Yemen – Orrore per le suore assassinate e l’intolleranza contro i cristiani

suore assassinate
Ancora nessuna certezza sul movente e i mandanti del brutale assalto di ieri nei pressi di Aden in Yemen, nella casa di assistenza gestita dalle Missionarie della Carità. Quattro le religiose assassinate insieme ad altre 12 persone e un salesiano rapito mentre pregava in cappella.

Si chiamavano invece Anselm, Marguerite, Judit e Reginette le suore che dal Rwanda, dall’India e dal Kenya da anni su richiesta del governo accoglievano e curavano gli ultimi di Aden nella casa dove uomini armati e in uniforme le hanno cercate e uccise. Già nel “98 due di loro erano morte così, poi la distruzione della chiesa della Sacra Famiglia a Aden. Infine, la guerra civile che da oltre un anno, per mano dei ribelli Houthi, ha richiamato in Yemen, Iran e Arabia Saudita e ha reso il Paese un caos: 14 milioni di persone sono a rischio malnutrizione, seimila sono i civili morti.

“Più la Chiesa è vicina a Gesù Cristo, più partecipa della sua passione”. Per questo la strage compiuta da un commando armato nella residenza per anziani e disabili affidata alle cure delle suore di Madre Teresa è anche “un segno che questa Congregazione è molto vicina è Gesù Cristo, perché chi si avvicina a Gesù Cristo si avvicina anche alla sua croce. Nessun cristiano che resta lontano da Cristo sarà mai sfiorato da persecuzione, ma chi si avvicina a Cristo è coinvolto nella sua passione e nella sua morte, per esserlo anche nella gloria della sua vittoria”.

Così il Vescovo Camillo Ballin MCCJ, Vicario apostolico per l’Arabia Settentrionale, invita a guardare il massacro di Aden alla luce dell’esperienza martiriale che accompagna tutta la vicenda della Chiesa nel suo camminare nella storia. I massacratori hanno mirato a colpire persone inermi, che non avevano nulla a che vedere con i conflitti che devastano la regione, e che non facevano male a nessuno. “Le suore trucidate stavano dando la loro vita per servire anziani e disabili. Già nel 1998 tre Missionarie della Carità erano state massacrate a bastonate. Ho potuto vedere i loro volti sfigurati dai colpi di bastone. Vuol dire che davvero questa Congregazione segue Gesù da vicino, e può essere un monito anche per noi che apparteniamo a altre famiglie religiose”.
“Questi colpi di violenza” aggiunge il Vescovo comboniano “vanno anche collegati allo squilibrio prodotto nella zona con la cancellazione di sanzioni all’Iran, che ora è diventato più potente e aperto. C’entra anche la corsa a abbassare il prezzo del petrolio e la lotta per l’egemonia nella regione, tra l’Arabia che vuole conservare il suo impero wahabita e l’Iran che vuole ripristinare l’impero persiano”.
Papa Francesco ha definito la strage di Aden come un “atto di violenza insensata e diabolica”, e in un messaggio diffuso attraverso il Segretario di Stato cardinale Pietro Parolin ha pregato che il sacrificio delle suore e dei loro amici e collaboratori “svegli le coscienze, guidi a un cambiamento dei cuori e ispiri tutte le parti a deporre le armi e a intraprendere un cammino di dialogo”.

Sgomento per quanto accaduto c’è anche nel cuore del vicario apostolico dell’Arabia meridionale, mons. Paul Hinder, che più volte ha visitato la comunità di Aden e le suore.

“Si rivolta il cuore quando si vede gente capace di uccidere queste suore, e forse anche nel nome di Dio: come ha detto il Papa è un atto, diciamo, diabolico! Io le ho visitate parecchie volte e ho visto con quanta dedizione, con quanto amore si siano prese cura di queste persone. Veramente una testimonianza di carità e di vicinanza a tutti coloro che sono lasciati sulla strada. Tanta gente, anche in Yemen, è ferita veramente nel profondo, vedendo cosa capita. Perché è poi la povera gente che ne soffre. Loro mi hanno detto – sin dall’inizio, un anno fa – quando è cominciata la guerra: “Noi dobbiamo rimanere con il popolo, con i nostri poveri, qualunque cosa succeda”. Veramente un sacrificio di vita, veramente una positiva contro testimonianza rispetto all’atto che hanno fatto questi criminali.




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *