Cinema – Star Wars: Episodio VII – Il Risveglio della Forza

108

star-wars-celebration-2015
E’ la settima pellicola della saga di “Guerre Stellari” e il primo episodio di una nuova trilogia ambientata trent’anni dopo gli eventi de “Il ritorno dello Jedi”, ultimo episodio della cosiddetta trilogia originale. L’indipendente e solitaria Riley, il soldato pentito Finn e il pilota di caccia Poe, danno inizio a una nuova grande avventura contro i cattivi dediti al Lato Oscuro della Forza, tra cui il minaccioso Kylo Ren. Lungo la strada incontreranno nuovi amici, nemici e volti noti, come quello di Ian Solo e della principessa Leila, divenuta un generale.

La classica intro alla Guerre Stellari ci informa che dalle ceneri dell’Impero è nato il Primo Ordine, nemico giurato della Repubblica. L’Ordine è alla ricerca di Luke Skywalker, l’ultimo Jedi rimasto, scomparso ormai da tempo, ma sulle sue tracce ci sono anche gli oppositori della Resistenza. Dopodiché, già dalle prime scene e senza troppi preamboli, Star Wars: Il Risveglio della Forza introduce tutti i personaggi principali, dal ribelle Finn al pilota di X-Wing Poe Dameron, passando per l’avventuriera Rey e il villain Kylo Ren, una specie di fan sfegatato di Darth Vader. E con tutti che si chiedono dove sia finito il leggendario Skywalker, l’avventura ha ufficialmente inizio.

Ogni cosa, in Star Wars: Il Risveglio della Forza, rimanda alla trilogia cominciata con Una nuova speranza e conclusa con Il ritorno dello Jedi. L’immaginario, le atmosfere, i personaggi. È come se Abrams avesse lavorato per riconciliare The People con la saga. A tratti, questo si avverte anche in maniera pesante. Del resto l’immaginifico creatore di Lost è stato più volte ritratto da Leo Ortolani, nelle sue seguitissime recensioni a fumetti, nell’atto di strizzare l’occhio al pubblico.




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.