CALCIO FEMMINILE – SERIE A – LA JUVE FERMATA DAL COMO E LA ROMA TENTA LA FUGA

100

Calcio femminile-  La domenica della 10ª giornata di Serie A Tim 2022/23 non è stata avara di emozioni, anzi. Soprattutto dallo Juventus Training Center è arrivato il risultato più inaspettato perché la squadra di Montemurro è stata frenata dal Como. Un testa-coda di classifica che ha sorriso alla formazione lariana che è riuscita a recuperare lo svantaggio e a portare a casa un punto d’oro per la classifica e per il morale.

Nel primo tempo del match però è partita subito forte la Juventus che con Cantore ha trovato il suo primo tiro della gara. La numero 9 bianconera da posizione defilata ha liberato la conclusione che tuttavia ha soltanto sfiorato il secondo palo, non senza qualche brivido per il Como. Pochi minuti più tardi è stata ancora Cantore ad innescare un’altra azione offensiva della Juventus, stavolta conclusa in maniera vincente, pescando Grosso che con il sinistro ha battuto Beretta. Un palo-gol decisivo che ha consegnato alla centrocampista bianconera la gioia della prima rete in Serie A alla sua 17ª presenza nella competizione. Non solo, Julia Grosso è diventata anche la 12ª marcatrice differente per la Juventus in questa Serie A, più di qualsiasi altra squadra nel torneo in corso. Dopo 21 minuti dunque le bianconere sono andate in vantaggio ma al 34′ il Como ha avuto la (prima) clamorosa chance di pareggiare il match. Sul dischetto è andata Rizzon che tuttavia non è riuscita a battere Peyraud-Magnin che ha parato il tiro dagli undici metri. Per Rizzon questo è stato il secondo rigore sbagliato in Serie A, record negativo nel torneo in corso al pari di Valeria Pirone. Tutto da rifare dunque per la squadra ospite che non è riuscita a concretizzare il rigore concesso ma che è tornata presto nella metà campo bianconera con Pavan. Tiro dal limite dell’area ma ancora una volta Peyraud-Magnin ha neutralizzato la conclusione. Gara dall’esito mai scontato e repentini ribaltamenti di fronte, come al 40′ quando la Juventus è andata a un passo dal raddoppio. Prima Grosso ha approfittato di un errore della difesa del Como ma il suo tiro è stato parato da Beretta, poi la palla è finita sui piedi di Caruso che ha scaricato per Bonfantini che ha colpito la traversa. Altro brivido per il Como ma la prima frazione si è chiusa con il vantaggio di misura delle bianconere. Il secondo tempo si è aperto con la Juventus ancora avanti, soprattutto con Cantore (che al 48′ ha colpito il palo) e Girelli (che però al 52′ è stata murata dalla difesa lariana). Ma è proseguito ancora il monologo di Cantore che al 54′ ha tentato anche la conclusione di destro dalla distanza ma il pallone è finito alto oltre la traversa. E al 63′ è stato di nuovo il destro di Cantore a creare apprensione alla difesa del Como: tiro a giro ma Beretta ha spedito il pallone in corner. Numeri incredibili per la giocatrice bianconera che ha effettuato ben nove conclusioni in questo match contro il Como, record per una singola giocatrice in una partita della Serie A 2022/23. Ma il gol non è arrivato, anzi al 68′ è stato tempo della rete dell’1-1 firmata da Beccari. Una marcatura pesantissima per il Como che nonostante sia una neopromossa finora in stagione è riuscita a fermare sul pari sia la Juventus (oggi) sia il Milan (con un 3-3). Tornando a Chiara Beccari, da sottolineare come tutti e tre i suoi gol in questo campionato siano arrivati in partite fuori casa. Nonostante l’1-1 il Como non ha mai abbassato la guardia fino al triplice fischio, sapendo che la Juventus in altre occasioni è riuscita a ribaltare un risultato anche nei minuti di recupero. Ma non questa volta. Complice una squadra lariana ordinata e prudente che è stata capace di mantenere il risultato in parità fino all’ultimo. Un pareggio importante quanto una vittoria per il Como che è salito a quota 10 punti in classifica, agganciando la Sampdoria. Un punto agrodolce, invece, per la Juventus che ora vede allontanarsi ancora di più la Roma prima in classifica (+6 il distacco attuale).

Questa domenica di Serie A però è iniziata alle 12.30 con Sampdoria-Sassuolo, match vinto dalle neroverdi per 2-0. La squadra ospite ha iniziato subito forte, tanto da chiudere il primo tempo con ben otto tiri in porta; un record in questo campionato, visto che era da maggio scorso che il Sassuolo non effettuava così tante conclusioni nel corso della prima frazione nella massima serie (11 contro l’Inter). Il primo squillo è stato di Brignoli che ha presto creato scompiglio nella metà campo blucerchiata. Poi è stato il turno di Monterubbiano che ha cercato la conclusione ma Tampieri ha risposto presente. Al 21′ però è arrivato il vantaggio del Sassuolo, nato da un calcio di punizione: Goldoni ha saltato più alto di tutti e di testa ha girato in rete trovando il suo primo gol con la maglia neroverde in Serie A e il suo ottavo nel torneo (tutte le sue ultime sei reti sono arrivate in trasferta nella massima serie). La Sampdoria ha provato presto a ritornare in gara e una delle azioni offensive più interessanti è arrivata grazie alla caparbietà di Giordano che ha provato ad approfittare di un disimpegno sbagliato di Jane ma poi, quando si è trovata a tu per tu con Lauria, ha calciato male colpendo il lato esterno della rete. Sassuolo dunque in vantaggio all’intervallo ma dopo poco più di dieci minuti di gioco nel secondo tempo è arrivato il raddoppio. La seconda rete neroverde della partita è stata firmata da Monterubbiano al 56′ ma l’assist vincente è stato fornito dalla MVP della giornata: Goldoni. Doppio passo della numero 9 che ha ipnotizzato Spinelli e servito la compagna che di testa ha insaccato in rete. Monterubbiano è tornata a segnare con il Sassuolo in Serie A per la prima volta da gennaio 2021, mentre era da maggio 2018 che non trovava il gol in trasferta nella massima serie (contro San Zaccaria). Goldoni invece per la prima volta dal 2020/21 ha realizzato un gol e servito un assist nella stessa partita in Serie A; inoltre è stata la calciatrice che ha contribuito a più conclusioni del Sassuolo nell’incontro: cinque, di cui quattro tiri e un’occasione creata. Gara tutta in salita per la Sampdoria che comunque non ha rinunciato ad attaccare. Al 62′ infatti Rincon ci ha provato dalla distanza: ha visto la porta e non ci ha pensato due volte a liberare la conclusione ma Lauria, attenta, ha fatto suo il pallone senza troppa apprensione. Un minuto più tardi anche Regazzoli ha tentato di bucare la retroguardia del Sassuolo ma senza esito. Al 65′ poi ancora Samp propositiva, stavolta con Oliviero; anche la numero 22 blucerchiata ha calciato dai 20 metri ma il suo tiro poco potente e da posizione leggermente defilata non ha impensierito troppo Lauria. Un copione che si è ripetuto in più occasioni nel secondo tempo, visto che la difesa del Sassuolo si è rivelata difficile da bucare: al 92′ infatti è arrivato un altro tiro dalla distanza ad opera di Panzeri ma anche lei ha trovato la puntuale risposta di Lauria. La Sampdoria però nonostante la sconfitta ha chiuso la gara in avanti, tanto che anche al 95′ (ultimo minuto di recupero) Fallico ha avuto sul destro l’occasione del 2-1 ma, calciando di prima intenzione, ha spedito il pallone alto sopra la traversa. Il match del Tre Campanili si è chiuso dunque con la vittoria esterna per 2-0 del Sassuolo che ha collezionato il suo quarto risultato utile consecutivo. Inoltre, clean sheet per le neroverdi che subivano gol da 11 gare consecutive e seconda vittoria di fila in Serie A per la prima volta da febbraio scorso (tre in quel caso, di cui l’ultima proprio contro la Sampdoria). Il Sassuolo ora, avendo sorpassato il Pomigliano (ieri ko contro la Roma) è al settimo posto in classifica.

 

I risultati e il programma della 10ª giornata di Serie A Tim 2022/23

Sampdoria-Sassuolo 0-2
21′ Goldoni (SAS), 55′ Monterubbiano (SAS)

Juventus-Como Women 1-1
21′ Grosso (J), 68′ Beccari (C)

Roma-Pomigliano 2-0
(giocata ieri)

Fiorentina-Milan 1-6
(giocata ieri)

Lunedì 28 novembre – ore 19

Parma-Inter
Stadio Ennio Tardini – Parma

Il programma della 11ª giornata di Serie A Tim 2022-23
Sabato 3 e domenica 4 dicembre

Pomigliano-Sampdoria
Inter-Juventus
Sassuolo-Parma
Como W.-Fiorentina
Milan-Roma