Migranti, assegnati i porti alle navi Sea Watch 3 e Open Arms

Migranti –  Continuano gli sbarchi di migranti in Italia nel quasi silenzio dei media e delle autorità preposte.

Sono infatti  stati assegnati i porti per le navi Sea Watch 3 e Open Arms che negli ultimi giorni hanno soccorso decine di migranti nel Mediterraneo. La prima, come ha comunicato il Ministero dell’Interno, dovrà dirigersi verso il porto di Taranto, dopo aver caricato a bordo 119 naufraghi in tre distinti interventi, l’ultimo dei quali in acque Sar (Search and Rescue) maltesi.

La seconda, invece, ha soccorso 74 persone in due diversi momenti, con un secondo intervento che gli operatori hanno definito “molto complesso” a causa delle interferenze della Guardia Costiera libica, ed è stata indirizzata verso il porto di Messina.

Per quanto riguarda la seconda imbarcazione, il Viminale ha fatto sapere che “Francia, Germania, Portogallo e Irlanda hanno già dato la loro disponibilità ad accogliere i richiedenti asilo a bordo” sulla base dell’apertura della procedura di redistribuzione dei migranti a livello europeo avviata dalla Commissione Ue, anche sulla scorta del pre-accordo di Malta.

Ancora una volta dunque lo sbarco avviene in Italia ed ancora una volta l’Europa (in minima parte) offre l’assenso ad una redistribuzione dei migranti. Sarà vero? Le promesse saranno mantenute? La verità non la sapremo mai!




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *