a punti. Come nel point fighting, il contatto deve essere necessariamente limitato o controllato, e privilegia soprattutto le doti specifiche di esecuzione tecnica e di pulizia dei colpi che vanno eseguiti con scioltezza e velocità, privilegiando la tecnica alla forza. Si combatte sempre sul tatami main questo caso sono liberi di muoversi sul quadrato di gara a loro piacimento, e senza che l’arbitro interrompa il combattimento dopo l’esecuzione di una tecnica portata a segno.

Il Full-contact “contatto pieno”, e universalmente riconosciuta come la formula principale di questo sport. Nato negli Stati Uniti come variante del Full contact karate, in Europa e nel mondo si distaccò ben presto dall’aspetto marziale, unì subito il pugilato alle tecniche di calcio e diventò con gli anni lo sport da ring per eccellenza. Prevede un combattimento continuato a pieno contatto: i colpi vanno portati con forza e potenza, privilegiando forza ed l’incisività unite a stile e precisione.

Dulcis in fundo ecco il  K-1 Rules, una disciplina nata nei primi anni Novanta dall’omonimo torneo che aveva come scopo principale quella di far affrontare atleti provenienti da diverse arti marziali (come Karate, Muay thai e Taekwondo) con un regolamento che fosse valido per tutti i tipi di stile.  Si tratta della disciplina più completa inquanto offre la possibilità di colpire l’avversario con le ginocchia, con tutti i pugni della boxe come il diretto (jab), il gancio (hook), il montante (uppercut) e il pugno-girato (spinning-back) tirato con il dorso della mano.

Le protezioni (obbligatorie)

  • guanti;
  • parastinchi;
  • calzari;
  • paradenti;
  • gomitiere;
  • paraseno (per le donne);
  • conchiglia (obbligatoria per gli uomini e facoltativa per le donne).

Benefici

Con la kickboxing è possibile tonificarsi e allenare tutti i muscoli del corpo. Inoltre, con questa disciplina si eliminano tante tossine e si bruciano tante calorie. Si migliora in agilità, velocità nei tempi di reazione e nella mobilità articolare, potenzia la circolazione e combatte la cellulite. La kickboxing dà anche ottimi risultati nel caso in cui si soffra di attacchi di ansia o si sia spesso preda di reazioni nervose e scatti di rabbia; molto adatta a chi è sotto pressione e sente il bisogno di sfogare tensioni quotidiane e combattere lo stress.

Un vero toccasana per tutti ed inoltre nella società attuale aiuta a sapersi difendersi da soli ed usando come arma esclusivamente il proprio corpo.

Buon lavoro!




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *