Sport : assegnati i Collari d’Oro, Stella al Merito Sportivo e Palma d’Oro al merito tecnico

141

scherma Daniele Garozzo Rossella Fiamingo e Andrea Baldini
Si è svolta nella Sala delle Armi del Foro Italico, la consueta cerimonia di consegna delle più alte onorificenze sportive: Collari d’Oro, Stella al Merito Sportivo e Palma d’Oro al merito tecnico. Campioni di tutte le età e di tutte le epoche, capaci di scrivere la storia, l’espressione più nitida di un movimento che rappresenta la quinta forza del medagliere olimpico di tutti i tempi, tra edizioni estive e invernali. I fuoriclasse iridati del 2015 e gli olimpionici azzurri, dal 1948 al 1994, una carrellata emozionante di ricordi e trionfi, alla presenza del Presidente del Consiglio dei Ministri, Matteo Renzi.

All’evento, aperto dal saluto del Presidente del CONI, Giovanni Malagò, hanno partecipato anche il Segretario Generale, Roberto Fabbricini, il Presidente del Comitato Italiano Paralimpico, Luca Pancalli, i membri di Giunta CONI, Valentina Turisini e Fiona May, oltre a una significativa rappresentanza di Presidenti Federali e dei vari organismi del mondo sportivo.

Malagò ha voluto salutare i presenti, ricordando l’importanza dei successi ottenuti, che promuovono l’immagine migliore del Paese, ringraziando il Premier Renzi e l’intero Governo per il costante e appassionato sostegno al mondo sportivo. “E’ stato fondamentale l’apporto del Presidente del Consiglio Matteo Renzi e del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella in chiave Roma 2024, per sostenere una candidatura che è un’opportunità straordinario di rilancio e di sviluppo per l’intero Paese. E per l’affettuoso e costante sostegno che ci garantiscono con la loro speciale vicinanza. L’anno prossimo, a Rio, il Premier sarà alla presentazione di Casa Italia e questo credo sia un segnale molto bello. Il 2015 è stato un anno importante. L’inizio è stato difficile, con risultati non semplici, poi abbiamo colto una serie di successi che non solo non riuscivamo a ottenere da decenni ma che in alcune discipline non erano mai stati raggiunti. Alcune medaglie erano prevedibili, in altri ambiti abbiamo saputo stupire. Ringrazio e abbraccio tutti, questa è una giornata storica, di orgoglio sportivo che fa grande l’Italia”.

Premier Matteo Renzi, ha voluto celebrare i campioni azzurri, con un messaggio di rara efficacia. “Quanto è bello , per chi rappresenta le istituzioni, gioire perché quando vincete voi vince l’Italia. Io sono stato molto criticato per essere andato a vedere Flavia Pennetta e Roberta Vinci ma quel periodo è stato meraviglioso. Lo sport è un elemento costitutivo dell’identità italiana”. Il Premier ha anche parlato della candidatura di Roma 2024. “Ci credo più di prima e sono sicuro che possiamo giocarcela fino in fondo, anche se ci sono rivali temibili. Sono sicuro che se tutti insieme faremo la nostra parte la sfida olimpica sarà preziosa per le italiane e gli italiani, per la progettualità, indipendentemente dall’esito. Quest’anno abbiamo festeggiato risultati importanti di organizzazioni internazionali, il prossimo anno dovremo vederci per festeggiare i trionfi di Rio e guardare le cose fatte e da fare. Non mi perdonerei se buttassimo via l’occasione di migliorare le nostre città con lo sport”.

Il riconoscimento è andato a tre grandi personalità: Giorgio Armani, Gianni Letta e Massimo Moratti. Emozionanti i ringraziamenti di Armani, che vestirà la Nazionale olimpica italiana anche a Rio 2016. “E’ quasi commovente vedere questi atleti. Quando ero giovane uscivamo dalla guerra e le palestre erano uno stanzone con la corda, il cavallo e il quadro svedese: poca roba. Piano piano ho apprezzato lo sport, ho capito che era una cosa vera. Nel tempo ho preso altre strade, ma mi sono ‘vendicato’ e ho cominciato a pensare allo sport dal mio punto di vista, vestendo gli sportivi, e anche spendendo molti soldi con una squadra di basket. Grazie di avermi invitato. Sono orgoglioso e un po’ commosso”.
Speciali anche i momenti riservati al lancio di Roma 2024, con il Presidente del Comitato Promotore, Luca di Montezemolo, il Coordinatore Generale, Diana Bianchedi, e il Commissario Straordinario della Capitale, Francesco Paolo Tronca.

Una cornice d’eccezione per tributare il meritato riconoscimento ai campioni del Mondo 2015 (assenti fiorettiste e sciabolatori perché il titolo iridato a squadre vinto a Mosca2015 non arriva da discipline olimpiche in questo quadriennio), ma anche a tutti gli olimpionici viventi che non avevano mai ricevuto l’onorificenza istituita nel 1995 . Nell’ambito della stessa cerimonia – trasmessa in diretta su Rai2 e RaiSport 1, sono stati insigniti anche uomini di sport, personalità e società che si sono particolarmente distinti nel corso della loro carriera e della loro storia, tra cui la Società Varesina Ginnastica e Scherma.

Chiusura dedicata alla memoria del grande maestro Ezio Triccoli, il padre del pluridecorato Club Scherma Jesi, alla presenza delle figlie e di Giovanna Trillini, Valentina Vezzali e Stefano Cerioni.

Una festa unica per quel tricolore d’oro senza età che sventola orgoglioso.

ELENCO PREMIATI – Scherma
Collari d’Oro al merito sportivo – 2015
Rossella Fiamingo, Giorgio Avola, Andrea Baldini, Andrea Cassarà, Daniele Garozzo

Collari d’Oro ai campioni olimpici e paralimpici dal 1948 al 1994
Helsinki 1952: Irene Camber
Melbourne 1956: Giancarlo Bergamini, Antonio Spallino
Roma 1960: Gianluigi Saccaro
Monaco 1972: Michele Maffei, Mario Aldo Montano, Mario Tullio Montano, Cesare Salvadori, Rolando Rigoli, Antonella Ragno
Montreal 1976: Fabio Dal Zotto
Los Angeles 1984: Mauro Numa, Andrea Borella, Andrea Cipressa, Angelo Scuri, Stefano Cerioni, Giovanni Scalzo, Dino Meglio, Gianfranco Dalla Barba.
Barcellona 1992: Dorina Vaccaroni, Margherita Zalaffi

Paralimpiadi Seoul 1988: Laura Presutto, Luigi Zonghi
Paralimpiadi Barcellona 1992: Rossana Giarrizzo

Società Sportive
Società Varesina Ginnastica e Scherma

Palma d’Oro al Merito Tecnico
Ezio Triccoli

FOTO Fiamingo-Malagò-Renzi – da governo.it – licenza CC-BY-NC-SA 3.0 IT
FOTO Cassarà, Garozzo, Avola, Baldini – Foto Mezzelani-GMT




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.