PENA DI MORTE: AUMENTANO LE ESECUZIONI

360

PENA DI MORTE – Nel 2022 si sono registrate in tutto il mondo 883 esecuzioni di condanne a morte, segnando così un + 53% rispetto all’anno precedete e il numero di vittime in assoluto più alto dal 2017. È quanto rende noto Amnesty International, nel suo consueto rapporto annuale sulla pena di morte nel mondo.

Il notevole incremento registrato è causato soprattutto dalle esecuzioni avvenute nei Paesi del Medio Oriente e non tiene conto le esecuzioni avvenute in Cina – dove sulla pratica vige il segreto di Stato – che secondo gli esperti potrebbero essere almeno un migliaio. Anche Corea del Nord e Vietnam non rendono noti i dati sul fenomeno. Vale la pena segnalare che circa il 90% delle esecuzioni registrate da Amnesty sono state compiute in soli due Paesi, 576 in Iran (erano 314 nel 2021) e 196 in Arabia Saudita, contro 65 l’anno prima. Preoccupa poi l’aumento che si è verificato negli Stati Uniti, dove il numero di vittime è passato da 11 a 18. Un altro aspetto negativo del 2022 sono i cinque Paesi in cui sono riprese le esecuzioni capitale, ovvero Afghanistan, Kuwait, Myanmar, Palestina e Singapore. Mentre il numero delle condanne alla pena capitale stabilite dai tribunali è rimasto sostanzialmente invariato: 2016 rispetto alle 2052 del 2021.

Il rapporto di Amnesty International oltre a mettere in luce i trend più recenti ricorda che la pena di morte è stata abolita in più della metà delle Nazioni del mondo, 112 Stati sono totalmente abolizionisti, 23 Stati sono considerati abolizionisti di fatto perché non eseguono condanne a morte da almeno dieci anni o hanno assunto l’impegno a livello internazionale a non ricorrere alla pena capitale; altri nove Stati hanno cancellato la pena di morte per i reati ordinari. In totale, dunque, 144 Stati hanno abolito la pena di morte nella legge o nella prassi; 55 Paesi la mantengono in vigore, ma quelli che eseguono condanne a morte sono un terzo. Un raro dato incoraggiante è il fatto che nel 2022 ben sei Paesi hanno abolito totalmente o parzialmente la pena di morte. Kazakistan, Papua Nuova Guinea, Sierra Leone e Repubblica Centrafricana hanno abolito la pena capitale per tutti i reati, mentre Guinea Equatoriale e Zambia solo per i reati ordinari.

I reati puniti

Amnesty offre anche una fotografia del tipo di crimini puniti dalla pena di morte, ricordando che gli illeciti per i quali è prevista “sono molteplici e profondamente diversi da Stato a Stato”. La maggior parte dei Paesi “mantenitori” la prevede per l’omicidio, altri per terrorismo o reati contro l’ordine costituito, altri ancora per apostasia o reati a sfondo religioso. Esistono ordinamenti giuridici che prevedono la pena più crudele anche per reati comuni come il traffico di droga. Nel 2022, le persone messe a morte per reati di droga è più che raddoppiato rispetto al 2021.




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *