Nobel per la pace al “Quartetto per il dialogo”

125

nobel per la pace quartetto_jpg_1064807657

“Siamo felici perché è un riconoscimento ed un incoraggiamento per la democrazia tunisina” dice all’Agenzia Fides p. Jawad Alamat, Direttore Nazionale delle Pontificie Opere Missionarie della Tunisia, commentando l’assegnazione del Premio Nobel per la Pace 2015 al Quartetto per il dialogo nazionale tunisino.
“Viviamo in una situazione non facile, di lotta contro il terrorismo e contro la povertà” dice il sacerdote. “Il Nobel per la pace è quindi un forte incoraggiamento ed è un onore per la Tunisia, che non è vista solo come il Paese che ha avviato il terremoto nel mondo arabo, che con la sua rivoluzione ha dato vita a rovesciamenti di regimi in altri Paesi, ma che viene invece riconosciuta come il Paese che sta facendo un cammino verso una democrazia difficile, ma possibile, nel mondo arabo-musulmano”.
“È un incoraggiamento per la Tunisia ma anche un segnale forte lanciato al resto del mondo arabo e alla stessa Europa, perché ci dimostra che in un Paese arabo, malgrado tutti gli ostacoli frapposti dal terrorismo e dalle condizioni sociali ed economiche, è possibile avere un confronto pacifico attraverso il dialogo e il rispetto reciproco” dice p. Jawad. “Ringraziamo il Signore e tutti coloro che hanno voluto concedere questo riconoscimento alla Tunisia” conclude il sacerdote.
Il Quartetto è stato premiato per il “decisivo contributo alla costruzione di una democrazia pluralistica” e con questo premio si è voluto sottolineare “il valore del dialogo”. Il Comitato per il Nobel “spera che il premio di quest’anno contribuirà alla salvaguardia della democrazia in Tunisia e sarà d’ispirazione per chi cerca di promuovere la pace e la democrazia in Medio Oriente, Nord Africa e nel resto del mondo”.

“La Tunisia deve affrontare significative sfide politiche, economiche e di sicurezza”, sottolinea il Comitato per il Nobel, senza citare direttamente i due gravissimi attentati contro turisti stranieri al museo del Bardo e sulla spiaggia di Susa. “Più di ogni altra cosa – si legge nella conclusione delle motivazioni – il premio vuole essere un incoraggiamento al popolo tunisino” e il Comitato spera “serva come esempio da seguire per altri paesi”.

Quando il Quartetto fu formato nella primavera del 2013 “costituì un processo politico alternativo nel momento in cui il Paese era sull’orlo della guerra civile”. E ha permesso così alla Tunisia di stabilire in pochi anni “un sistema costituzionale di governo che garantisca i diritti fondamentali per l’intera popolazione, senza tener conto del genere, le convinzioni politiche o la fede religiosa”. A differenza di altri Paesi, la Primavera Araba in Tunisia ha portato a elezioni pacifiche e democratiche lo scorso autunno, nota il Comitato del Nobel, e “un fattore essenziale” per questo risultato è stato l’azione del Quartetto.

Il premio Nobel per la pace “riconosce e dà nuova forza al metodo del dialogo che abbiamo adottato” ha detto il presidente tunisino Beji Caid Essebsi in un videomessaggio, durante il quale ha lanciato un appello a tutti i tunisini, “di sinistra, di destra e di centro” affinché uniti sostengano la lotta al terrorismo.

Un ”riconoscimento per un sacrificio e un successo incredibili” ottenuti dal ”popolo tunisino” ha commentato su Twitter il ministro del Turismo tunisino, Amel Karboul. ”Oggi il popolo tunisino ha vinto il premio Nobel. Sono commossa fino alle lacrime”, ha twittato Karboul, aggiungendo che si tratta di ”un riconoscimento a lungo dovuto per un sacrificio e un successo incredibili”. Karboul, 42 anni, è la prima donna a guidare il ministero del Turismo in Tunisia ed è in carica dal 29 gennaio del 2014.

Si sono congratulate con il Quartetto le Nazioni Unite, sottolineando il ruolo della “società civile per aiutarci a far procedere i processi di pace”. “La Tunisia – ha dichiarato Ahmad Fawzi, portavoce dell’Onu a Ginevra – è un esempio brillante, uno dei Paesi arabi che ha fatto meglio dopo le rivolte in quella parte del mondo”.

Il Quartetto per il dialogo nazionale tunisino è stato tra i protagonisti della transizione della Tunisia dopo la fine dell’era Ben Ali. Composto dal potente Ugtt, il potente Sindacato dei lavoratori tunisini, dall’Unione dell’Industria, del Commercio e dell’Artigianato (Utica), dalla Lega tunisina dei diritti dell’uomo (Ltdh) e l’Ordine nazionale degli Avvocati tunisini (Onat).

Il Quartetto, costituito nell’ottobre 2013, ha lavorato per far uscire la Tunisia da mesi di stallo politico dopo gli omicidi di due oppositori, Choukri Belaid e Mohammad Ibrahim, consentendo al Paese con una road map di riprendere il processo di transizione democratica.




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.