Cinema e Tecnologia: ecco la settimana “Non c’è campo”

511

iusciranno gli studenti italiani a resistere senza smartphone e senza connessione per un’intera settimana?

Gli alunni della classe 5°A del Liceo di Scienze Umane Isaac Newton di Brescia come i protagonisti del nuovo film di Federico Moccia, Non C’è Campo, al cinema dall’1 novembre.

Ispirato al nuovo film di Federico Moccia, Non C’è Campo (al cinema dall’1 novembre), Koch Media, in collaborazione con ScuolaZoo, dà il via ad un vero e proprio esperimento social(e): gli alunni della classe 5° A del Liceo di Scienze Umane Isaac Newton di Brescia (www.liceoisaacnewton.it) dovranno vivere (e soprattutto sopravvivere) un’intera settimana senza smartphone e senza connessione!

Per l’occasione i ragazzi hanno ricevuto i “10 Comandamenti della vita senza connessione”: una sorta di decalogo del perfetto “non” internauta. Da lunedì 16 ottobre i ragazzi hanno impostato i loro smartphone in modalità aereo dopo aver indicato l’orario dell’ultimo collegamento a tutti i social utilizzati abitualmente e la connessione dati utilizzata fino a quel momento. In questo modo non ci sarà scampo per loro poiché sarà possibile rilevare anche l’eventuale connessione dal PC di casa.

Per tutta la settimana dovranno resistere alla tentazione e all’abitudine quotidiana di essere costantemente connessi. Allo scadere di questi 5 lunghissimi giorni si farà la conta dei sopravvissuti. Si cercherà di capire se il ritorno ad una vita più analogica è compatibile con la società di oggi o se, quantomeno, un utilizzo più parsimonioso della connessione internet e dei social network, può suggerire a questa generazione di nativi digitali un nuovo modo di comportarsi, relazionarsi con gli altri e vivere la realtà.

Monitorati costantemente, intervistati quotidianamente dallo staff ScuolaZoo, gli alunni della 5°A del Liceo Isaac Newton di Brescia racconteranno, in una sorta di video diario quotidiano la loro esperienza e le loro impressioni sulla vita senza connessione. Giorno dopo giorno spiegheranno se e come è cambiato il loro modo di parlare con i loro amici, come hanno “riempito” il vuoto lasciato dal telefonino, cosa si sono inventati per occupare il tempo libero guadagnato e tutto quello che questa esperienza ha comportato, nel bene e nel male.

“Siamo stati letteralmente catturati dalla bellezza dell’iniziativa di ScuolaZoo, alla quale abbiamo aderito con entusiasmo e partecipazione dal primissimo momento! Sono stati coinvolti gli studenti e i loro genitori, gli insegnanti e tutto lo staff “media” del nostro liceo!” Commenta Giada Andreoli, Dirigente Scolastico del Liceo di Scienze Umane Isaac Newton di Brescia.

“Infatti i nostri 4 social media manager, selezionati tra gli studenti di 3^ e 4^ attraverso un complesso percorso di shortlist, bootcamp e selezione finale, testimoniano il grandissimo interesse che il liceo Newton ha sempre avuto nei confronti dei social media. Siamo certi che l’esperienza della prossima settimana sarà non solo arricchente sotto il profilo umano ma anche ai fini dell’esperimento socio/antropologico di cui siamo fieri di essere testimoni e che sicuramente ci aiuterà a comprendere meglio i nostri studenti.”

SINOSSI FILM

Laura (Vanessa Incontrada) è una professoressa di liceo che ha molto a cuore la preparazione dei suoi allievi, al punto di organizzare per loro una visita culturale di una settimana ospitati da un artista di fama internazionale, Gualtiero Martelli (Corrado Fortuna). Per seguire i ragazzi in gita, Laura lascia a casa il marito Andrea (Gian Marco Tognazzi) con la figlia Virginia (Eleonora Gaggero) e parte con una collega, la professoressa Alessandra (Claudia Potenza).

Eccitati dalla prospettiva della gita, i giovani alunni, tra cui Francesco (Mirko Trovato), Flavia (Beatrice Arnera) e Valentina (Caterina Biasiol), affrontano il viaggio in pullman pieni di aspettative ma un imprevisto scombussola i piani: nel piccolo paese salentino dove vengono accolti​…NON C’E’ CAMPO! Un “black out telematico” che li vede costretti a sopravvivere senza cellulari e privi di collegamento a internet. La gita in quel borgo bellissimo della Puglia si trasforma così per i giovani allievi e per le due professoresse nel peggior incubo possibile. Lo smartphone diventa ​così un accessorio​ ​inutile, costringe​​ndo​​ ​ragazzi ed adulti a​ ​​tornare ad una​ ​comunicazione diretta​ ​​che porta alla luce ​imprevedibili reazioni, segreti inconfessabili e nuovi amori.​

In un percorso di riscoperta per gli adulti e di formazione per i giovani, la gita sarà per tutti un momento di crescita e di svolta, grazie ad un rapporto senza filtri…




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *