Calcio – Udinese: Gotti esonerato saluta i suoi tifosi

258

Gotti – Si è conclusa con la gara di Empoli l’esperienza all’Udinese di Luca Gotti. L’allenatore è stato esonerato dopo il ko del Castellani, un pesante 3-1 che ha aggravato ulteriormente la sua posizione dopo un periodo negativo. La squadra bianconera, infatti, ha ottenuto appena 2 punti nelle ultime quattro gare e ha conquistato una sola vittoria (il 7 novembre in casa contro il Sassuolo) nelle ultime 13 giornate. Troppo poco secondo la società del patron Gino Pozzo, che è arrivato a Udine proprio per incontrare Luca Gotti e comunicargli l’esonero. Una decisione arrivata dopo ora di riflessioni, iniziate subito dopo la sconfitta di Empoli. Lo stesso Pozzo ha poi incontrato Gabriele Cioffi, vice dello stesso Gotti, per nominarlo allenatore ad interim.

Luca Gotti ha voluto salutare i tifosi dell’Udinese con un messaggio speciale. Dopo due anni e mezzo e 87 panchine bianconere l’ormai ex tecnico dei friulani ha salutato la gente di Udine con una lunga lettera pubblicata su una pagina del Messaggero Veneto: “Grazie a tutte le persone –  le sue parole -. Un saluto a quelli che in questi anni mi sono diventati amici, molti in questa regione splendida, persone speciali che mi hanno regalato un pezzetto del loro cuore, che porterò ovunque dentro di me”.

LA LETTERA

Come è noto, non sono persona che ama il clamore o le cose eclatanti, Però in questi giorni ho ricevuto un numero talmente impressionante di attestati di stima e di affetto che mi hanno suggerito di scrivere queste righe.

L’Udinese non è la squadra di calcio della città di Udine, l’Udinese è una passione in tutto il Friuli e per i friulani nel mondo. Qualche anno fa mi colpi l’elogio del friulano di Mauro Corona, da leggere, che tra le altre cose dice:

”Il friulano è come la torre di Pisa, si piega ma non crolla.

È difficile abbattere i friulani. Ci hanno provato guerre, miseria,

terremoti, alluvioni, frane, e inverni da castigo.

Niente da fare, il friulano non lo stendi.

Fisicamente è vulnerabile come tutti, moralmente no.

Moralmente il friulano è fatto di ghisa,

e guarda al futuro con cautela…”

Proprio per questo la maglia dell’Udinese si carica di significati e valori simbolici che appartengono a questa gente e a questo territorio, e va portata e custodita con questo rispetto. A maggior ragione in un tempo in cui tutti noi tendiamo all’individualismo e a rinchiuderci nei nostri piccoli universi solitari, il valore di una maglia che unisce è ancora più grande.

Le partite di calcio si vincono e si perdono, e tutti sappiamo che vincere è bello e importante, ma è importante anche come ci si comporta vicino a quella maglia, con dedizione al lavoro, serietà, compostezza, umiltà, rispetto, ma anche orgoglio e caparbietà.

Io ci ho provato, qualche volta mi è riuscito e qualche volta meno, però ci provato. 

Grazie a tutte le persone, tutte, che hanno portato il loro piccolo o grande contributo per rendere le cose migliori, o anche solo hanno provato a farlo, a partire dalle più semplici e umili, spesso lontane dai riflettori, ma preziosissime.

Un saluto a quelli che in questi anni mi sono diventati amici, molti in questa regione splendida, persone speciali che mi hanno regalato un pezzetto del loro cuore, che porterò ovunque dentro di me.

Mane diu, Mandi

Luca Gotti




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *