BASKET – LUISS SCONFITTA DI MISURA DALLA CAPOLISTA

107

LUISS – La squadra capitolina gioca una grande partita ma viene beffata dal buzzer beater di Pascolo che con un gancio incredibile fissa il punteggio sul 79-81.

Le partite in cui i capitolini hanno perso veramente di un soffio diventano così quattro: il cesto della vittoria di Cremona, le due vittorie all’overtime delle lombarde Cantù e Orzinuovi, e questo jolly dei romagnoli.

Una Luiss che è andata ben oltre i propri limiti, riconoscendo la forza della capolista del girone rosso, ma risalendo la china dal -13 (32-45 al 19’) e riuscendo anche a mettere il naso avanti prima dello striscione finale.

IL COMMENTO DI COACH PACCARIE’

“Abbiamo già perso due volte al supplementare, con Cremona all’ultimo tiro: stasera siamo andati a un tiro libero dal poter fare il colpo della stagione – ha dichiarato coach Andrea Paccariè -. Evidentemente non siamo ancora pronti per poter vincere contro una squadra così forte. Gli ultimi secondi ci stanno un po’ punendo, il lavoro fatto dai miei ragazzi nella settimana è stato ottimo”.

LA PARTITA

I romagnoli partono con il piede sulla tavoletta e volano già a +9 (4-13 al 5’), con Paccariè costretto a chiamare timeout. Pasqualin si mette in moto e la squadra gira, affidandosi a un Cucci stellare (chiuderà con 24 punti, 10 rimbalzi e 29 di valutazione) che rimette la partita sui binari dell’equilibrio (20-22 al 10’).

L’ingresso di D’Argenzio fa alzare i giri del motore in difesa, anche se Forlì banchetta in area offensiva andando all’intervallo in vantaggio di dieci punti (35-45), e con la doppia cifra a rimbalzo offensivo.

I padroni di casa hanno un’altra faccia dopo l’intervallo: Miska segna il long two, liberi a segno di Pasqualin, Sabin con il cameriere e due punti di Fallucca per il 43-45.

Forlì mostra i muscoli e ricaccia indietro il rientro della Luiss con i canestri pesantissimi di Cinciarini e Valentini (5 triple in tutto, 47-59). Sembra finita, ma Pasqualin e compagni hanno sette vite e tornano prepotentemente nel match con Fallucca e Salvioni protagonisti rispettivamente in attacco e difesa (62-67 al 30’).

I biancorossi approcciano l’ultima frazione con il fiatone, senza sapere cosa fare in attacco, Cucci porta a casa canestro e fallo con un coast to coast calcistico e il punteggio recita 68-70. Salvioni insacca la parità, Cucci con il giro e tiro mette la freccia: Sabin fa “solo” 2 su 3 ai liberi e Pascolo segna il buzzer beater che consegna agli ospiti la vittoria.

IL TABELLINO

Luiss Roma – Unieuro Forlì 79-81 (20-22, 15-23, 27-22, 17-14)

Luiss Roma: Valerio Cucci 24 (5/7, 1/5), Marco Pasqualin 15 (2/4, 2/3), Matteo Fallucca 12 (2/3, 2/6), Tyler francis Sabin 10 (3/6, 0/6), Anrijs Miska 8 (4/6, 0/0), Riccardo Salvioni 8 (4/6, 0/0), Domenico D’argenzio 2 (0/0, 0/0), Matija Jovovic 0 (0/0, 0/0), Francesco Villa 0 (0/0, 0/3), Riccardo Murri 0 (0/1, 0/0), Beniamino Basso 0 (0/0, 0/0)
Tiri liberi: 24 / 27 – Rimbalzi: 27 8 + 19 (Valerio Cucci 10) – Assist: 10 (Tyler francis Sabin 3)

Unieuro Forlì: Xavier Johnson 20 (6/10, 2/3), Daniele Cinciarini 18 (1/4, 4/5), Federico Zampini 11 (5/7, 0/5), Fabio Valentini 11 (1/3, 3/7), Davide Pascolo 11 (5/8, 0/0), Luca Pollone 5 (1/2, 0/4), Giacomo Zilli 5 (2/4, 0/0), Maurizio Tassone 0 (0/0, 0/2), Todor Radonjic 0 (0/0, 0/3), Michele Munari 0 (0/0, 0/0)
Tiri liberi: 12 / 15 – Rimbalzi: 36 15 + 21 (Xavier Johnson 12) – Assist: 11 (Daniele Cinciarini 3)




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *