Roma. Adolescenti e dipendenze: incontri al Gemelli

2

bimbi e telefonini

Nuovi adolescenti o nuove dipendenze? Questo il tema di una serie di incontri organizzati dall’Università Cattolica e dal Policlinico Gemelli e ospitati presso il Piccolo teatro Eliseo di Roma. Di abuso di alcol e droga e di cyberbullismo si è parlato in occasione del primo dibattito.

L’esistenza di nuove droghe diventa quasi secondaria di fronte al nuovo atteggiamento giovanile di ricorrere a sostanze chimiche per programmare le emozioni, che per definizione sono imprevedibili. La tendenza a perdere il controllo negli adolescenti si manifesta anche nell’abuso di Internet che nei casi più gravi li costringe al ritiro sociale. Più che di una vera e propria dipendenza da web  si tratta di un nuovo modo di comunicare che disabitua bambini e adolescenti all’emozione dell’incontro dal vivo e spesso la causa non è Internet ma l’assenza genitoriale: Internet ha fatto molto più ai genitori che non ai figli: troppe poche volte gli adulti riescono a frapporsi fra il video e gli occhi dei nostri figli. Per cui sono diminuiti concretamente gli sguardi scambiati dal vivo con un genitore, con una babysitter, con una nonna, con un fratellino. Questo inficia il rispecchiamento emotivo, che è un momento molto importante della crescita di ogni bambino e che fa sì che ogni bambino richieda quasi compulsivamente di essere visto, guardato tutte le volte che acquisisce una nuova competenza.

 




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *