Giustizia per Serena Shim!

136

siria cartina

Un anno fa moriva Serena Shim, giornalista di Press TV, in uno “strano” incidente stradale.
Serena aveva realizzato diversi reportage che testimoniavano la collaborazione della Turchia con l’Isis.
Pochi giorni prima della sua morte, aveva subito anche minacce dai servizi segreti turchi.
Un anno è passato e ancora nessuna giustizia è stata fatta.

Serena Shim era una giornalista americana di origini libanesi, lavorava per Press Tv Istanbul: ufficialmente è morta in un drammatico incidente stradale.

Ma un incidente quantomeno sospetto, stava rientrando in albergo in Turchia, al confine con la Siria e la sua auto si è scontrata con un mezzo pesante.

Serena aveva saputo che l’intelligence turca la considerava una spia e si era confidata con i colleghi, la giornalista aveva denunciato l’ambigua posizione turca rispetto alla questione Isis nella zona di Kobane e temeva di essere arrestata.

Serena Shim aveva raccontato in diretta tv di aver visto truppe di miliziani Isis trasportati su camion dell’Onu, raccontava fatti con chiaro riferimento al ruolo della Turchia nel conflitto in Siria e alla “collaborazione di Ankara con i terroristi”.

Cosa sia realmente accaduto ancora non è dato sapere, le autorità turche, insieme a quelle occidentali hanno steso una cortina di silenzio sulla sua tragica dipartita




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.