Esteri – Il Giappone riapre alle missioni militari all’estero

166

E’ entrata in vigore la legge sulla sicurezza militare giapponese che consentirà al Giappone, per la prima volta dalla fine della seconda guerra mondiale, di inviare forze militari all’estero nel caso in cui “venga messa a rischio la sicurezza nazionale”. Di fatto Tokyo si riserva di intervenire ogni qualvolta lo riterrà opportuno non solo se direttamente aggredita. Si tratta di una vera e propria svolta nella politica estera giapponese quindi, fortemente voluta dal premier nipponico Shinzo Abe che si è battuto con tenacia per l’approvazione di questa legge ritenendola fondamentale, considerati i nuovi scenari geopolitici soprattutto nel Pacifico. L’obiettivo giapponese in primo luogo è limitare l’espansionismo cinese e tenere sotto controllo le minacce della Corea del Nord, ma al di là di questo aspetto scontato la decisione del governo di Tokyo ha una proiezione ben maggiore. Il disimpegno americano in Asia è sempre più evidente e questo cambia molto le carte in tavola, non si tratta di mera necessità di non sentirsi più protetti, come sostenuto da molti analisti.

Negli ultimi anni il Sol Levante ha aumentato progressivamente la spesa militare, dotandosi di mezzi assolutamente all’avanguardia: aerei da combattimento, missili aeroportati, sommergibili, sistemi di armamenti navali e carri armati. Lo sviluppo dei programmi aerospaziali e  il notevole potenziale tecnologico conseguiti, permettono al Giappone di creare inoltre in breve tempo propri missili balistici.

Per il paese del Sol Levante si apre un’opportunità, da cogliere al volo senza perdere troppo tempo. C’è uno storico ruolo di primo piano sullo scacchiere orientale da rioccupare e Tokyo sembra decisa a non perdere questa occasione.
Se son rose fioriranno ma con  la mentalità forte e decisa degli eredi dei samurai siamo certi ne accadranno delle belle.




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.