Volley Coppa Italia femminile: Bergamo finalista di rimonta

140

La Foppapedretti Bergamo si regala una serata indimenticabile, di quelle vissute per anni, battendo la Pomì Casalmaggiore per 3-2 e qualificandosi alla Finale della 38^ Coppa Italia di Serie A1 Femminile. Il successo delle rossoblù assume i contorni dell’impresa, considerato l’andamento dei primi due set, a senso unico a favore delle rosa. E invece progressivamente le ragazze di Stefano Lavarini hanno cambiato marcia, difendendo alla morte e attaccando senza più paura, con Celeste Plak e l’ex Alessia Gennari punte di una formazione che ha meritato il passaggio del turno. Non può che restare l’amaro in bocca alle casalasche di Massimo Barbolini, praticamente perfette per due set e poi sorprese dalla verve di Bergamo. Al tie-break si decide tutto in un soffio: sul 13-13 Piccinini, fin lì tremendamente concreta, subisce il muro di Aelbrecht e poi mette fuori. La Foppa ritorna in finale a due anni di distanza e, come accadde al PalaVerde, affronterà la Nordmeccanica Piacenza. La Pomì manca invece la prima finale di Coppa Italia, ma non dice affatto addio agli altri obiettivi stagionali.

La cronaca. La Pomì parte con lo starting six collaudato: Lloyd al palleggio, Kozuch opposta, Tirozzi e Piccinini in banda, Stevanovic e Gibbemeyer centrali, Sirressi libero. La Foppapedretti mette in campo Lo Bianco opposta a Barun, Sylla e Gennari in posto 4, Aelbrecht e Paggi al centro, Cardullo libero.

L’avvio di match è nel segno delle rosa. Kozuch fa 3-2, poi dopo il mani out di Gennari 5-4, la Pomì scatta 9-5; Piccinini difende e Tirozzi colpisce per l’ 11-7. L’ex Gennari cerca di stare a contatto, firmando il 13-10. Di Barun il -2 (14-12). La Foppa ha l’occasione del pareggio, ma il muro a tre della Pomì frena la croata (15-13), poi Piccinini si mette in proprio e stampa Aelbrecht per il time out Lavarini. Urlo di Sylla, muro del 16-15. In un attimo la Pomì sfrutta le incertezze rossoblù e schizza 19-15 sul mancino largo di Barun. Sotto di cinque, Lavarini tenta la carta Plak. Primo tempo vincente di Gibbemeyer, 21-15. La compagna di reparto Stevanovic la imita per il 23-17 e poi respinge Sylla per il 24-17. Il set sembra finito, in realtà il Video Check lo prolunga fino al 25-19.

La Foppa approccia con difficoltà il secondo parziale, 7-4 sull’ace di Stevanovic. Piccinini sbatte per due volte contro Aelbrecht, poi passa e firma il 10-6. Ancora la regina fa 12-6. La sfida sale di tono, perché Bergamo prova a difendere con più intensità. Ma il vantaggio è sempre delle rosa, l’ace di Kozuch vale il 16-10. Ace anche di Tirozzi per il 18-11. La Pomì dilaga con la fast in parallela di Stevanovic (20-11). Nella metà campo della Foppa, intanto, dentro Frigo e Mambelli. La capitana rosa firma l’ace del 22-11, poi muro di Lloyd e ancora di Stevanovic e il set si chiude velocemente.

Più equilibrio nel terzo parziale. Tirozzi fa 3-3. Ace di Barun, muro a uno di Lloyd e 6-6. Bergamo riparte, approfittando del cattivo palleggio di Lloyd (8-10). Gibbemeyer mura Paggi, pallonetto di Tirozzi e sorpasso 11-10. La capitana mura e il parziale di 4-0 porta avanti le rosa 12-10 al time out tecnico. La Foppa è in partita, con una Barun concentrata e una Gennari chirurgica (15-14). Spettacolare contrattacco di Kozuch, cui replica Plak per il 18-18. Con Durisic in campo, la Foppa scatta sul 19-21. Invasione sull’attacco di Barun, mani out di Gennari (20-23). Plak conquista il primo set point. Il primo viene annullato da una prodezza di Tirozzi. Sul secondo Piccinini non può evitare il contatto con l’astina ed è 22-25.

In campo ora c’è un’altra partita, perché la Foppa con Plak e Barun insieme e Durisic al centro è più determinata. Il punteggio resta in equilibrio, tra l’attacco di Kozuch e il muro di Plak (7-8). Due punti di Durisic entusiasmano lo spicchio di tifosi rossoblù, che sull’8-10 ci credono. Barbolini ferma il gioco, al rientro Gennari allarga la forbice. Con la botta di Barun, non contenuta dal muro casalasco, Bergamo resta a +3 (10-13). Piccinini e Gibbemeyer picchiano, Lo Bianco ricama (13-16). Quando meno il pubblico se l’aspetta, la Pomì ribalta con Tirozzi e l’errore di Durisic, fino al 17-16 che costringe Lavarini allo stop. Rosa superlative, ancora Tirozzi dopo il salvataggio di Piccinini su Plak fa 20-17. Rientra Sylla, la Foppa si riavvicina con Gennari (20-19). Altro punto pazzesco con Lo Bianco a difendere e Gennari a colpire, parità. Show rossoblù, Barun e muro di Gennari per il 20-22. Al servizio Rossi Matuszkova, che poi subisce il muro di Aelbrecht (21-23). Fuori l’attacco Pomì e tre set point. Stevanovic annulla il primo, poi Barun chiude 22-25.

Parte il tie-break con il primo tempo di Gibbemeyer. Subito video check, ma la palla di Tirozzi è sulla riga (2-0). Durisic regala il servizio (3-1), Tirozzi anche (4-3). Torna a saltare Sylla, pipe vincente di Gennari e 5-5. Kozuch e Piccinini ridanno fiato alle casalasche, 7-5. Sempre Piccinini con il diagonale stretto, 8-5 al cambio campo. Dentro Plak, cambio palla immediato. E Barun griffa l’8-7. Partita meravigliosa, la Foppa ricostruisce e con Barun pareggia. Piccinini e poi Plak, classe e potenza. Il 10-9 è un tracciante di Tirozzi. Durisic sbaglia nuovamente il servizio (11-10), ma Kozuch angola troppo la palla piazzata. Il primo vantaggio della Foppa nel quinto è di Gennari, 11-12. Time out Barbolini. Il servizio al salto di Barun è in rete e allora ferma il gioco pure Lavarini. Gennari indirizza bene sul muro, 12-13. Palla a Plak, inchiodata da Stevanovic per la parità. Muro di Aelbrecht su Piccinini, match point Bergamo. Palla di nuovo a Piccinini, out. Come conferma l’ultimo Video-Check. In Finale ci va la Foppa.




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.