AFGHANISTAN: LA STRAGE DELLE MINE ANTI-UOMO

72

AFGHANISTAN – Le mine antiuomo continuano a uccidere i più vulnerabili in Afghanistan: 11 bambini sono morti e cinque sono rimasti feriti in due incidenti separati nelle province di Ghazni, a est del Paese, ed Herat, nella parte nord-occidentale. Nel distretto di Giro sono morti nove bambini, hanno comunicato le autorità talebane, mentre nel distretto di Rabat-e-Sangi sono morti due minori tra i 10 e i 15 anni e altri cinque sono rimasti feriti. In entrambi i casi i bambini stavano giocando con gli ordigni inesplosi, hanno riferito fonti locali.

L’Afghanistan resta uno dei Paesi con il più alto tasso di residui bellici al mondo. In base ai dati delle Nazioni unite, dal 1989 sono stati feriti o uccisi dalle mine antiuomo quasi 57mila civili. E nell’85% dei casi, sottolinea l’Unicef, le vittime sono bambini che calpestano involontariamente le mine o raccolgono ordigni inesplosi sparsi nei luoghi in cui soggiornano, giocano o svolgono le faccende domestiche.

Nel 2022 sono morti o rimasti mutilati 700 bambini, una media di due al giorno, ha comunicato l’Agenzia Onu per l’infanzia, mentre i dati del Comitato internazionale della Croce rossa (CICR) affermano invece che tra gennaio 2022 e giugno 2023 sono state registrate 541 esplosioni che hanno causato 640 vittime tra i minori.

Da quando i talebani hanno riconquistato l’Afghanistan nell’agosto 2021, anche diverse associazioni che si occupano di sminamento hanno abbandonato il Paese. L’imposizione di nuove restrizioni ai civili, soprattutto nei confronti delle donne, e il ritiro delle donazioni dall’estero (congelate perché la comunità internazionale non vuole riconoscere come legittimo il governo talebano) hanno bloccato l’attività degli enti stranieri, che hanno preferito andarsene.




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *