DON CENTOFANTI – VANGELO DI DOMENICA 14 APRILE E COMMENTO

61

VANGELO – Lc 24,35-48 Domenica 14 aprile 2024, III Domenica di Pasqua, anno B

In quel tempo, [i due discepoli che erano ritornati da Èmmaus] narravano ciò che era accaduto lungo la via e come l’avevano riconosciuto nello spezzare il pane.Mentre essi parlavano di queste cose, Gesù in persona stette in mezzo a loro e disse: «Pace a voi!». Sconvolti e pieni di paura, credevano di vedere un fantasma. Ma egli disse loro: «Perché siete turbati, e perché sorgono dubbi nel vostro cuore? Guardate le mie mani e i miei piedi: sono proprio io! Toccatemi e guardate; un fantasma non ha carne e ossa, come vedete che io ho». Dicendo questo, mostrò loro le mani e i piedi.Ma poiché per la gioia non credevano ancora ed erano pieni di stupore, disse: «Avete qui qualche cosa da mangiare?». Gli offrirono una porzione di pesce arrostito; egli lo prese e lo mangiò davanti a loro.

Poi disse: «Sono queste le parole che io vi dissi quando ero ancora con voi: bisogna che si compiano tutte le cose scritte su di me nella Legge di Mosè, nei Profeti e nei Salmi». Allora aprì loro la mente per comprendere le Scritture e disse loro: «Così sta scritto: il Cristo patirà e risorgerà dai morti il terzo giorno, e nel suo nome saranno predicati a tutti i popoli la conversione e il perdono dei peccati, cominciando da Gerusalemme. Di questo voi siete testimoni».

***

 

Gesù risorto appare spesso mentre parlano, discutono, di lui. Mette pace nei cuori. Dunque non solo pace con lui  ma anche tra loro. Che dono meraviglioso, come ne abbiamo bisogno! Una luce che aiuta a vedere e a vivere tante cose in modo nuovo e che, accolta, cresce, con ogni bene. Non è automatico, perché solo Dio sa le strade di ciascuno, ma ho visto famiglie piene di prove e una persona toccata dalla grazia, da questo “pace a voi”, che spesso senza tante parole con la vita favorisce aggiustamenti positivi in tutta la famiglia. Certo se vivi nel bene Dio comunque sa come arrivare e cosa fare attraverso di te anche agli altri.

Il passaggio dalla mera materialità alla vita nello Spirito può comportare talora la fatica di venire portati in una esistenza nuova, sconosciuta. Dunque in certi casi se vengono momenti di confusione, di turbamento per qualcosa, non si tratta di mancanza di fede ma di prendere le misure per discernere il senso equilibrato, semplice e sereno, pieno di buonsenso nella fede, della vita spirituale. Ed è bello vedere che Gesù aiuta proprio in tal senso. Lo Spirito autentico non è disumano, disincarnato, ma fa respirare, rinascere, l’umano. Gesù sta con loro, porta serenità, fiducia, vicinanza umana, confidenza, mangia con loro, condivide con loro la vita concreta. San Giovanni nella sua prima lettera afferma che ogni spirito, ossia ogni persona, che riconosce che Gesù Cristo è venuto nella carne è da Dio. Né solo cielo né solo terra, queste sono distorsioni della fede semplice e autentica: Gesù ci porta nel suo cuore, nel suo discernere, divino e umano. Non fanatismi, stranezze, cupezze: lo Spirito scende come una colomba dice il Battista, semplice e sereno. Né solo sguardi terreni perché quando Dio dona la fede orienta gradualmente a vedere e a vivere ogni cosa in lui, col suo sguardo di amore, di luce, di speranza nel suo disegno di amore e di vita.

Dio non è  un computer, un’azienda, del bene ma amore vicino a tutti i nostri bisogni, le nostre sofferenze, timori, speranze. Così amati anche noi veniamo orientati gradualmente ad amare gli altri non con religiosità formali ma di cuore, con sincera vicinanza, attenzione discreta e benevola a tutta la loro vita. Come Gesù in questo brano.

Di questo amore meraviglioso Gesù testimonia che è vero fino in fondo, fino a dare la vita, e col suo aiuto anche l’uomo può amare sempre più profondamente e se Dio permette certe sofferenze esse non sono per la morte ma per la vita. Ci riapre tutte le porte della fiducia.

Perché se è così buono non mi dà tutto subito? Senza lo Spirito non lo riconoscerei, non lo accoglierei, lo perderei magari chiudendomi e inceppandomi alla minima difficoltà. Dio mi aiuta a maturare nello Spirito sulla via che costruisce cose vere e solide.




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *